UN VO­TO SOFFERTO

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni -

Vo­le­vo, sen­za po­le­mi­che, ri­spon­de­re al­la let­te­ra sul Gaz­zet­ti­no del si­gnor Na­lon. Pri­ma di tut­to gli con­si­glio di leg­ge­re un pic­co­lo vo­lu­met­to: "La ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le ai rag­gi X - le ra­gio­ni del sì e le ra­gio­ni del no" di Pi­no Pi­sic­chio e Lui­gi Ti­vel­li. Ci so­no i pa­re­ri di va­ri co­sti­tu­zio­na­li­sti e quel­lo che mi ha mag­gior­men­te col­pi­to è che i so­ste­ni­to­ri del sì, so­no d'ac­cor­do che è una pes­si­ma ri­for­ma. Al­lo­ra, mi sem­bra più lo­gi­co e coe­ren­te, che se è una pes­si­ma ri­for­ma, non va vo­ta­ta. Se si vo­le­va fa­re una se­ria ri­for­ma, era me­glio im­pie­ga­re qual­che me­se di più, ma far­la de­cen­te; e so­prat­tut­to Ren­zi non avreb­be do­vu­to le­gar­la al suo fu­tu­ro po­li­ti­co. Inol­tre, se si vo­les­se ve­ra­men­te di­mi­nui­re i co­sti del­la politica, ci so­no tan­te al­tre stra­de, tut­te pra­ti­ca­bi­li, ma con una se­ria vo­lon­tà di far­lo. Per esem­pio l'art. 69 del­la Co­sti­tu­zio­ne re­ci­ta: i mem­bri del Par­la­men­to ri­ce­vo­no una in­den­ni­tà sta­bi­li­ta dal­la leg­ge. Si fac­cia (ma non si fa­rà mai) una leg­ge che di­mi­nui­sca i lo­ro emo­lu­men­ti. Co­mun­que il vo­to a que­sto re­fe­ren­dum sa­rà per me, co­me pen­so per tan­ti ita­lia­ni, mol­to sofferto, sia per il sì che per il no. Ma­ria Te­re­sa Mioz­zo

Teo­lo (Pd)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.