But­ta­fuo­co La pro­fe­zia di Pan­sa

IL PAE­SE A NUDO Il gior­na­li­sta scom­par­so lo scor­so gen­na­io rac­con­ta il fu­tu­ro leg­gen­do le trac­ce del pre­sen­te: tra un pre­mier-ge­ne­ra­le e quel fo­sco pre­sa­gio del loc­k­do­wn: “Il Nord sta peg­gio del Sud”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - PIETRANGEL­O BUT­TA­FUO­CO

La pri­ma co­sa che fa Giam­pao­lo Pan­sa è ri­cor­da­re. Di fron­te a un fat­to nuo­vo gli ba­sta un col­po d’oc­chio e già sa, for­te di me­mo­ria, co­me an­drà a fi­ni­re. Do­po aver rac­con­ta­to il pas­sa­to, al cul­mi­ne del­la sua stes­sa vi­ta, rac­con­ta il fu­tu­ro.

Con un pie­de nel gior­na­li­smo e un pie­de nel­la let­te­ra­tu­ra, l’in­vin­ci­bi­le Giam­pa si pre­sen­ta in que­sto pre­ci­so mo­do: “So­no un bam­bi­no del­la guer­ra”. Fi­glio di un’epo­ca ap­pas­sio­na­ta di av­ve­ni­re, na­to nel 1935, non ha un na­so­ne da mo­ra­li­sta da ar­ric­cia­re e ve­de il do­ma­ni at­tra­ver­so ciò che ri­cor­da. Pren­de la sua Ita­lia e, in­ve­ce di ma­sche­rar­la di or­pel­li, la met­te a nudo con la sua ef­fi­ca­cia dram­ma­tur­gi­ca, con la bru­ta­li­tà sua, sem­pre con­ci­sa, di fran­chez­za e scan­zo­na­ta lu­ci­di­tà. Ar­ma­to di fan­ta­sia Pan­sa com­bat­te ogni fal­si­tà. Con so­lo l’estro del­la sua im­ma­gi­na­zio­ne – scio­glien­do­ne le bri­glie – tra­vol­ge ogni dop­piez­za im­pia­stric­cia­ta di re­to­ri­ca: “Co­me sa­rà l’ita­lia tra­vol­ta dal­la cri­si glo­ba­le?”. Pan­sa, che pu­re non c’è più dal 12 gen­na­io scor­so – quan­do era più pro­ba­bi­le che ar­ri­vas­se un me­teo­ri­te sul­la Ter­ra, non il Co­ro­na­vi­rus – un’ita­lia or­mai co­sì rot­ta l’ha già vi­sta e pre­vi­sta: “Nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni può ac­ca­de­re ciò che di so­li­to av­vie­ne quan­do c’è una guer­ra”. E nel­la vi­ta di que­sti no­stri gior­ni è dav­ve­ro ac­ca­du­to ciò che di so­li­to ac­ca­de nel do­po­guer­ra.

L’ope­ra sua in­com­piu­ta, que­sto li­bro po­stu­mo cui de­di­ca i suoi ro­vel­li già dal 2012, com­ple­ta il Be­stia­rio del do­ma­ni. Ci so­no li­bri che – fi­glia­ti dal me­stie­re – si scri­vo­no e ce ne so­no al­tri che si of­fro­no co­me do­no, scrit­ti con l’ani­ma in ma­no, ge­ne­ra­ti dal­la pie­nez­za di vi­ta. Que­sto è il ca­so de L’ita­lia si è rot­ta, che è cer­ta­men­te la Tu­ran­dot di Giam­pao­lo Pan­sa, un’in­com­piu­ta il cui com­ple­ta­men­to ri­chie­de la com­pli­ci­tà di un fi­na­le aper­to. Leg­ger­lo è co­me il sa­lu­to fra­ter­no al­la sua Om­bra e la sua vo­ce è una mes­sa in sce­na dell’ im­ma­gi­na­rio: un ve­ro e pro­prio tea­tro di gior­na­li­smo e let­te­ra­tu­ra do­ve la com­me­dia del­la va­ria uma­ni­tà d’ita­lia, un gior­no – ma è già giun­to, or­mai è tem­po –, si met­te al­la ro­ve­scia. Co­me an­drà a fi­ni­re in Ita­lia è pre­sto det­to. A pas­so spe­di­to si va ver­so il tra­col­lo. La de­cre­sci­ta si ac­com­pa­gna al ma­ra­sma ci­vi­le e al caos so­cia­le: Ro­sy Bin­di ri­nun­cia al­la sua pro­mes­sa ver­gi­na­le, spo­sa un gen­ti­luo­mo e ne fa uno schia­vo ses­sua­le, Ni­chi Ven­do­la la­scia il ma­ri­to e scap­pa con una bel­la fem­mi­na e Da­rio Fran­ce­schi­ni, in­fi­ne, sem­pre più bar­bu­to e stan­co del­la po­li­ti­ca, si de­di­ca al suo me­stie­re di ro­man­zie­re. “Ma ades­so – an­no­ta Pan­sa nel­la sua di­vi­na­zio­ne – ha scel­to di de­di­car­si al ge­ne­re por­no­gra­fi­co, il fi­lo­ne che va di mo­da nel mer­ca­to li­bra­rio. E i suoi ro­man­zi han­no un suc­ces­so in­spe­ra­to”. Ec­co la ca­re­stia mo­ra­le che è se­gui­ta al­la pan­de­mia. Ed ec­co la scar­sez­za dei mez­zi. La po­ver­tà cre­scen­te che af­flig­ge­va la na­zio­ne di­ven­ta ciò che ades­so tut­ti ve­do­no. Un col­po d’oc­chio, e Pan­sa già co­glie l’ac­cad­de do­ma­ni: un’ap­pa­ri­zio­ne di al­tri tem­pi, co­me nei mer­ca­ti­ni del­la po­ver­tà do­ve il Nar­ra­to­re – l’al­ter ego dell’io nar­ran­te è quel­lo di Gior­gio De Lu­ca, un an­zia­no gior­na­li­sta pie­mon­te­se – scor­ge “to­va­glie ri­ca­ma­te usa­te po­che vol­te per pran­zi di Na­ta­le e Ca­po­dan­no”. Sui ban­chi di ban­ca­rel­le im­prov­vi­sa­te si tro­va­no le ric­chez­ze da lun­go tem­po ri­po­ste nei cas­set­ti e ne­gli ar­ma­di, ades­so ce­du­te da don­ne co­stret­te con la mor­te nel cuo­re a da­re via i te­so­ri ac­qui­sta­ti nei gior­ni fe­li­ci. Una di que­ste si­gno­re è una sua vec­chia fiam­ma. Lui, sor­pre­so, col gu­sto del suo me­stie­re, le chie­de: “Co­me mai sei qui?” e nel­la ri­spo­sta che il Nar­ra­to­re ri­ce­ve c’è la cro­na­ca di og­gi. “Mio ma­ri­to – rac­con­ta la donn – è sta­to li­cen­zia­to co­me al­tri del­la sua azien­da. Per un ma­na­ger del­la sua età non c’è nes­su­na via di usci­ta. Do­po de­cen­ni di be­nes­se­re, ades­so ab­bia­mo pro­ble­mi pe­san­ti”. Ie­ri, dun­que, è già do­ma­ni. Era­va­mo po­ve­ri, tor­ne­re­mo po­ve­ri. L’ita­lia si è rot­ta è il con­tro­can­to all’ita­lia s’è de­sta. Lo sfa­sciar­si di que­sta po­ve­ra pa­tria lo spe­ri­men­tia­mo fin nel più pit­to­re­sco dei det­ta­gli. Co­me la Ri­vol­ta dei For­co­ni ri­na­ti. Quan­do Pan­sa scri­ve que­ste pa­gi­ne gli ita­lia­ni nep­pu­re se lo im­ma­gi­na­no un sa­ba­to di at­tar­da­ta pan­de­mia a Mi­la­no, in piaz­za Duo­mo, col con­ci­ta­to ge­ne­ra­le An­to­nio Pap­pa­lar­do fo­de­ra­to d’aran­cio­ne im­pe­gna­to ad as­sem­bra­re i suoi For­co­ni, ep­pu­re que­sta sce­na è vi­sta e pre­vi­sta dal Nar­ra­to­re. E il Nar­ra­to­re – sia chia­ro – non è cer­to uno che vi­ve di vec­chi aned­do­ti. Gior­gio De Lu­ca, il per­so­nag­gio che pre­sta vo­ce a Pan­sa in que­sto li­bro, ar­ri­va d’an­ti­ci­po su tut­to: il Par­ti­to del­le Don­ne, la Le­ga del­le ba­dan­ti, e Vla­di­mir Pu­tin scon­fit­to in Ver­si­lia. C’è an­che un ge­ne­ra­le al­la gui­da del go­ver­no nell’ita­lia rot­ta, “un cer­to Sil­ve­stro Ram­bau­do”, l’uni­co in gra­do di col­ma­re il vuo­to la­scia­to dal­la con­gre­ga dei par­ti­ti, tut­ti ma­la­ti ter­mi­na­li. Un im­pre­vi­sto da rias­su­me­re co­sì: “L’ita­lia ha bi­so­gno di un go­ver­no af­fi­da­to a un uo­mo di pol­so, che non ab­bia in­te­res­si elet­to­ra­li, un tec­ni­co ca­pa­ce di te­ne­re in pu­gno un Pae­se che si sfal­da”. Non è un gol­pe, que­sto del ge­ne­ra­le, piut­to­sto uno scac­co al­la Ca­sta che in quel 2021, sen­za la Ba­le­na de­mo­cri­stia­na e l’ele­fan­te co­mu­ni­sta è la ca­ri­ca­tu­ra di ciò che fu... Ti­ra pro­prio una brut­ta aria – ti­po an­ni Set­tan­ta, per in­ten­der­si – e tor­na in vo­ga un ver­bo or­mai de­sue­to: “Gam­biz­za­re”. L’ac­cad­de do­ma­ni è il con­trav­ve­le­no di ogni re­to­ri­ca. È il 2022 nel­la pre­vi­sio­ne of­fer­ta da Pan­sa, e “il Nord sta peg­gio del Mez­zo­gior­no”. Det­to, fat­to. Sem­bra di aver­la già sen­ti­ta que­sta no­ti­zia. Ed è già nei fat­ti. “I con­su­mi con­ti­nua­no a ri­dur­si” si leg­ge in que­ste pa­gi­ne. “I ne­go­zi ven­do­no le mer­ci sot­to­co­sto, ma gli ac­qui­ren­ti di­mi­nui­sco­no a vi­sta d’oc­chio”. Quel che il fo­glio di Pan­sa de­scri­ve ha una sor­pren­den­te cor­ri­spon­den­za con la real­tà an­co­ra di là da ve­ni­re. Il Nord, ap­pun­to: Co­do­gno, Ber­ga­mo, la stes­sa Mi­la­no, l’in­te­ro si­ste­ma Lom­bar­dia. Ar­ri­va­no i me­si del loc­k­do­wn e, se non è pro­fe­zia, è quan­to­me­no pre­sa­gio.

FO­TO AGF

Co­me Tu­ran­dot L’ul­ti­mo – in­com­piu­to – li­bro di Giam­pao­lo Pan­sa (19352020), un po’ co­me l’ope­ra di Puc­ci­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.