Il vi­ce­sin­da­co: «Cam­bi d’uso I ve­ne­zia­ni vo­glio­no trop­po»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - To­ma­so Bor­zo­mì

«Nel­le case co­mu­na­li una si­tua­zio­ne co­sì non sa­reb­be mai ac­ca­du­ta». È net­ta la va­lu­ta­zio­ne del vi­ce­sin­da­co con de­le­ga al­la ca­sa Lu­cia­na Col­le (nel­la fo­to) sul­la si­tua­zio­ne che ha vi­sto Gi­no Zen­na­ro, il pro­fes­so­re che oggi com­pie 100 an­ni, co­stret­to a tra­sfe­rir­si in se­gui­to al­lo sfrat­to im­po­sto­gli dai pro­prie­ta­ri di ca­sa. La fa­mi­glia ti­to­la­re del­la pa­laz­zi­na do­ve per ol­tre set­tant'an­ni ha vis­su­to Zen­na­ro ha det­to ba­sta, per­ché ri­te­ne­va fos­se giun­ta l'ora di ren­de­re più pro­fit­te­vo­le quell'in­ve­sti­men­to adi­ben­do­lo ad uso tu­ri­sti­co.

Per Col­le pe­rò la mo­da­li­tà d'agi­re del Co­mu­ne è chia­ra: «Noi ri­spet­tia­mo al­tri cri­te­ri, tra cui quel­lo so­cia­le e uma­no. Spo­sta­re una per­so­na di quell'età sa­reb­be sta­ta una vio­len­za inu­ti­le». Il vi­ce­sin­da­co pe­rò non ri­spar­mia an­che una cri­ti­ca ai ve­ne­zia­ni, rei di cer­ca­re la mas­si­miz­za­zio­ne del­la spe­cu­la­zio­ne: «Spes­so non ci si ac­con­ten­ta di una lo­ca­zio­ne - af­fer­ma - si vuo­le di più, per ren­de­re il più pro­fit­te­vo­le pos­si­bi­le un'ere­di­tà o una pro­prie­tà. E co­sì si fi­ni­sce per esa­ge­ra­re, in­ne­scan­do una spi­ra­le che por­ta al­la ven­di­ta a prez­zi esor­bi­tan­ti a stra­nie­ri o a chi vo­glia in­ve­sti­re pro­prio a sco­po tu­ri­sti­co».

Il di­scor­so si è spo­sta­to quin­di sul la­vo­ro, te­ma ca­ro all'am­mi­ni­stra­zio­ne Bru­gna­ro: «Con tut­to il tu­ri­smo che c'è - pro­se­gue Col­le - il la­vo­ro non man­ca in la­gu­na, so­lo ogni tan­to sa­reb­be ne­ces­sa­ria un pò più di umil­tà, ri­co­no­scer­si nel fa­ti­ca­re per gua­da­gna­re e non cer­ca­re di spe­cu­la­re e ba­sta. Ma­ga­ri cer­can­do an­che di ri­pren­der­si gli an­ti­chi me­stie­ri che ora so­no in ma­no a stra­nie­ri, ba­sti os­ser­va­re quel­lo che sta ac­ca­den­do ne­gli

LA SO­LU­ZIO­NE

sto­ri­ci mer­ca­ti di Rial­to e San Leo­nar­do». Ma, co­me in mol­ti si chie­do­no, il Co­mu­ne non po­treb­be fa­re qual­co­sa per ar­gi­na­re il fe­no­me­no di­la­gan­te del­le af­fit­tan­ze tu­ri­sti­che? «No - spie­ga Col­le - le nor­me ter­ri­to­ria­li so­no pre­ci­se e la­scia­no il mi­ni­mo mar­gi­ne di ma­no­vra all'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le, sui cui pe­rò stia­mo la­vo­ran­do. Un pro­prie­ta­rio ha il di­rit­to di usa­re la sua ca­sa se­con­do quan­to gli con­sen­ta la leg­ge». Quin­di l'uni­ca so­lu­zio­ne sa­reb­be spin­ge­re sul­la re­si­den­za: «Pe­rò - con­ti­nua Col­le pri­ma dob­bia­mo crea­re le con­di­zio­ni la­vo­ra­ti­ve per far sì che la gen­te non sia co­stret­ta ad an­da­re a la­vo­ra­re in ter­ra­fer­ma, stia­mo pun­tan­do ad una pro­gram­ma­zio­ne ri­vol­ta a so­cial hou­sing e gio­va­ni cop­pie, per trat­te­ne­re in cit­tà chi scel­ga di vi­ver­ci e la­vo­rar­ci». In­fi­ne, Col­le ha chia­ri­to la di­spo­ni­bi­li­tà di abi­ta­zio­ni del Co­mu­ne: «In cen­tro sto­ri­co so­no po­che, c'è mag­gio­re pos­si­bi­li­tà nel­le iso­le, ma spes­so non si vuo­le sen­tir par­la­re di tra­slo­co».

«Il Co­mu­ne ha po­chi mar­gi­ni Ma ci stia­mo

la­vo­ran­do»

DORSODURO L’ex ca­sa di Zen­na­ro, al cen­tro, di­ven­ta­ta ca­sa per tu­ri­sti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.