Ar­bi­tri, Nic­chi stra­vin­ce Ter­zo man­da­to al vertice

Du­ra po­le­mi­ca tra il n.1 e l’ex del­fi­no Bra­schi che lo ha sfi­da­to, uscen­do pe­rò du­ra­men­te scon­fit­to

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

RO­MA - Ol­tre ogni più ro­sea aspet­ta­ti­va, Mar­cel­lo Nic­chi si con­fer­ma pre­si­den­te dell'as­so­cia­zio­ne ita­lia­na ar­bi­tri per il ter­zo man­da­to con­se­cu­ti­vo in vi­sta del nuo­vo qua­drien­nio olim­pi­co 2016/2020. In suo fa­vo­re, ben 242 vo­ti su 337 aven­ti di­rit­to e una per­cen­tua­le del 71,8%. So­lo il 28,2% per lo sfi­dan­te An­to­nio Zap­pi, che ha rac­col­to 95 pre­fe­ren­ze.

Dall'as­sem­blea Ge­ne­ra­le dell'aia an­da­ta in sce­na ie­ri all'hil­ton di Fiu­mi­ci­no, esce un'aia «in­cre­di­bil­men­te for­te» (e so­stan­zial­men­te iden­ti­ca a quel­la pas­sa­ta nell'or­ga­ni­gram­ma, con Pi­sa­cre­ta con­fer­ma­to vicepresidente), di­ce emo­zio­na­to il ca­po dei fi­schiet­ti ita­lia­ni do­po aver rac­col­to una ve­ra e pro­pria stan­ding ova­tion del­la pla­tea. In suo fa­vo­re, un con­sen­so an­da­to ben al di là del 66%, che era il quo­rum fat­to ab­bas­sa­re al 55% dal­la stes­sa ge­stio­ne Nic­chi per ot­te­ne­re l'ele­zio­ne ol­tre il se­con­do man­da­to. Il pro­gram­ma di Nic­chi è ba­sa­to sul­la con­ti­nui­tà e per il pros­si­mo qua­drien­nio il pre­si­den­te neo-rie­let­to si pro­met­te l'obiet­ti­vo prin­ci­pa­le di «di­fen­de­re i no­stri ra­gaz­zi dal can­cro del­la vio­len­za».

A com­pli­men­tar­si con lui, il nu­me­ro uno del­la Fe­der­cal­cio, Car­lo Ta­vec­chio, nel­la stes­sa lo­ca­tion do­ve due an­ni fa Nic­chi gli pre­fe­rì De­me­trio Al­ber­ti­ni al­le ele­zio­ni del­la Fi­gc: «Quan­do si par­la di Aia non ho pro­ble­mi», sen­ten­zia Ta­vec­chio. «Il ri­sul­ta­to ot­ti­ma­le è la gran­de co­scien­za che la vo­stra as­so­cia­zio­ne por­ta in Fi­gc».

Per Nic­chi una gior­na­ta da in­cor­ni­cia­re, tan­to che si ri­du­co­no a con­tor­no le po­le­mi­che con lo sfi­dan­te An­to­nio Zap­pi e il suo can­di­da­to al­la vi­ce­pre­si­den­za, Ste­fa­no Bra­schi: «Se vin­co sta­bi­li­rò il li­mi­te di due man­da­ti», an­nun­cia­va lo sfi­dan­te in mat­ti­na­ta. «Se la Fer­ra­ri vin­ce due cam­pio­na­ti del mon­do non man­da via gli in­ge­gne­ri. Fran­ce­sco Tot­ti gio­ca fi­no a 40 an­ni...», lo an­ti­ci­pa­va Nic­chi, ag­giun­gen­do: «Ai ver­ti­ci dell'azien­da de­ve es­ser­ci qual­cu­no ca­pa­ce».

Il ca­po dei fi­schiet­ti ne ha an­che per l'ex fi­gliol pro­di­go: «Rin­gra­zio Ste­fa­no Bra­schi: tu sai quan­to ho fat­to per te le pa­ro­le di Nic­chi nel suo di­scor­so mi sa­rei aspet­ta­to che se tu aves­si avu­to da dir­mi qual­co­sa me lo avre­sti det­to. Io ti ho im­po­sto a tut­ti per­ché cre­do nel­le per­so­ne e nel­le tue qua­li­tà. Te ne ho da­to at­to an­che in tut­te quel­le not­ta­te in cui sia­mo stati a par­la­re di tut­to e ti ho an­che gra­ti­fi­ca­to a li­vel­lo eco­no­mi­co». Di di­ver­so av­vi­so l'ex de­si­gna­to­re del­la Can A: «Cre­do che que­sta as­so­cia­zio­ne ab­bia bi­so­gno di un mo­to­re di­ver­so, le re­go­le non si fan­no ad per­so­nam. Io me ne so­no do­vu­to an­da­re do­po quat­tro an­ni da de­si­gna­to­re, per­ché il pre­si­den­te no? È sba­glia­to sen­tir­si im­mor­ta­li: io so­no fe­de­le al­le idee, non al­le per­so­ne», la re­pli­ca di Bra­schi. A nul­la è ser­vi­to.

RI­CON­FER­MA­TO Per Mar­cel­lo Nic­chi un suc­ces­so ol­tre ogni più ro­sea aspet­ta­ti­va: ha pre­so il 71,8% dei vo­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.