Con il tu­ri­smo Venezia è l’uni­ca a cre­sce­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Mar­co Do­ri

Se l'eco­no­mia ita­lia­na ar­ran­ca, quel­la ve­ne­zia­na sem­bra sta­re me­glio. Me­ri­to prò so­lo di tu­ri­smo e ser­vi­zi, gli uni­ci set­to­ri con il se­gno più.

I nu­me­ri par­la­no chia­ro: se­con­do un'in­da­gi­ne con­dot­ta dal­la Fon­da­zio­ne Think Tank Nord Est, tra 2015 e 2016, in Ve­ne­to si so­no in­fat­ti per­se 2052 azien­de. I da­ti, ri­ca­va­ti da Infocamere e va­li­di fi­no al 30 giu­gno 2016, cer­ti­fi­ca­no un ca­lo com­ples­si­vo del­lo 0,5%: a li­vel­lo re­gio­na­le, si è pas­sa­ti in­fat­ti da 438.888 a 436.836 azien­de in at­ti­vi­tà. Una con­tra­zio­ne ge­ne­ra­le, do­ve pe­rò spic­ca il mo­del­lo ve­ne­zia­no: in Ve­ne­to, Venezia è l'uni­ca pro­vin­cia che re­gi­stra un au­men­to glo­ba­le di at­ti­vi­tà con un + 0,4% di cre­sci­ta d'azien­de, pas­sa­te dal­le 67.829 del 2015 al­le 68.092 del 2016 (+263). Me­ri­to, co­me det­to, di tu­ri­smo e ser­vi­zi, set­to­ri che da an­ni or­mai so­no il ve­ro pa­ra­ca­du­te dell'eco­no­mia la­gu­na­re. Il pri­mo è in cre­sci­ta del 3,1%, pas­sa­to da da 8.327 a 8.581 azien­de, quin­di con 254 nuo­ve at­ti­vi­tà, men­tre i ser­vi­zi han­no re­gi­stra­to un +1,7% (17.140 azien­de nel 2015 e 17.435 nel 2016).

«Il tu­ri­smo - sot­to­li­nea An­to­nio Fer­ra­rel­li, pre­si­den­te di Fon­da­zio­ne Think Tank Nord Est - re­sta l'uni­co vo­la­no che può aiu­ta­re tut­ti gli al­tri set­to­ri, ma da at­ti­vi­tà pre­va­len­te­men­te sta­gio­na­le de­ve di­ven­ta­re an­nua­le». Del re­sto, il pa­no­ra­ma eco­no­mi­co ri­ma­ne in­cer­to. Sem­bra di es­se­re sul­le mon­ta­gne rus­se: un me­se su, l'al­tro giù, a di­mo­stra­zio­ne che si è an­co­ra nell'in­cer­tez­za e non è pos­si­bi­le dor­mi­re son­ni tran­quil­li. Se­con­do l'in­da­gi­ne con­dot­ta dal­la Fon­da­zio­ne che ha se­de a Marcon, so­no mol­ti i set­to­ri in cri­si. Pur­trop­po, nien­te di nuo­vo, vi­sto che stia­mo par­lan­do di agri­col­tu­ra, co­stru­zio­ni e ma­ni­fat­tu­ra. È or­mai da qua­si 10 an­ni che la cri­si li ha in­ghiot­ti­ti in una spi­ra­le sen­za fi­ne, e tra 2015 e 2016 il re­gi­stro non è cam­bia­to. Ri­spet­to ad un an­no fa, l'agri­col­tu­ra ha per­so 108 azien­de (-1,4%), le co­stru­zio­ni 178 (-1,7%) e la ma­ni­fat­tu­ra 77 (-1,2%).

«I pro­cla­mi po­li­ti­ci so­no ro­boan­ti, i nu­me­ri, fat­ti sal­vo tu­ri­smo e ser­vi­zi, so­no di­sar­man­ti», ri­mar­ca Fer­ra­rel­li, che poi con­clu­de: «Nel Ve­ne­to il mar­gi­ne di cre­sci­ta c'è, per­ché va svi­lup­pa­to il tu­ri­smo cul­tu­ra­le, quel­lo re­li­gio­so, quel­lo le­ga­to al well­ness e lo sport, la con­ve­gni­sti­ca e l'eno­ga­stro­no­mia. Che fun­zio­na­no tut­to l’an­no».

IN­DA­GI­NE DI THINK TANK

«Ma non ba­sta quel­lo sta­gio­na­le»

SET­TO­RE TRAI­NAN­TE La spiag­gia di Jesolo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.