Bur­qa in ospe­da­le C’è una pro­po­sta di leg­ge re­gio­na­le

OSPE­DA­LE Bu­fe­ra sul ca­so del­la don­na all’an­ge­lo per analisi con il vol­to co­per­to REA­ZIO­NI Pro­po­sta di leg­ge per ga­ran­ti­re la ri­co­no­sci­bi­li­tà ne­gli am­bien­ti ospe­da­lie­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia Mestre - Spe­ran­dio

Ha su­sci­ta­to rea­zio­ni an­che in Re­gio­ne il ca­so del­la don­na ar­ri­va­ta in ospe­da­le con il bur­qa. Un con­si­glie­re chie­de che i pa­zien­ti sia­no re­si ri­co­no­sci­bi­li.

Ha fat­to ve­lo­ce­men­te il gi­ro del Ve­ne­to la no­ti­zia pub­bli­ca­ta ie­ri dal no­stro gior­na­le del­la don­na che nei gior­ni scor­si si è pre­sen­ta­ta con il fi­glio al Cen­tro pre­lie­vi dell'an­ge­lo ve­sti­ta con una tu­ni­ca (un bur­qa, o più pro­ba­bil­men­te un ni­qab) che la­scia­va sco­per­ti so­lo gli oc­chi, pro­vo­can­do la con­tra­rie­tà di al­tri pa­zien­ti in at­te­sa. La stes­sa azien­da sa­ni­ta­ria - in­ter­pel­la­ta per una ve­ri­fi­ca ri­spet­to al­le te­sti­mo­nian­ze rac­col­te dal no­stro gior­na­le - mar­te­dì se­ra ave­va con­fer­ma­to al Gaz­zet­ti­no che la pre­sen­za del­la don­na col ni­qab ave­va de­sta­to "una cer­ta agitazione". Il con­si­glie­re re­gio­na­le del grup­po «Za­ia pre­si­den­te» Al­ber­to Vil­la­no­va già nei me­si scor­si ave­va pro­po­sto un re­go­la­men­to che, sul­la scia di quan­to in­tro­dot­to in Lom­bar­dia dal go­ver­na­to­re Roberto Ma­ro­ni, san­ci­sce il prin­ci­pio del­la ri­co­no­sci­bi­li­tà vie­tan­do l'uso del ve­lo in­te­gra­le all'in­ter­no de­gli ospe­da­li e de­gli edi­fi­ci del­la Re­gio­ne.

«Quel che è suc­ces­so è un pas­so in­die­tro per la no­stra ci­vil­tà - ha af­fer­ma­to l'espo­nen­te po­li­ti­co - È inac­cet­ta­bi­le che del­le per­so­ne gi­ri­no a vol­to to­tal­men­te co­per­to all'in­ter­no di luo­ghi pub­bli­ci. Il te­ma del­la si­cu­rez­za è per noi una prio­ri­tà e que­sti at­teg­gia­men­ti non pos­so­no più es­se­re tol­le­ra­ti». In po­che ore, il tam tam è rim­bal­za­to sui so­cial net­work e de­ci­ne di com­men­ti so­no giun­ti sul si­to del Gaz­zet­ti­no, la qua­si to­ta­li­tà dei qua­li in­fa­sti­di­ti dal­la cir­co­stan­za: «Ba­sta isla­miz­za­zio­ne!»; «Se ven­go­no nel no­stro Pae­se de­vo­no ade­guar­si al­le no­stre re­go­le»; «Vie­ta­re l'in­gres­so sen­za esi­ta­zio­ne»; «La smet­ta­no di pro­vo­ca­re, se vo­glio­no sta­re qui, se­gua­no i no­stri co­stu­mi», tra le con­si­de­ra­zio­ni più ri­cor­ren­ti che si pos­so­no leg­ge­re. Vil­la­no­va at­tac­ca: «Noi non ci stia­mo. È gra­ve quan­to ac­ca­du­to all'an­ge­lo per due mo­ti­vi: il pri­mo ri­guar­da la si­cu­rez­za e l'or­di­ne pub­bli­co, il se­con­do la li­ber­tà in­di­vi­dua­le. La no­stra so­cie­tà nei mil­len­ni ha fat­to enor­mi pas­si avan­ti nel ri­co­no­sce­re al­la don­na un ruo­lo cen­tra­le, ora a cau­sa an­che di un'in­va­sio­ne si­len­zio­sa, stan­no cer­can­do di ri­por­tar­ci ai tem­pi bui». Il con­si­glie­re re­gio­na­le sot­to­li­nea che «la pri­ma Com­mis­sio­ne ha già li­cen­zia­to la mia pro­po­sta con­tro l'uso di ac­ces­so­ri o in­du­men­ti pro­tet­ti­vi che non per­met­ta­no il ri­co­no­sci­men­to del­la per­so­na. È gra­ve che chi si de­fi­ni­sce par­te dell'islam mo­de­ra­to non in­ter­ven­ga per bloc­ca­re que­sti com­por­ta­men­ti pri­mi­ti­vi, le­si­vi del­la di­gni­tà del­la don­na e del­la no­stra cul­tu­ra. Gli isla­mi­ci de­vo­no ade­guar­si al no­stro sti­le di vi­ta e non vi­ce­ver­sa».

Nel frat­tem­po, dal­la di­re­zio­ne dell'asl, spie­ga­no: «L'azien­da ha sem­pre ge­sti­to con at­ten­zio­ne e ocu­la­tez­za la pre­sen­za di per­so­ne di et­nie e cul­tu­re di­ver­se. Nel ca­so di uten­ti il cui ab­bi­glia­men­to pos­sa crea­re ten­sio­ne o ti­mo­ri, si pre­oc­cu­pa di in­ter­ve­ni­re con il pro­prio per­so­na­le, ac­com­pa­gnan­do­li nei per­cor­si ospe­da­lie­ri. L'obiet­ti­vo è di ga­ran­ti­re a tut­ti le pre­sta­zio­ni e as­si­cu­ra­re al­tre­sì il cor­ret­to fun­zio­na­men­to dei ser­vi­zi, pe­ral­tro fin qui mai mes­si in dif­fi­col­tà».

MESTRE L’ospe­da­le dell’an­ge­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.