Le sfi­de di Bel­pie­tro: «Rac­con­to la Ve­ri­tà e i se­gre­ti di Ren­zi»

«In Ita­lia non c’è vo­glia di sca­va­re nel­le vi­cen­de ri­guar­dan­ti il pre­si­den­te del Con­si­glio e que­sto go­ver­no: ci ho pen­sa­to io»

Il Gazzetino (Venezia) - - Spettacoli Cultura - Al­da Van­zan

«Sa­pe­te chi so­no gli uo­mi­ni e le don­ne che Mat­teo Ren­zi ha piaz­za­to in tut­te le po­si­zio­ni stra­te­gi­che del Pae­se? E, so­prat­tut­to, ave­te idea di qua­li so­no gli in­te­res­si che il Gi­glio ma­gi­co sta por­tan­do avan­ti? No, non po­te­te sa­per­lo. Per­ché og­gi chi si met­te di tra­ver­so ri­spet­to a que­sto si­ste­ma di po­te­re vie­ne im­ba­va­glia­to, o per­de il po­sto». Co­sì vie­ne pre­sen­ta­to "I se­gre­ti di Ren­zi", il li­bro edi­to da Sper­ling & Ku­p­fer che il gior­na­li­sta Mau­ri­zio Bel­pie­tro ha ap­pe­na man­da­to in li­bre­ria. Con­vin­to del­la scel­ta per­ché - spie­ga «at­tor­no al­le re­la­zio­ni, agli uo­mi­ni che la­vo­ra­no per il pre­si­den­te del con­si­glio e at­tor­no a que­stio­ni de­li­ca­te co­me quel­le ban­ca­rie, c’è un at­teg­gia­men­to qua­si di cen­su­ra. Nes­su­no ne par­la».

Un si­len­zio cui Bel­pie­tro dà que­sta spie­ga­zio­ne: «Ci so­no or­ga­ni di in­for­ma­zio­ne che non han­no vo­glia di sca­va­re nel­le vi­cen­de che ri­guar­da­no il pre­si­den­te del con­si­glio e le scel­te di que­sto go­ver­no. Do­po anni in cui vo­le­va­no sa­pe­re tut­to e fa­ce­va­no die­ci do­man­de e qual­che vol­ta an­che cen­to, ades­so glis­sa­no, tac­cio­no». Mai pen­sa­to di fa­re un la­vo­ro ana­lo­go su pre­ce­den­ti pre­mier? «Li­bri su pre­si­den­ti del con­si­glio dei mi­ni­stri se ne fa­ce­va­no a io­sa, in que­sto ca­so in­ve­ce il mer­ca­to era una va­sta pra­te­ria li­be­ra che nes­su­no ave­va in­ten­zio­ne di esplo­ra­re». Rea­zio­ni da pa­laz­zo Chi­gi? «Il com­men­to più elo­quen­te è il si­len­zio. Me­no se ne par­la e me­glio è. Ma io so­no abi­tua­to a rac­con­ta­re i fat­ti e non a na­scon­der­li».

Lo stes­so gior­no del li­bro, in edi­co­la è usci­to il nuo­vo gior­na­le di Bel­pie­tro, "La Ve­ri­tà", an­che se la ve­ra da­ta di "na­sci­ta" è il 17 mag­gio scor­so. Cioè il gior­no in cui Bel­pie­tro ven­ne cac­cia­to dal­la di­re­zio­ne di "Li­be­ro". «Io lo chia­mo av­vi­cen­da­men­to per­ché non vo­glio fa­re né il mar­ti­re né la vit­ti­ma, quel­li che per­do­no il po­sto di la­vo­ro so­no al­tri, e poi ri­co­no­sco che un edi­to­re può so­sti­tui­re il di­ret­to­re, ma è più sec­can­te che lo so­sti­tui­sca per ra­gio­ni po­li­ti­che o af­fa­ri­sti­che. A me era già ca­pi­ta­to vent’anni pri­ma, nel 1997 ven­ni ri­mos­so dal­la di­re­zio­ne del "Tem­po" do­po po­chis­si­mi me­si dal mio ar­ri­vo per­ché ave­vo pub­bli­ca­to del­le no­ti­zie ri­guar­dan­ti il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca e l’edi­to­re, sol­le­ci­ta­to da pres­sio­ni po­li­ti­che, aven­do mol­ti in­te­res­si e va­rie at­ti­vi­tà, de­ci­se di man­dar­mi via. An­che que­sto, lo ri­ba­di­sco, è le­git­ti­mo, me­no che sia fat­to per na­scon­de­re le no­ti­zie. Già al­lo­ra non ave­vo pre­so mol­to be­ne il fat­to che si cer­cas­se di im­ba­va­glia­re la stam­pa, an­che que­sta vol­ta ho avu­to la stes­sa rea­zio­ne. E ho pen­sa­to: due vol­te, ba­sta. Sta­vol­ta lo fac­cio io il gior­na­le».

Ha cer­ca­to so­ci, in­ve­sti­to­ri e im­pren­di­to­ri, ma - rac­con­ta «non vo­le­vo ri­tro­var­mi nel­le stes­se con­di­zio­ni con qual­cu­no che usa­va il gior­na­le co­me mer­ce di scam­bio. Vo­le­vo per­so­ne che cre­des­se­ro dav­ve­ro nell’in­di­pen­den­za di un gior­na­le, co­sa per la ve­ri­tà non fa­ci­lis­si­ma e l’ho toc­ca­to con ma­no per­ché tro­va­re de­gli in­ve­sti­to­ri che non ab­bia­no se­con­di fi­ni non è la co­sa più sem­pli­ce».

Bel­pie­tro con­fer­ma di ave­re avu­to un con­tat­to con Fa­bio Fran­ce­schi, il pa­tròn di Gra­fi­ca Ve­ne­ta: «Ma ho ca­pi­to che ave­va­mo idee di­ver­se, quin­di me­glio an­da­re ognu­no per la pro­pria stra­da, non vo­le­vo ri­pe­te­re epi­so­di già vis­su­ti. Il pro­get­to è di non con­sen­ti­re a chi in­ve­ste di ave­re il con­trol­lo del gior­na­le, ma la­scia­re che il con­trol­lo del gior­na­le ce l’ab­bia­no i gior­na­li­sti. E quin­di i let­to­ri». Bel­pie­tro di­ce che lo fan­no sor­ri­de­re quel­li che ac­co­sta­no il suo gior­na­le al­la Pra­v­da, no­me che in rus­so si­gni­fi­ca "ve­ri­tà": «Co­me può qual­cu­no pen­sa­re che io mi ispi­ri ai co­mu­ni­sti o agli sta­li­ni­sti? Fa ri­de­re. Co­mun­que ho pen­sa­to di far­mi pre­sta­re da un ami­co un bel­lis­si­mo qua­dro rus­so do­ve si ve­de Le­nin che ar­rin­ga la fol­la: lo met­te­rei al­le mie spal­le in stu­dio, sa­reb­be un bel­lo sber­lef­fo».

GIOR­NA­LI­STA SCO­MO­DO Mau­ri­zio Bel­pie­tro: «L’in­di­pen­den­za è sa­cra»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.