Pu­glia e Mar­che: Me­lo­ni vuol fa­re Miss Re­gio­na­li

Il Fatto Quotidiano - - PRIMO SFOGLIO - » Ila­ria Proietti

L’uni­ca spe­ran­za di in­te­star­si la vit­to­ria e con­fer­ma­re la sua lea­der­ship nel­la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra è che a Mat­teo Sal­vi­ni rie­sca l’im­pre­sa più gran­de. Al­tri­men­ti per lui le Re­gio­na­li di set­tem­bre sa­ran­no un ba­gno di san­gue. Ma far eleg­ge­re la sua Su­san­na Ceccardi in To­sca­na è più che al­tro una mis­sion im­pos­si­ble e non so­lo per­ché i son­dag­gi so­no ne­fa­sti.

LA BAT­TA­GLIA ri­cor­da mol­to da vi­ci­no quel­la com­bat­tu­ta ap­pe­na po­chi me­si fa in Emi­lia-ro­ma­gna in cui il pre­si­den­te Ste­fa­no Bo­nac­ci­ni è ve­nu­to giù a va­lan­ga tra­vol­gen­do la can­di­da­ta del Car­roc­cio, Lu­cia Bor­gon­zo­ni, sen­za nem­me­no bi­so­gno dell’aiu­ti­no 5stel­le. Che non han­no aiu­ta­to il go­ver­na­to­re del Pd, ma nem­me­no lo han­no dan­neg­gia­to più di tan­to: Bo­nac­ci­ni ha fat­to da sé stra­paz­zan­do l’aspi­ran­te go­ver­na­tri­ce, che una vol­ta scon­fit­ta ha pu­re ri­nun­cia­to a en­tra­re in con­si­glio re­gio­na­le pre­fe­ren­do man­te­ne­re il seg­gio al Se­na­to. “In To­sca­na, la Le­ga non vin­ce nem­me­no se Sal­vi­ni si at­tac­ca ai cam­pa­nel­li di tut­ta Fi­ren­ze” gon­go­la qual­cu­no in For­za Ita­lia, che ri­cor­da la per­for­man­ce del Ca­pi­ta­no in cam­pa­gna elet­to­ra­le a Bo­lo­gna quan­do pre­se a ci­to­fo­na­re a un pre­sun­to spac­cia­to­re a fa­vo­re di te­le­ca­me­re.

Cer­to, il par­ti­to di Sil­vio Ber­lu­sco­ni ha po­co da ri­de­re: Gio­van­ni To­ti in Li­gu­ria, è ve­ro, sa­rà pro­ba­bil­men­te rie­let­to. Ma la cor­sa di Ste­fa­no Cal­do­ro con­tro Vin­cen­zo De Lu­ca in Campania è tut­ta in sa­li­ta. Spe­cie ora che Ar­man­do Ce­sa­ro, fi­glio del ras az­zur­ro Lui­gi, ha fat­to un pas­so di la­to: non si can­di­de­rà (no­no­stan­te nel 2015 sia sta­to il più vo­ta­to a pa­laz­zo San­ta Lu­cia) do­po che Sal­vi­ni ha mes­so un ve­to sul suo no­me. Fa­rà cam­pa­gna elet­to­ra­le co­mun­que – pro­met­te –, ma l’en­tra­ta a gam­ba te­sa nei suoi con­fron­ti da par­te del lea­der del Car­roc­cio a cui Sil­vio Ber­lu­sco­ni non ha sa­pu­to re­si­ste­re, non l’ha di­ge­ri­ta. “Sal­vi­ni fa il suo gio­co, non mi vo­le­va per­ché pen­sa di ra­ci­mo­la­re qual­che vo­to in più”, si sfo­ga l’ere­de di Gig­gi­no ’a pur­pet­ta, in­di­gna­to con lui al pun­to che lad­do­ve Cal­do­ro do­ves­se spun­tar­la sa­li­rà sul pal­co a fe­steg­giar­lo. Ma a pat­to che su quel­lo stes­so pal­co non ci sia an­che Sal­vi­ni. Che non ama Cal­do­ro e men o che mai Fran­ce­sco Ac­qua ro­li e Raf­fae­le Fit­to di Fra­tel­li d’ita­lia, che ten­te­ran­no di con­qui­sta­re ri­spet­ti­va­men­te Mar­che e Pu­glia.

Fi­no all’ul­ti­mo istan­te ha ten­ta­to di met­te­re in di­scus­sio­ne con gli al­lea­ti del cen­tro­de­stra le can­di­da­tu­re nel­le due re­gio­ni che so­no più con­ten­di­bi­li al cen­tro­si­ni­stra. Cer­can­do di piaz­za­re due no­mi le­ghi­sti an­che al prez­zo di sa­cri­fi­ca­re Ceccardi in To­sca­na. Per­ché se dav­ve­ro al cen­tro­de­stra riu­scis­se di de­tro­niz­za­re Mi­che­le Emi­lia­noin Pu­glia e bat­te­re Maurizio Man­gia­lar­di nel­le Mar­che, la vit­to­ria sa­rà più che al­tro di Gior­gia Me­lo­ni. Sal­vi­ni, in­som­ma, re­ste­reb­be a boc­ca asciut­ta: gli re­ste­reb­be di ral­le­grar­si per il ri­sul­ta­to scon­ta­to in Ve­ne­to di Lu­ca Za­ia, che vin­ce da sé. Sen­za bi­so­gno del Ca­pi­ta­no e dei suoi tour elet­to­ra­li a ba­se di sel­fiee ba­gni di fol­la da­ti in pa­sto al­la Be­stia so­cial del fe­de­lis­si­mo Lu­ca Mo­ri­si. Con­ti al­la ma­no le Re­gio­na­li po­treb­be­ro ri­di­men­sio­na­re Sal­vi­ni.

LO SAN­NO an­che i suoi al­lea­ti che in­fat­ti pos­so­no per­met­ter­si il lus­so del­la ge­ne­ro­si­tà che si ri­ser­va a chi non sta mes­so be­ne: “Sa­rà una vit­to­ria del­la coa­li­zio­ne e

FO­TO ANSA

Rap­por­ti te­si Sal­vi­ni, Fit­to e Me­lo­ni. A de­stra, la pro­te­sta a Mon­dra­go­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.