Co­sì lo Sta­to ha ab­ban­do­na­to le banche ve­ne­te

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni - DI LU­CIA­NO DUSSIN*

Quan­do lo Sta­to ab­ban­do­na le banche del Ve­ne­to... È co­sa no­ta che i ri­spar­mi de­gli al­tri fan­no co­mo­do. Se poi "gli al­tri" non op­pon­go­no re­si­sten­za, me­glio co­sì... Ri­leg­go ap­pun­ti di qual­che an­no fa scrit­ti in oc­ca­sio­ne di un mio in­ter­ven­to pres­so la Ca­me­ra dei de­pu­ta­ti su prov­ve­di­men­ti che ri­guar­da­va­no l'ob­bli­go co­sti­tu­zio­na­le del­lo Sta­to al­la "tu­te­la del ri­spar­mio dei cit­ta­di­ni"... Ri­cor­da­vo, che l'ob­bli­go c'era, ma non do­ve­va es­se­re a di­sca­pi­to di al­tri ri­spar­mia­to­ri e del­le at­ti­vi­tà del Nord del Pae­se. De­nun­ciai co­me fu svuo­ta­ta la Ca­ri­plo lom­bar­da per sal­va­re le dis­san­gua­te Cas­se di Pu­glia e Ca­la­bria (con pas­si­vi­tà di un mi­glia­io di mi­liar­di di li­re); che l'an­to­ve­ne­ta pa­do­va­na fu chia­ma­ta a com­prar­si ol­tre 150 spor­tel­li del­la Ban­ca di Roma (che ave­va 9.000 mld di li­re di per­di­te) per una ci­fra di 650 mi­liar­di di li­re; co­me la Ban­ca po­po­la­re di Bre­scia e la San Pao­lo di To­ri­no fu­ro­no chia­ma­te in soc­cor­so del Ban­co di Napoli (con per­di­te di 13.000 mi­liar­di di li­re); co­me Me­dio­cre­di­to, che con­trol­la­va mol­te banche del Nord, fu "in­te­res­sa­to" ad aiu­ta­re il po­lo ban­ca­rio si­ci­lia­no (so­lo Si­cil­cas­sa ave­va 6.000 mi­liar­di di li­re di pas­si­vi­tà). Chie­de­vo co­me po­te­va suc­ce­de­re que­sto, co­me mai nessun con­trol­lo aves­se sma­sche­ra­to ra­pi­ne di que­ste por­ta­te, e do­ve so­prat­tut­to fos­se­ro fi­ni­te le de­ci­ne di mi­glia­ia di mi­liar­di per­si. La ri­spo­sta, con il tem­po, me la so­no da­ta da so­lo: pro­ba­bil­men­te i "die­ci fio­ri", for­ti di li­qui­di­tà per 2.000 mi­liar­di di li­re, ac­qui­si­va­no pac­chet­ti azio­na­ri di con­trol­lo del­le banche del Nord, per poi in­fi­lar­ci den­tro qual­che lo­ro uo­mo pron­to ad apri­re pre­sti­ti ad al­tri "fio­ri" del Sud. In so­stan­za con i no­stri ri­spar­mi ab­bia­mo per­mes­so che qual­cu­no, uti­liz­zan­do­li, ci co­lo­niz­zas­se. E, quel che è peg­gio, in ogni ca­so era pre­sen­te e com­pli­ce lo Sta­to. I sal­va­tag­gi pub­bli­ci a fa­vo­re dei cor­ren­ti­sti e azio­ni­sti del­le banche del Sud era­no una ga­ran­zia, ahi­mè, pa­ga­ta dal­le banche del Nord. Entrate in cri­si que­ste ul­ti­me, an­che per re­spon­sa­bi­li­tà sog­get­ti­ve che de­vo­no es­se­re per­se­gui­te, ma que­sto va­le­va an­che per quel­le del Sud, non ab­bia­mo as­si­sti­to a nessun in­ter­ven­to dal­lo Sta­to. Vuol di­re che i cit­ta­di­ni azio­ni­sti del Nord han­no per­so tut­to e nes­su­no li ha aiu­ta­ti. Scri­vo que­sto per­chè quan­do se­guo le vi­cen­de che han­no in­te­res­sa­to la Po­po­la­re di Vi­cen­za e Ve­ne­to Ban­ca re­sto al­li­bi­to dal­la man­can­za dell'in­ter­ven­to pub­bli­co a tu­te­la del ri­spar­mio dei cit­ta­di­ni. In­som­ma, ci so­no le so­li­te due Ita­lie, una ga­ran­ti­ta dal vo­to tra­sver­sa­le dei suoi rap­pre­sen­tan­ti po­li­ti­ci, l'al­tra, la no­stra, che ve­de i no­stri par­la­men­ta­ri im­pe­gna­ti a duel­la­re tra lo­ro sca­ri­can­do­si ad­dos­so di tut­to, ma in­ca­pa­ci di fa­re qua­dra­to. Ri­cor­do be­nis­si­mo quan­do l'on. De Mi­ta si fion­dò in com­mis­sio­ne par­la­men­ta­re in oc­ca­sio­ne del­la di­scus­sio­ne sul prov­ve­di­men­to del sal­va­tag­gio del Ban­co di Napoli: la Le­ga Nord era all'op­po­si­zio­ne e fum­mo gli uni­ci a vo­ta­re con­tro. Oggi, sa­rei cu­rio­so di ve­de­re con qua­le im­pe­to han­no agi­to in di­fe­sa de­gli azio­ni­sti del­le banche ve­ne­te i no­stri rap­pre­sen­tan­ti de­gli stes­si par­ti­ti che al­lo­ra fe­ce­ro vo­ta­re quell'in­fa­mia, ma non ap­pro­fon­di­sco per non peg­gio­ra­re la mia tri­stez­za su que­ste vi­cen­de.

*ex de­pu­ta­to Le­ga Nord

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.