QUEL TRE­NO SOP­PRES­SO

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati -

po­po­la­to in cui una par­te im­por­tan­te del­la po­po­la­zio­ne è in sta­to di sof­fe­ren­za. Non si può con­ti­nua­re in­di­scri­mi­na­ta­men­te a far giun­ge­re per­so­ne sen­za po­ter of­fri­re lo­ro un la­vo­ro e una si­ste­ma­zio­ne de­cen­te, vi­sto che il la­vo­ro man­ca an­che per i no­stri cit­ta­di­ni. Chi non è in gra­do di la­vo­ra­re, per man­can­za di la­vo­ro o per­ché di­ve­nu­to pre­da dell’iner­zia e del­la fru­stra­zio­ne do­po es­se­re sta­to man­te­nu­to per lun­go tem­po sen­za far nul­la, non può in­te­grar­si, an­che se lo de­si­de­ra. E inol­tre mol­ti di co­lo­ro che ar­ri­va­no non han­no la pre­di­spo­si­zio­ne ad in­te­grar­si, per­ché la lo­ro cul­tu­ra è lon­ta­nis­si­ma dal­la no­stra. Ba­sti pen­sa­re a due ele­men­ti: il con­cet­to di pa­ri­tà tra uo­mo e don­na e quel­lo del­la se­pa­ra­zio­ne tra Sta­to e Chie­sa non esi­sto­no nei Pae­si mu­sul­ma­ni e, più in ge­ne­ra­le, in buo­na par­te dell’afri­ca. La po­li­ti­ca dell’ac­co­glien­za in­di­scri­mi­na­ta non aiu­ta co­lo­ro che ar­ri­va­no e, men che me­no, i lo­ro po­po­li di ori­gi­ne, che an­zi ven­go­no pri­va­ti del­le lo­ro for­ze più giovani e va­li­de. Il no­stro Ren­zi, con le sue ul­ti­me pre­se di po­si­zio­ne, sem­bra aver ca­pi­to tut­to ciò: l’im­por­tan­te è che fac­cia se­gui­re i fat­ti al­le pa­ro­le, al­tri­men­ti pri­ma o poi i cit­ta­di­ni ita­lia­ni si ri­bel­le­ran­no; e sa­ran­no guai per tut­ti. Al­ber­to Mi­ran­do­la

Pa­do­va

Mi ha la­scia­to ve­ra­men­te l'ama­ro in boc­ca e un enor­me de­lu­sio­ne aver let­to che ver­rà tol­to dal 2 ot­to­bre l'uni­co tre­no di­ret­to da e per Mi­la­no con fer­ma­ta a Ca­stel­fran­co Ve­ne­to, cioè il Frec­cia­bian­ca da noi più co­mu­ne­men­te chia­ma­to Frec­cia del­le Dolomiti e al qua­le ci era­va­mo pu­re af­fe­zio­na­ti. Per ca­ri­tà, un cam­bio a Vi­cen­za non è la fi­ne del mon­do se non per quel­le ca­te­go­rie di per­so­ne chia­ma­te an­zia­ni e/o di­sa­bi­li. La co­sa pe­rò che mi pre­oc­cu­pa di più è che ora i re­gio­na­li do­vreb­be­ro es­se­re sem­pre in as­so­lu­to ora­rio: que­sto per­chè quan­do pre­no­ti un Frec­cia qual­sia­si è ne­ces­sa­ria la pre­no­ta­zio­ne ob­bli­ga­to­ria e sa­reb­be un gra­ve di­sa­gio sia di ora­rio che eco­no­mi­co, do­ver­lo per­de­re per un ri­tar­do di Tre­ni­ta­lia. An­na­ma­ria de Gran­dis

Ca­stel­mi­nio (Tv)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.