Il ri­tor­no di Tra­cy, la can­tan­te che bat­tè Ma­don­na

Il Gazzetino (Venezia) - - Spettacoli Cultura - Se­re­nel­la Bet­tin

«So­no en­tra­ta nel­le vi­te de­gli al­tri e non ave­vo pen­sa­to di far­lo». Un'intervista a spron bat­tu­to quel­la a Tra­cy Spen­cer, al se­co­lo Lui­se Tra­cy Free­man, di Brighton. Esat­ta­men­te trent’an­ni fa vin­ce­va il Fe­sti­val­bar con "Run to me": un suc­ces­so epo­ca­le, can­zo­ne-ma­ni­fe­sto de­gli an­ni Ot­tan­ta in cui il ge­nio di Clau­dio Cec­chet­to crea­va dal nul­la stel­le del­la di­sco­mu­sic. A trent’an­ni di di­stan­za, il suo no­me è ri­ma­sto le­ga­to a quel­la can­zo­ne. Ma non ha per­so no­to­rie­tà, vi­sto che Tra­cy è an­co­ra ri­chie­stis­si­ma in Ita­lia per esi­bi­zio­ni re­vi­val. Di re­cen­te ha can­ta­to e bal­la­to a Noa­le. «Run to Me» bal­zò in te­sta a tut­te le clas­si­fi­che, sba­ra­glian­do per­fi­no Ma­don­na. Una can­zo­ne che do­po 30 an­ni è an­co­ra vi­va. Co­me mai? «Cre­do che sia per­ché il suo­no è fe­li­ce, le per­so­ne che mi ven­go­no a sen­ti­re poi mi rac­con­ta­no le lo­ro vi­te, di quan­do si so­no in­na­mo­ra­ti ascol­tan­do que­sta can­zo­ne. Ma­ga­ri qual­cu­no si è spo­sa­to, ha fat­to fi­gli. E tut­to ciò è bel­lis­si­mo per­ché la gen­te ti rac­con­ta la sua sto­ria e io ri­man­go at­tac­ca­ta a lo­ro». Co­me ci si sen­te ad aver su­pe­ra­to per­fi­no Ma­don­na? «Non cre­de­vo po­tes­se ave­re co­sì tan­to suc­ces­so. Do­po un po’ di set­ti­ma­ne mi ri­tro­vai in te­sta. Ve­de­vo Tra­cy nu­me­ro 1 e Ma­don­na nu­me­ro 2. Tra­cy nu­me­ro 1 e Ma­don­na nu­me­ro 2 - ri­de an­co­ra qua­si in­cre­du­la - non ave­vo mai pen­sa­to di po­ter­la su­pe­ra­re. Fu Clau­dio Cec­chet­to che mi pro­po­se di can­ta­re que­sto pez­zo». Lei co­sa vo­le­va fa­re da gran­de? «Io so­no ve­nu­ta in Ita­lia, a Ro­ma a 20 an­ni. Vo­le­vo ave­re fan, fa­ce­vo la mo­del­la, mi gua­da­gna­vo da vi­ve­re con qual­che mo­stra. Ho im­pa­ra­to tut­to da so­la, ave­vo mia so­rel­la vi­ci­no, ma an­che per fa­re il bol­lo era di­ver­so che far­lo qui in In­ghil­ter­ra. Ma era la mia vi­ta e ho co­no­sciu­to l'ita­lia». E poi? Co­me mai ha ab­ban­do­na­to que­sto mon­do? «Poi so­no tor­na­ta a Lon­dra, ho vis­su­to in Ger­ma­nia e in Ca­li­for­nia. A Lon­dra per pro­va­re a sta­re dall'al­tra par­te, con mia so­rel­la ave­vo un'agen­zia di ar­ti­sti. Ora in Ita­lia tor­no sem­pre per fa­re que­ste se­ra­te. Van­no mol­to di mo­da gli an­ni Ot­tan­ta. Per me è bel­lo per­ché par­to, fac­cio la se­ra­ta, co­no­sco e ri­ve­do le per­so­ne e poi tor­no nel mon­do rea­le. Mi fer­mo 24 ore in­som­ma». Ades­so co­sa fa, ol­tre al­le se­ra­te e a se­gui­re i suoi due fi­gli? «Ades­so con un team di per­so­ne e con l'uni­ver­si­tà di Brighton sto spe­ri­men­tan­do un nuo­vo pro­get­to per far ca­pi­re la ma­te­ma­ti­ca ai ra­gaz­zi. Quan­do i miei fi­gli ave­va­no 6 an­ni mi ac­cor­ge­vo che stu­dian­do ma­te­ma­ti­ca non ca­pi­va­no ciò che sta­va­no fa­cen­do. Co­sì ho pen­sa­to a un nuo­vo mo­do per po­ter­la spie­ga­re e mi han­no det­to che fun­zio­na. Ora vo­glio de­di­car­mi a que­sto».

IL PAS­SA­TO «I fan mi par­la­no

del­le lo­ro vi­te»

IL FU­TU­RO

«Mi oc­cu­pe­rò di ma­te­ma­ti­ca»

IE­RI E OG­GI Tra­cy Spen­cer ne­gli an­ni 80 e in que­sti gior­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.