Quel ba­cia­ma­no a sor­pre­sa Ma­la­gò spiaz­za la sin­da­ca

IL GE­STO Spor­ti­vo e gen­ti­luo­mo: lo fac­cio con don­ne con cui non ho con­fi­den­za LA REA­ZIO­NE Sor­ri­si for­za­ti e im­ba­raz­zo Vir­gi­nia Rag­gi col­ta in con­tro­pie­de

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Ma­rio Ajel­lo

«Fa­te­mi ba­cia­re la vo­stra ma­ni­na. Sa­pe­te, io so­no co­sì fe­li­ce di que­sto ri­tor­no al­le vec­chie usan­ze co­me il ba­cia­ma­no». E’ una pa­gi­na di «An­na Ka­re­ni­na»? Sì, ma è an­che la sce­na che si è svol­ta ie­ri in un luo­go che avreb­be do­vu­to far pen­sa­re a un nuo­vo ca­pi­to­lo del­la guer­ra Rag­gi-ma­la­gò - la Sa­la del­le Ar­mi al Fo­ro Ita­li­co tra via del­le Olimpiadi e via dei Gla­dia­to­ri - e che in­ve­ce si tra­sfor­ma nel set del­le buo­ne ma­nie­re che non si­gni­fi­ca­no me­ra­men­te bon ton ma qual­co­sa di più. Al­la ma­le­du­ca­zio­ne osten­ta­ta e ri­ven­di­ca­ta co­me ge­sto po­li­ti­co l’al­tro gior­no dal sin­da­co di Ro­ma - che ha fat­to aspet­ta­re in­va­no il pre­si­den­te del Co­ni e sui so­cial si è pu­re iro­niz­za­to: «La Rag­gi è la pri­ma don­na che dà bu­ca a Ma­la­gò» - ie­ri lui ha re­pli­ca­to mo­stran­do­si il si­gno­re che è ed ele­van­do il ba­cia­ma­no a sua vol­ta a ge­sto po­li­ti­co.

IL DER­BY - Un der­by, ec­co, tra due sti­li e tra due mon­di. Tra due op­po­ste vi­sio­ni del mon­do e di se stes­si. Ma­la­gò, do­po qual­che mi­nu­to dall’en­tra­ta del­la Rag­gi nel sa­lo­ne che ospi­ta la pre­sen­ta­zio­ne de­gli Eu­ro­pei di cal­cio 2020, le si av­vi­ci­na e ap­pli­ca al­la let­te­ra, da­van­ti a tut­ti e lì ac­can­to c’è l’on­ni­pre­sen­te av­vo­ca­to Pier­ca­mil­lo Sam­mar­co in ve­ste di tu­tor e di ac­com­pa­gna­to­re del sin­da­co, il ma­nua­le del per­fet­to ba­cia­ma­no. Pren­de la ma­no de­stra del­la da­ma Vir­gi­nia (an­che se lei rin­ghie­reb­be, ma­ga­ri dal­la trat­to­ria del mi­ne­stro­ne a via dei Mil­le, a sen­tir­si chia­ma­ta co­sì), la sol­le­va de­li­ca­ta­men­te, ac­cen­na a un ele­gan­te mez­zo in­chi­no e la sfio­ra sul dor­so e non sul­le noc­che con un ab­boz­zo di ba­cio.

La Rag­gi, che su­bi­to sfog­gia un sor­ri­so for­za­to e non rie­sce a a scio­glier­si di fron­te a que­sto omag­gio, è vi­si­bil­men­te sba­lor­di­ta per­ché non co­no­sce il sog­get­to che ha di fron­te e nep­pu­re sem­bra pra­ti­ca di quel­la ci­vil­tà del ri­spet­to e del­la so­cia­liz­za­zio­ne di cui Ma­la­gò, più abi­tua­to ad ave­re ami­ci che ne­mi­ci, è soa­ve espo­nen­te.

E c’en­tra po­co il ga­lan­to­mi­smo in que­sta sce­na - an­che se Ma­la­gò a chi gli do­man­da se la Rag­gi gli ha chie­sto scu­sa ri­spon­de: «Una don­na non de­ve mai chie­de­re scu­sa» - che è piut­to­sto una in­di­ca­zio­ne di me­to­do ge­ne­ra­le sin­te­tiz­za­bi­le co­sì: con la cul­tu­ra del vaf­fa non si va da nes­su­na par­te e so­prat­tut­to non si fan­no fun­zio­na­re le co­se nell’in­te­res­se dei cit­ta­di­ni. E co­mun­que: «E’ sta­to un ge­sto spon­ta­neo. E’ mia abi­tu­di­ne spie­ga il pre­si­den­te del Co­ni fa­re il ba­cia­ma­no a don­ne con cui non ho con­fi­den­za». Ed è sta­to que­sto ba­cia­ma­no an­che un mo­do, da par­te di Ma­la­gò, per ri­ba­di­re quel­la com­po­stez­za che gli ap­par­tie­ne e che è sta­ta mes­sa a du­ra pro­va dal­lo sgar­bo del­la sin­da­ca l’al­tro gior­no.

Sot­ti­gliez­ze, que­ste, del tut­to sco­no­sciu­te a un ti­po co­me Dib­ba l’in­vet­ti­vi­sta Bul­lo. Il qua­le s’è in­fi­la­to al vo­lo nel­la dia­tri­ba Rag­gi-ma­la­gò, pur di non per­der­si un nuo­vo gi­ro da acro­ba­ta del nul­la nel cir­co me­dia­ti­co. Ac­cu­sa il pre­si­den­te del Co­ni di es­se­re un «coat­to» che «mi­nac­cia la sin­da­ca» e ag­giun­ge in slang: «Ari­met­te­te la giac­chet­ta!». Co­sì l’in­vet­ti­vi­sta Mal­par­lan­te si con­fer­ma per quel­lo che è. Un abu­si­vo del lin­guag­gio, quel­lo che gri­da mal­di­cen­ze e vol­ga­ri­tà per poi bear­si dell’ef­fet­to che fan­no pres­so la sua cla­que esul­tan­te: «A Dib­baaaa, ce pia­ci quan­do spa­ri pa­ro­lac­ceeeee!».

La pa­ro­lac­cia con­tro Ma­la­gò non è smen­ti­ta so­lo dal ba­cia­ma­no di ie­ri ma da ogni evi­den­za e ha buon gio­co il pre­si­den­te del Co­ni ha spie­ga­re, mol­to pa­ca­ta­men­te: «Io sa­rei un coat­to che mi­nac­cia? Non pen­so di es­se­re que­sto. Pen­so che la mia vi­ta e il mio sti­le di­ca­no qual­co­sa di di­ver­so ma an­che su que­sto ri­spet­tia­mo le opi­nio­ni di tut­ti».

IL FANFARONE - L’opi­nio­ne di Ar­thur Scho­pe­n­hauer sul Dib­ba, se si fos­se in­te­res­sa­to di per­so­nag­gi che an­che de­fi­ni­re mi­no­ri sa­reb­be un ec­ces­so, sem­bre­reb­be ne­ga­ti­va e stron­ca­to­ria al­la lu­ce ce­le­bre ma­nua­let­to «L’ar­te di in­sul­ta­re». Il gran­de fi­lo­so­fo avreb­be in­se­ri­to il pic­co­lo agit-prop nel­la ca­te­go­ria dell’in­vet­ti­vi­sta fanfarone, quel­lo che «quan­do si ac­cor­ge che l’av­ver­sa­rio è su­pe­rio­re, di­ven­ta of­fen­si­vo, ol­trag­gio­so, gros­so­la­no. E pas­sa dia­let­ti­ca­men­te dall’og­get­to del­la con­te­sa (do­ve ha par­ti­ta per­sa) al con­ten­den­te, at­tac­can­do in qual­sia­si mo­do la sua per­so­na».

Nel­la guer­ra di ci­vil­tà si ha a che fa­re con sog­get­ti co­sì. Ma se il ba­cia­ma­no può es­se­re la giu­sta re­pli­ca al­la Rag­gi, l’uni­ca ar­ma con­tro il Dib­ba è il Dib­ba.

L’IN­CON­TRO Vir­gi­nia Rag­gi

e Gio­van­ni Ma­la­gò ie­ri al­la pre­sen­ta­zio­ne

del lo­go per gli Eu­ro­pei di cal­cio del 2020 (tra di lo­ro il pre­si­den­te del­la Fi­gc Car­lo

Ta­vec­chio)

IL BA­CIA­MA­NO Un fer­mo im­ma­gi­ne di Te­le­ro­ma 56 sul sa­lu­to Ma­la­gò-rag­gi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.