La de­stra tor­na in piazza: B. e Me­lo­ni con­tro Sal­vi­ni

Il Fatto Quotidiano - - POLITICA - » Ila­ria Pro­iet­ti e Gianluca Roselli

Sil­vio Ber­lu­sco­ni e Giorgia Me­lo­ni han­no chie­sto ga­ran­zie pre­ci­se. Re­go­le fer­ree. Per im­bri­glia­re, per quan­to è pos­si­bi­le, Mat­teo Sal­vi­ni. Ed evi­ta­re in tut­ti i mo­di che si ri­pe­ta ciò che è an­da­to in sce­na il 2 Giu­gno scor­so, con il lea­der del­la Le­ga a far da mat­ta­to­re, una Me­lo­ni as­sai in­ner­vo­si­ta e un Ta­ja­ni che, ap­pe­na è sta­to pos­si­bi­le, si è de­fi­la­to, qua­si senza sa­lu­ta­re. Con un col­la­ge di as­sem­bra­men­ti ti­po mo­vi­da­del sa­ba­to se­ra e ma­sche­ri­ne ab­bas­sa­te co­me le ten­go­no i ra­gaz­zi: im­ma­gi­ni che han­no fat­to il gi­ro del mon­do e non han­no fat­to be­ne, quel gior­no, al­la po­li­ti­ca ita­lia­na.

Si era, in­fat­ti, da po­co usci­ti dal loc­k­do­wn e Sal­vi­ni ave­va una vo­glia ir­re­fre­na­bi­le di riab­brac­cia­re la piazza, la sua piazza, do­po le set­ti­ma­ne di asti­nen­za im­po­ste dall ’ emer­gen­za co­ro­na­vi­rus. Con i son­dag­gi sem­pre più in di­sce­sa che il Ca­pi­ta­no im­pu­ta pro­prio al di­stan­zia­men­to so­cia­le. “Ve­dre te quan­do si po­trà tor­na­re in piazza e in­con­tra­re le per­so­ne…”, il suo man­tra in tut­to que­sto pe­rio­do.

Co­sì, per que­sta nuo­va oc­ca­sio­ne, la ma­ni­fe­sta­zio­ne di sa­ba­to pros­si­mo 4 lu­glio, FI e FDI han­no pre­te­so del­le re­go­le d’ingaggio stret­tis­si­me, al­tri­men­ti tut­to po­te­va an­da­re an­che a mon­te e for­se Ber­lu­sco­ni non si sa­reb­be nem­me­no trop­po di­spia­ciu­to. Quin­di, per “In­sie­me per l’ita­lia del La­vo­ro”, que­sto il no­me scel­to per la ker­mes­se, la lo­ca­tion è sem­pre la stes­sa, piazza del Po­po­lo, ma con di­ret­ti­ve strin­gen­ti: 4.500 per­so­ne al mas­si­mo (4.200 è il nu­me­ro chie­sto dal­la Pre­fet­tu­ra), con un uni­co in­gres­so da via del Cor­so e usci­ta da piaz­za­le Fla­mi­nio. In­gres­si con­tin­gen­ta­ti con con­ta-per­so­ne e mi­su­ra­zio­ne del­la tem­pe­ra­tu­ra, tut­ti con la ma­sche­ri­na e, inol­tre, nes­sun sim­bo­lo di par­ti­to. “Vogliamo at­te­ner­ci al­le re­go­le, per­ché il te­ma è se­rio e non vogliamo che vi sia­no polemiche. De­vo­no essere i con­te­nu­ti a emer­ge­re”, spie­ga Ro­ber­to Cal­de­ro­li, che ie­ri ha par­te­ci­pa­to a un ver­ti­ce per sta­bi­li­re i ter­mi­ni dell’or g an i zz az i on e con Maurizio Ga­spar­ri e Igna­zio La Rus­sa.

CO­SÌ, PER DI­RE, non ci sa­ran­no nem­me­no pull­man del­la Le­ga in di­sce­sa dal Nord, ma Sal­vi­ni si af­fi­de­rà al­le for­ze del mo­vi­men­to di Ro­ma e Lazio. I tre par­ti­ti, in teo­ria, do­vran­no di­vi­der­si le pre­sen­ze: cir­ca 1.500 per­so­ne a te­sta. Sa­rà co­sì? Chis­sà… Qual­che ma­li­gno pe­rò sus­sur­ra che un se­gna­le di ri­co­no­sci­men­to po­treb­be­ro essere pro­prio le ma­sche­ri­ne: tri­co­lo­ri quel­le di FDI e co­sì via. “Stia­mo la­vo­ran­do per­ché sia una ma­ni­fe­sta­zio­ne or­di­na­ta. Noi di FDI ab­bia­mo pro­po­sto di ga­ran­ti­re le di­stan­ze at­tra­ver­so i po­sti a se­de­re”, spie­ga La Rus­sa, ca­po de­le­ga­zio­ne al ta­vo­lo del­le trat­ta­ti­ve con gli al­lea­ti del par­ti­to di Giorgia Me­lo­ni. Che, par di ca­pi­re, vuo­le “sfi­da­re” Sal­vi­ni sui con­te­nu­ti sul pal­co, do­ve è mae­stra, an­zi­ché sul ter­re­no dei s el fi e, do­ve gi­gan­teg­gia lui. L’ex Ca­va­lie­re ha in­ve­ce spe­di­to al­la riu­nio­ne Ga­spar­ri, che è com­mis­sa­rio del par­ti­to a Ro­ma, ol­tre che re­spon­sa­bi­le az­zur­ro de­gli en­ti lo­ca­li. Con un man­da­to che più com­pli­ca­to non si po­treb­be: per­ché Ber­lu­sco­ni non è af­fat­to fa­vo­re­vo­le all’ini­zia­ti­va che non “si ad­di­ce a chi è re­spon­sa­bi­le, den­tro il Palazzo e an­che nel­le piaz­ze

Ul­ti­ma­tum Gli al­lea­ti im­pon­go­no al lea­der le­ghi­sta con­di­zio­ni ben pre­ci­se per evi­ta­re la fi­gu­rac­cia del 2 Giu­gno

d’ita­lia, in un momento in cui ci so­no ancora fo­co­lai di Co­vid-19 spar­si nel Pae­se”. Ma i suoi al­la fi­ne l’ha nno con­vin­to per­ché non si può re­sta­re nel mez­zo: “O si fa o non si fa. E, se si è de­ci­so di an­da­re, bi­so­gna che an­che noi fac­cia­mo la no­stra par­te”, so­no le voci da den­tro.

CER­TO,

l’al­tra vol­ta, il 2 giu­gno, An­to­nio Ta­ja­ni si era de­fi­la­to su­bi­to, vi­sto l’an­daz­zo. Ora pe­rò Sal­vi­ni giu­ra che “si sta­rà at­ten­ti” e “ver­ran­no ri­spet­ta­te le re­go­le di di­stan­zia­men­to”. Sta di fat­to che la ma­ni­fe­sta­zio­ne di sa­ba­to, an­che se i te­mi so­no tut­ti eco­no­mi­ci e l’obiet­ti­vo è quel­lo di far sen­ti­re al go­ver­no il fia­to sul col­lo dell’op­po­si­zio­ne, in qual­che mo­do sa­rà an­che l’av­vio ufficiale del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le per le Re­gio­na­li di set­tem­bre. Do­ve il der­by nel cen­tro­de­stra tra Sal­vi­ni e Me­lo­ni sa­rà pro­ta­go­ni­sta di que­sta sor­ta di ele­zio­ni di mid-term. Una sfi­da che, no­no­stan­te a Ro­ma non si vo­ti, ini­zie­rà sa­ba­to, dal pal­co di piazza del Po­po­lo. Do­ve, ol­tre al­la tem­pe­ra­tu­ra dei par­te­ci­pan­ti, si mi­su­re­ran­no an­che i de­ci­bel de­gli ap­plau­si ai due lea­der.

FO­TO ANSA

Il pre­ce­den­te Sil­vio Ber­lu­sco­ni con An­to­nio Ta­ja­ni. Giorgia Me­lo­ni in piazza con Sal­vi­ni il 2 giu­gno

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.