Tas­sa rifiuti, pro­ve di pa­ce

L'as­ses­so­re Stec­co sta cer­can­do di me­dia­re con gli im­pren­di­to­ri ina­dem­pien­ti

Il Gazzetino (Venezia) - - Chioggia - Mar­co Biol­ca­ti

La Ta­ri fa an­co­ra pau­ra, si ri­schia un al­tro au­men­to del 10% per i cit­ta­di­ni per i man­ca­ti pa­ga­men­ti di al­cu­ne at­ti­vi­tà turistiche. La nuo­va giun­ta Fer­ro do­vrà fa­re i con­ti con un pro­ble­ma di vec­chia da­ta, che con­ti­nua ad es­se­re sen­za so­lu­zio­ne. La giun­ta pre­ce­den­te al­la fi­ne si è do­vu­ta ar­ren­de­re: gli im­pren­di­to­ri tu­ri­sti­ci non han­no vo­lu­to pa­ga­re e Cas­son ha do­vu­to au­men­ta­re la tas­sa a tut­ti del 10,3 per cen­to. Ora la pal­la pas­sa ai pen­ta­stel­la­ti che do­vran­no tro­va­re il mo­do di con­vin­ce­re gli ope­ra­to­ri a pa­ga­re per non far ri­ca­de­re i co­sti di nuo­vo sul­la col­let­ti­vi­tà. Del­la vi­cen­da si sta oc­cu­pan­do l'as­ses­so­re al Bi­lan­cio Da­nie­le Stec­co. «In que­ste set­ti­ma­ne - ri­fe­ri­sce - sto in­con­tran­do i ti­to­la­ri del­le at­ti­vi­tà che con­te­sta­no i co­sti del ser­vi­zio di pu­li­zia e rac­col­ta rifiuti con­dot­to da Ve­ri­tas e che han­no aper­to una cau­sa che è tut­to­ra in cor­so. Nell'at­te­sa che il giu­di­ce si espri­ma, co­me ben sap­pia­mo, nes­su­no di lo­ro ha pa­ga­to e que­sto ha crea­to un ’bu­co’ nel bi­lan­cio che è sta­to ri­pia­na­to dal­la giun­ta Cas­son con un au­men­to del­la tas­sa. La mia spe­ran­za è di con­vin­cer­li a pa­ga­re la Ta­ri in mo­do da far rien­tra­re il pro­ble­ma ed evi­ta­re un al­tro au­men­to».

Un'im­pre­sa dif­fi­ci­le. E i tem­pi del­la giu­sti­zia non aiu­ta­no: il giu­di­ce, sul­la cau­sa in cor­so, non si espri­me­rà en­tro l'an­no e que­sto si­gni­fi­ca che, se Stec­co non fa­rà il mi­ra­co­lo con­vin­cen­do gli im­pren­di­to­ri, l'au­men­to del­la tas­sa all'ap­pro­va­zio­ne del pros­si­mo bi­lan­cio sa­rà ine­vi­ta­bi­le. L'am­mi­ni­stra­zio­ne sta pro­van­do a me­dia­re, ma sen­za of­fri­re scon­ti: «Non sa­reb­be giu­sto - con­ti­nua Stec­co - nei con­fron­ti dei cit­ta­di­ni che han­no sem­pre pa­ga­to. Stia­mo cer­can­do di bat­te­re un'al­tra stra­da. Da par­te no­stra as­si­cu­ria­mo gran­de at­ten­zio­ne, nell'im­me­dia­to fu­tu­ro, all'ar­re­do ur­ba­no e tu­ri­sti­co, ma­ga­ri de­sti­nan­do fon­di ad hoc. Que­sto è un pro­ble­ma che ab­bia­mo ere­di­ta­to dal­la pas­sa­ta am­mi­ni­stra­zio­ne e su cui cer­chia­mo di muo­ver­ci ra­pi­da­men­te. Stia­mo an­che ve­ri­fi­can­do se è giu­sto in­se­ri­re, a li­vel­lo le­gi­sla­ti­vo, i ’cre­di­ti di dub­bia esi­gi­bi­li­tà’ nel pia­no fi­nan­zia­rio Ta­ri». Qua­lo­ra que­sta pro­ce­du­ra non fos­se cor­ret­ta, il de­bi­to crea­to da­gli im­pren­di­to­ri non do­vreb­be ave­re ri­per­cus­sio­ni sul­le ta­sche dei cit­ta­di­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.