Sal­via­to: «I no­stri non so­no pro­tet­ti»

Nel 2014 il tec­ni­co ve­ne­to è ri­ma­sto per 8 me­si nel­le ma­ni di un grup­po ji­ha­di­sta a To­bruk

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Ni­co­la De Ros­si MARTELLAGO (VENEZIA)

«Pur­trop­po tor­nia­mo sem­pre in­die­tro: i no­stri la­vo­ra­to­ri non so­no pro­tet­ti». Gian­lu­ca Sal­via­to, lu­ne­dì, al­la no­ti­zia dell'en­ne­si­mo ra­pi­men­to di due tec­ni­ci ita­lia­ni nel sud del­la Libia, è tor­na­to in­die­tro a due an­ni fa. Il 22 mar­zo 2014 an­che il 50en­ne tec­ni­co im­pian­ti­sta, ori­gi­na­rio di Martellago e re­si­den­te a Tre­ba­se­le­ghe, fu se­que­stra­to da un grup­po ji­ha­di­sta a To­bruk, do­ve si tro­va­va per la­vo­ro, e ri­ma­se per ot­to me­si nel­le ma­ni dei suoi ra­pi­to­ri. Le mo­da­li­tà del bli­tz so­no le stes­se.

«Nel mio ca­so si trat­ta­va di una ban­da di fon­da­men­ta­li­sti isla­mi­ci, qui sem­bra sia­no Tua­reg, ma com'è toc­ca­to a me an­che lo­ro so­no sta­ti bloc­ca­ti da un com­man­do ar­ma­to men­tre si re­ca­va­no al la­vo­ro in au­to spie­ga Sal­via­to - Do­po due an­ni sto me­glio e or­mai so­no rien­tra­to nel­la nor­ma­li­tà, ma ogni tan­to ho qual­che fla­sh­back di que­gli in­ter­mi­na­bi­li mo­men­ti e quan­do sen­to que­ste no­ti­zie è co­me se li ri­vi­ves­si: non so­no espe­rien­ze che si can­cel­la­no fa­cil­men­te. E pro­vo tan­ta rab­bia: la storia è sem­pre la stes­sa, i no­stri con­na­zio­na­li oc­cu­pa­ti in tan­te zo­ne ad al­to ri­schio nel mon­do non so­no ade­gua­ta­men­te pro­tet­ti», con­ti­nua il tec­ni­co di Tre­ba­se­le­ghe. «Que­sta è gen­te che ra­gio­na con un'al­tra te­sta, per lo­ro il ra­pi­men­to è all'or­di­ne del gior­no, non sai mai co­sa può suc­ce­de­re. Ma in que­sti mo­men­ti è fon­da­men­ta­le man­te­ne­re la cal­ma e non far­si pren­de­re dal­la pau­ra di fron­te a mal­vi­ven­ti ar­ma­ti e in­cap­puc­cia­ti che ti met­to­no con­ti­nua­men­te al­la pro­va, pun­tan­do­ti an­che il mi­tra al­la te­sta, co­me han­no fat­to con me. E, so­prat­tut­to, a lo­ro e ai lo­ro fa­mi­lia­ri vor­rei di­re di ave­re fi­du­cia nel­le isti­tu­zio­ni: gli uo­mi­ni del­la Far­ne­si­na san­no quel che fan­no e la­vo­ra­no be­ne. L'obiet­ti­vo del go­ver­no è e de­ve es­se­re quel­lo di ri­por­tar­li a ca­sa sa­ni e sal­vi a ogni costo, an­che se fos­se ne­ces­sa­rio pa­ga­re un ri­scat­to».

Do­po tan­ta ama­rez­za (il li­cen­zia­men­to da par­te del­la dit­ta Ra­va­nel­li per con­to del­la qua­le la­vo­ra­va in Libia e con­tro la qua­le è aper­ta una cau­sa di la­vo­ro) e le dif­fi­col­tà di tro­va­re un im­pie­go, ora Sal­via­to la­vo­ra di Lo­reg­gia, vi­ci­no a ca­sa: «Ma è so­lo un con­trat­to a ter­mi­ne. Qui in Ita­lia si fa la mi­se­ria, non c'è nien­te: la gen­te è co­stret­ta ad an­da­re all'este­ro e do­vrò tor­nar­ci an­ch'io. Ma non cer­to in Libia o in al­tri Pae­si in guer­ra: mai più».

AD OGNI COSTO

«Li­be­rar­li, an­che pa­gan­do ri­scat­ti»

TOR­NA­TO Gian­lu­ca Sal­via­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.