«Gli ita­lia­ni ra­pi­ti so­no an­co­ra in Libia» Cor­sa con­tro il tem­po

Sa­reb­be­ro nel­le ma­ni di cri­mi­na­li co­mu­ni, for­se una ban­da di Tua­reg Trat­ta­ti­ve in fa­se de­li­ca­ta: i car­ce­rie­ri po­treb­be­ro ce­de­re gli ostag­gi ad al­tri

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Cri­stia­na Man­ga­ni

Sa­reb­be­ro in ma­no a un grup­po di cri­mi­na­li co­mu­ni, for­se una ban­da di Tua­reg e sa­reb­be­ro sta­ti por­ta­ti a tren­ta chi­lo­me­tri dal­la cit­tà di Ghat. Ma le trat­ta­ti­ve per ten­ta­re di li­be­ra­re i due ita­lia­ni ra­pi­ti in Libia, Ni­co­la Ca­ca­ce e Da­ni­lo Ca­lo­ne­go, so­no in una fa­se mol­to de­li­ca­ta. Esi­ste sem­pre il pe­ri­co­lo che i ra­pi­to­ri pos­sa­no ven­de­re gli ostag­gi o che li fac­cia­no pas­sa­re di ma­no, se te­mo­no di non riu­sci­re a ge­stir­li. Le in­for­ma­zio­ni di que­ste ore ar­ri­va­no di­ret­ta­men­te dal go­ver­no di To­bruk, che sa­reb­be in con­tat­to con una squa­dra che sta par­te­ci­pan­do al­le ri­cer­che. Men­tre l’au­ti­sta che ac­com­pa­gna­va gli ita­lia­ni e il ca­na­de­se, di­pen­den­ti del­la so­cie­tà di Mon­do­vì, Con.i.cos., è sot­to in­ter­ro­ga­to­rio. Lo sce­na­rio po­treb­be es­se­re già più chia­ro nel­le pros­si­me ore. I ver­ti­ci dell’azien­da ita­lia­na ver­ran­no ascol­ta­ti dal­la pro­cu­ra di Roma, che ha de­le­ga­to al Ros gli ac­cer­ta­men­ti sul­la vi­cen­da. Ma già ie­ri, con un lun­go co­mu­ni­ca­to, han­no vo­lu­to re­pli­ca­re al­le ac­cu­se che gli ven­go­no con­te­sta­te ri­guar­do al fat­to di non aver co­mu­ni­ca­to al­la Far­ne­si­na la lo­ro pre­sen­za in Libia e quel­la dei lo­ro la­vo­ra­to­ri. E so­prat­tu­to di aver fat­to cir­co­la­re i lo­ro la­vo­ra­to­ri sen­za scor­ta ar­ma­ta.

IL TEAM AR­MA­TO - «Il per­so­na­le ope­ran­te all’ae­ro­por­to di Ghat - han­no chia­ri­to - ha sem­pre avu­to a di­spo­si­zio­ne tre au­ti­sti ar­ma­ti e quat­tro mi­li­ta­ri go­ver­na­ti­vi ar­ma­ti an­che lo­ro. Una scor­ta che non è mai sta­ta re­vo­ca­ta». Gli au­ti­sti e i mi­li­ta­ri, co­mun­que, era­no «da uti­liz­za­re a di­scre­zio­ne del per­so­na­le in ba­se al­le esi­gen­ze di can­tie­re e agli spo­sta­men­ti da ef­fet­tua­re sul ter­ri­to­rio». Inol­tre - han­no ag­giun­to - il sud-ove­st li­bi­co, «pur nel de­li­ca­to con­te­sto crea­to­si po­st 2011, è sem­pre sta­ta un’area si­cu­ra, sen­za fat­ti di ri­lie­vo. «Pro­va ne è che la Con.i.cos. ha po­tu­to con­ti­nua­re con l’ope­ra­ti­vi­tà del­le com­mes­se in cor­so, pur adot­tan­do le cau­te­le del ca­so, fi­no al­la con­se­gna fi­na­le dei la­vo­ri dell’ae­ro­por­to pre­vi­sta per il 19 set­tem­bre scor­so». Sa­reb­be­ro sta­ti gli stes­si tec­ni­ci ra­pi­ti, dun­que, a de­ci­de­re di viag­gia­re con il so­lo au­ti­sta ar­ma­to, sen­za uo­mi­ni ag­giun­ti­vi di scor­ta. Se­gno che non pre­ve­de­va­no pericoli par­ti­co­la­ri. Quan­do l’au­to è sta­ta bloc­ca­ta dai ra­pi­to­ri, l’au­ti­sta, è an­co­ra la ri­co­stru­zio­ne del­la Con.i.cos, «for­tu­na­ta­men­te non ha rea­gi­to

per evi­ta­re il peg­gio».

IL SO­SPET­TO - I team che de­vo­no ga­ran­ti­re la si­cu­rez­za dei la­vo­ra­to­ri ven­go­no pa­ga­ti per svol­ge­re que­sto com­pi­to. I tec­ni­ci era­no all’ul­ti­mo gior­no di la­vo­ro, poi sa­reb­be­ro an­da­ti via. E quin­di per gli uo­mi­ni del­la scor­ta per­de­re quel­la fon­te di gua­da­gno, in una zo­na non cer­to ric­ca, po­treb­be aver in­dot­to qual­cu­no di lo­ro a fa­re il col­po gros­so, se­que­stran­do i tre uo­mi­ni per ot­te­ne­re un ri­scat­to ve­lo­ce. An­che per­ché al­cu­ni com­po­nen­ti del­la “se­cu­ri­ty” non so­no più sta­ti rin­trac­cia­ti. Inol­tre è sem­pre l’azien­da a so­ste­ner­lo - non è ve­ro che la lo­ro pre­sen­za non era sta­ta se­gna­la­ta al­la Far­ne­si­na. Nel frat­tem­po gli 007 dell’ai­se, il ser­vi­zio se­gre­to este­ro ita­lia­no, so­no a Ghat per se­gui­re da vi­ci­no il ca­so. In con­tat­to con il sin­da­co del­la cit­ta­di­na li­bi­ca, Ko­ma­ni Mo­ha­med Sa­leh, per­so­nag­gio mol­to in­fluen­te nel­la zo­na, che co­no­sce il ter­ri­to­rio, le in­si­die e i grup­pi cri­mi­na­li pre­sen­ti. Se ef­fet­ti­va­men­te il se­que­stro è ope­ra di cri­mi­na­li co­mu­ni e no­ti al­le au­to­ri­tà lo­ca­li, al­lo­ra l’obiet­ti­vo è tro­va­re su­bi­to il ca­na­le di me­dia­zio­ne giu­sto per sbloc­ca­re la si­tua­zio­ne, pri­ma che si com­pli­chi ul­te­rior­men­te.

ORE D’AN­SIA

Da­ni­lo Ca­lo­ne­go

con la se­con­da

mo­glie ma­roc­chi­na

Ma­li­ka

FA­MI­GLIA AL­LAR­GA­TA Wi­sal, 20 an­ni, fi­glia di Da­ni­lo Ca­lo­ne­go, vi­ve a Mi­la­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.