Gli ar­ti­gia­ni non ce la fan­no Eraclea re­sta sen­za pa­ni­fi­ci

Il Gazzetino (Venezia) - - Eraclea Jesolo - Mau­ri­zio Mar­con

A Eraclea non c'è più un pa­ni­fi­cio in at­ti­vi­tà: con la chiu­su­ra del pa­ni­fi­cio Or­to­la­ni, l'ul­ti­mo dei quat­tro che c'era­no, ora il ca­po­luo­go ha so­lo ri­ven­di­te di pa­ne cot­to in al­tri cen­tri.

Ne­gli ul­ti­mi vent'an­ni è sta­to un ve­ro e pro­prio stil­li­ci­dio di chiu­su­re: dap­pri­ma, 20 an­ni fa, ave­va ab­bas­sa­to le ser­ran­de "Te­so", poi è toc­ca­to a "Bor­don" e qual­che an­no fa "Tra­ma­rin". Re­si­ste­va so­lo Oli­vie­ro Or­to­la­ni, ma poi è ar­ri­va­ta l'età del pen­sio­na­men­to e non c'è sta­to più nes­su­no che vo­les­se rac­co­glie­re l'ere­di­tà. Co­sì og­gi, se qual­cu­no di Eraclea vuo­le an­co­ra man­gia­re pa­ne cal­do di pa­ni­fi­ca­zio­ne ar­ti­gia­na de­ve ri­vol­ger­si al pa­ni­fi­cio "Ma­sa­rin" nel­la vi­ci­na fra­zio­ne di Ca’ Tur­ca­ta o fa­re qual­che chi­lo­me­tro in più fi­no a Pon­te Cre­pal­do do­ve ope­ra­no an­co­ra due pa­ni­fi­ci. «Il ve­ro pro­ble­ma - so­stie­ne Ezio Cel­la, sto­ri­co pa­ni­fi­ca­to­re dell'area che a Tor­re di Mo­sto ge­sti­sce un pa­ni­fi­cio-pa­stic­ce­ria con 12 di­pen­den­ti è che so­no cam­bia­ti i co­stu­mi ali­men­ta­ri: la gen­te a mez­zo­gior­no non man­gia più a ca­sa, non ha pre­te­se sul­la qua­li­tà del pa­ne pre­fe­ren­do la co­mo­di­tà e il mi­nor prez­zo dei su­per­mer­ca­ti. Cer­ta­men­te quel­lo del su­per­mer­ca­to, ov­ve­ro il pa­ne pre­cot­to che ar­ri­va sur­ge­la­to in sca­to­lo­ni an­che dall’este­ro e vie­ne sot­to­po­sto al­la co­sid­det­ta do­ra­tu­ra in for­no per 10 mi­nu­ti, non sa­rà buo­no co­me quel­lo del pa­ni­fi­cio, ma è cer­ta­men­te me­no ca­ro, co­stan­do cir­ca la me­tà di quel­lo che ven­dia­mo noi in pa­ni­fi­cio. Io per so­prav­vi­ve­re ho di­ver­si­fi­ca­to i pro­dot­ti: fac­cio mol­ta pa­stic­ce­ria e ven­do an­che po­len­ta con la ri­cet­ta tra­di­zio­na­le». Bi­so­gna dun­que in­ge­gnar­si. «Nel mio gi­ro - ri­cor­da Cel­la io fac­cio 50 fa­mi­glie e com­ples­si­va­men­te in­cas­so 45 eu­ro, me­no di un eu­ro a fa­mi­glia. Se una vol­ta una per­so­na man­gia­va 200 gram­mi di pa­ne al gior­no ora non ar­ri­va a 80 gram­mi: so­no pra­ti­ca­men­te tut­ti in die­ta. E vi­sto che la pri­ma co­sa che tol­go­no i die­ti­sti è il pa­ne, noi ne pa­tia­mo la con­se­guen­ze. Tra i mie clien­ti a man­gia­re tan­to pa­ne so­no an­co­ra gli al­ba­ne­si che tra l'al­tro, es­sen­do tan­ti di fe­de mu­sul­ma­na, chie­do­no pa­ne sen­za strut­to che non sem­pre si tro­va al su­per­mer­ca­to».

CHIU­SO Ad­dio an­che

all’ul­ti­mo pa­ni­fi­cio di Oli­vie­ro Or­to­la­ni nel cen­tro di

Eraclea

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.