Il Pd "vie­ta" i co­mi­ta­ti del no

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Me­lo­dy Fu­sa­ro

«Ogni sin­go­la opi­nio­ne è da ri­spet­ta­re e il con­fron­to è aper­to. Ma nel par­ti­to non ac­cet­te­re­mo for­me or­ga­niz­za­te di dis­sen­so». Una net­ta pre­sa di po­si­zio­ne con cui Gi­glio­la Scat­to­lin, se­gre­ta­ria me­tro­po­li­ta­na del Pd, fa chia­rez­za sul te­ma del re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le, af­fron­ta­to ie­ri mat­ti­na dal par­ti­to in as­sem­blea. Al­la ba­se del­la di­scus­sio­ne, aper­ta dal ca­po­grup­po del Pd al Se­na­to Zan­da, c'è la po­si­zio­ne del Pd ve­ne­zia­no, che è uf­fi­cial­men­te a fa­vo­re del­la ri­for­ma. «Uno dei te­mi è quan­to fi­no­ra si sia go­ver­na­to a col­pi di de­cre­ti leg­ge e fi­du­cia - com­men­ta Scat­to­lin -. Ser­ve una strut­tu­ra più leg­ge­ra, che per­met­ta di le­gi­fe­ra­re. Il Pd ve­ne­zia­no ha una po­si­zio­ne chia­ra per il »sì" al re­fe­ren­dum ma que­sto non si­gni­fi­ca chiu­der­si al con­fron­to". E quel­lo di ie­ri mat­ti­na, chia­ri­sco­no, è sta­to un con­fron­to ami­che­vo­le, in cui so­no sta­te af­fron­ta­te le cri­ti­ci­tà ri­le­va­te in par­ti­co­la­re dal­la «si­ni­stra» del par­ti­to. «La ri­for­ma è per­fet­ti­bi­le, cer­to - ag­guin­ge la se­gre­ta­ria -. Se c'è chi ha dei dub­bi ha di­rit­to di espri­mer­li e se re­ste­rà dub­bio­so e vor­rà ri­ma­ne­re nel »no" sa­ra ben ac­cet­to, nel ri­spet­to del­la li­ber­tà di co­scien­za. Ma la gran­de mag­gio­ran­za è a fa­vo­re del­la ri­for­ma e non ac­cet­te­re­mo for­me or­ga­niz­za­te di dis­sen­so, per un sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà nei con­fron­ti del­la li­nea del par­ti­to". All'at­ti­vi­tà dei co­mi­ta­ti per il sì (uno dei pri­mi, fon­da­to da Ni­co­la Pel­li­ca­ni, ora con­ta qua­si 150 iscrit­ti) il ca­len­da­rio dei pros­si­mi due me­se pre­ve­de quin­di una se­rie di di­bat­ti­ti sul­la ri­for­ma. «La ri­for­ma elet­to­ra­le è una leg­ge or­di­na­ria e può es­se­re ag­giu­sta­ta - con­clu­de Scat­to­lin -. Ab­bia­mo due me­si per scio­glie­re i dub­bi e far ca­pi­re le ra­gio­ni del no­stro sì con­vin­to». Zan­da, in­sie­me al Sot­to­se­gre­ta­rio all'eco­no­mia Pier Pao­lo Ba­ret­ta e la de­pu­ta­ta Sa­ra Mo­ret­to, ie­ri mat­ti­na ha in­con­tra­to an­che le ca­te­go­rie eco­no­mi­che (As­so­cia­zio­ne ve­ne­zia­na al­ber­ga­to­ri, An­ce Venezia, Con­fin­du­stria Venezia e Le­ga­coop Ve­ne­to) in­te­res­sa­te dal ddl su­gli sgra­vi con­tri­bu­ti­vi per le im­pre­se di Venezia e Chiog­gia. «Do­po tan­to tem­po è sta­to fi­nal­men­te ap­pro­va­to al­la Ca­me­ra - spie­ga Ba­ret­ta -. Ora pe­rò sia­mo co­stret­ti a far ri­par­ti­re l'iter al Se­na­to (dal 29 set­tem­bre, ndr). Se fos­si­mo in ri­for­ma ora sa­rem­mo già ope­ra­ti­vi con gli sgra­vi at­te­si dal­le no­stre im­pre­se». «Se a Venezia - con­clu­de Ba­ret­ta -, con la sua par­ti­co­la­re ar­ti­co­la­zio­ne di opi­nio­ni, c'è bi­so­gno di un ap­proc­cio al­tret­tan­to ar­ti­co­la­to agli aspet­ti del­la ri­for­ma, il mes­sag­gio che vo­glia­mo lan­cia­re è che ab­bia­mo l'ur­gen­za di mi­glio­ra­re la no­stra de­mo­cra­zia, che ora è len­ta e ri­pe­ti­ti­va». Da Zan­da, la pro­mes­sa che il grup­po Pd sa­rà com­pat­to per ar­ri­va­re al più pre­sto all'ap­pro­va­zio­ne del te­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.