Eutanasia per un mi­no­re i Pae­si eu­ro­pei pren­da­no le di­stan­ze dal Bel­gio

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni - DI EN­NIO FORTUNA

Quan­do ho let­to la no­ti­zia su te­le­vi­deo Rai non po­te­vo cre­de­re ai miei oc­chi. In Bel­gio, nel ci­vi­lis­si­mo Bel­gio (non in Pa­pua­sia o in una tri­bù dell’afri­ca ne­ra) era in vi­go­re da due an­ni una leg­ge che per­met­te ai ge­ni­to­ri di sop­pri­me­re un fi­glio ma­la­to, sof­fe­ren­te e ter­mi­na­le con la col­la­bo­ra­zio­ne del me­di­co cu­ran­te e sot­to ri­go­ro­so con­trol­lo pub­bli­co. In ap­pli­ca­zio­ne del­la nor­ma due ge­ni­to­ri nel­le Fian­dre ave­va­no sop­pres­so un bim­bo di cui si ta­ce­va­no le ge­ne­ra­li­tà(e que­sto era be­ne)ma di cui non si in­di­ca­va­no nep­pu­re l’età e la ma­lat­tia(e que­sto era ma­le per­ché im­pe­di­va ogni va­lu­ta­zio­ne eti­ca). La no­ti­zia ve­ni­va suc­ces­si­va­men­te cor­ret­ta nel sen­so che la vit­ti­ma era di­cias­set­ten­ne e che ave­va con­sen­ti­to all’in­ter­ven­to eu­ta­na­si­co, ma non è mai sta­to spie­ga­to in che mo­do è sta­to ese­gui­to l’in­ter­ven­to, se tra­mi­te la so­spen­sio­ne del nu­tri­men­to o con l’in­ter­ven­to di­ret­to tra­mi­te inie­zio­ne le­ta­le. Ov­via­men­te lo scan­da­lo è sta­to va­sto e im­me­dia­to in tut­to il mon­do, tan­to più che il Bel­gio è l’uni­co pae­se in cui è in vi­go­re una si­mi­le leg­ge. La chie­sa ha vi­va­ce­men­te pro­te­sta­to ri­cor­dan­do a tut­ti che la vi­ta è co­mun­que sa­cra e che va sem­pre tu­te­la­ta e sal­va­guar­da­ta. Da al­tri si è fat­to os­ser­va­re che i ge­ni­to­ri de­vo­no ga­ran­ti­re la sa­lu­te, il be­nes­se­re e la vi­ta dei fi­gli e mai agi­re in sen­so con­tra­rio e che i me­di­ci so­no vin­co­la­ti, in Bel­gio co­me al­tro­ve, dal giu­ra­men­to di Ip­po­cra­te che vie­ta espres­sa­men­te ogni for­ma di eutanasia. Ep­pu­re non è pos­si­bi­le non chie­der­si che co­sa ha fat­to la chie­sa per im­pe­di­re o osta­co­la­re una si­mi­le leg­ge, tan­to più che in Bel­gio so­no mol­te le re­li­gio­ni se­gui­te dal­la gen­te (co­me in tut­ti i pae­si a for­te im­mi­gra­zio­ne) ma il cri­stia­ne­si­mo è cer­ta­men­te quel­la più col­ti­va­ta e i cat­to­li­ci so­no in for­te pre­va­len­za. E’ ve­ro pe­rò che in Bel­gio co­me del re­sto da noi la re­li­gio­ne con­ta sem­pre me­no. Re­sta il fat­to che la leg­ge è sta­ta ap­pro­va­ta pra­ti­ca­men­te all’in­sa­pu­ta del mon­do, e che è sta­ta ap­pli­ca­ta per la pri­ma vol­ta po­chi gior­ni fa. Per­so­nal­men­te tro­vo che l’aspet­to più gra­ve del­la vi­cen­da sia pro­prio l’esi­sten­za del­la leg­ge che in­di­ca una pre­ci­sa scel­ta del­lo Sta­to con­tro la vi­ta. Non è tan­to l’eutanasia in sé che spa­ven­ta, an­che Pier­gior­gio Wel­by mo­rì per­ché il suo me­di­co ave­va stac­ca­to il re­spi­ra­to­re. Ma Wel­by era adul­to, in­tel­li­gen­te e estre­ma­men­te de­ter­mi­na­to, tan­to è ve­ro che si è par­la­to più di sui­ci­dio tra­mi­te ter­zi che di eutanasia. In Bel­gio è sta­to mol­to di­ver­so e giu­sta­men­te non è man­ca­to il ri­chia­mo al­la pras­si spar­ta­na del mon­te Tai­ge­to, do­ve, se­con­do l’an­ti­ca leg­gen­da, i bam­bi­ni mal­for­ma­ti ve­ni­va­no ab­ban­do­na­ti per­ché non fos­se­ro a ca­ri­co del­la co­mu­ni­tà. Non man­ca­no pe­rò le dif­fe­ren­ze, in Bel­gio la vit­ti­ma de­ve ma­ni­fe­sta­re una qual­che for­ma di con­sen­so, e so­prat­tut­to de­ve es­se­re pros­si­ma al­la fi­ne e sof­fe­ren­te. E tut­ta­via il ri­chia­mo e l’as­si­mi­la­zio­ne so­no giu­sti­fi­ca­ti dall’in­ter­ven­to del­lo Sta­to che per­met­te e giu­sti­fi­ca una pras­si con­tro la vi­ta e con­tro l’uma­ni­tà. Si può fa­re qual­co­sa?e so­prat­tut­to si vor­rà fa­re qual­co­sa? Il Bel­gio è un pae­se so­vra­no e ap­pro­va le leg­gi che vuo­le, ma gli al­tri pae­si del­la co­mu­ni­tà eu­ro­pea pos­so­no pren­de­re la di­stan­ze da un pae­se che di­sprez­za la lo­ro tra­di­zio­ne e cul­tu­ra. Par­lia­mo spes­so ma­le del no­stro Par­la­men­to che è sem­pre in ri­tar­do sul­le esi­gen­ze più ur­gen­ti. Pe­rò in ma­te­ria pre­fe­ri­sco cen­to vol­te un Par­la­men­to pen­so­so e ti­tu­ban­te(da an­ni di­scu­tia­mo, e non di eutanasia ,ma so­lo di di­chia­ra­zio­ni an­ti­ci­pa­te di trat­ta­men­to)piut­to­sto di uno sol­le­ci­to e sbri­ga­ti­vo che ap­pro­va leg­gi si­mi­li. Spe­ro so­lo che la vi­cen­da bel­ga ser­va di le­zio­ne a tut­ti, al­me­no nel sen­so di con­fer­ma­re e rin­vi­go­ri­re il sen­so di uma­ni­tà e di cul­tu­ra po­po­la­re sen­za le qua­li non c’è iden­ti­tà na­zio­na­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.