«Me­no bu­ro­cra­zia per ri­lan­cia­re l’eu­ro­pa»

E l’as­ses­so­re Do­naz­zan plau­de a Bru­gna­ro

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre -

Im­pren­di­to­ri som­mer­si da vin­co­li, pri­ma quel­li dell'eu­ro­pa, poi ma­ga­ri del­la so­vrin­ten­den­za e sa­ni­ta­ri, im­po­sti dal­la Re­gio­ne. E che poi, quan­do rie­sco­no a ve­nir­ne a ca­po, spes­so si ri­tro­va­no di nuo­vo sot­to scac­co, que­sta vol­ta da pro­ble­mi le­ga­ti al­le re­go­le del Co­mu­ne. Ma nell'esem­pio pro­po­sto dall'as­ses­so­re re­gio­na­le Ele­na Do­naz­zan in oc­ca­sio­ne del con­ve­gno "Co­me cam­bia­no il Ve­ne­to e l'eu­ro­pa do­po Bre­xit" l'in­ter­ven­to del sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro sa­reb­be sta­to de­ci­si­vo. «È uno di tan­ti ca­si si­mi­li che mi tro­vo ad af­fron­ta­re - spie­ga Do­naz­zan -. Co­sa pos­so­no fa­re que­sti gio­va­ni che vo­glio­no in­ve­sti­re e si ri­tro­va­no som­mer­si dal­la bu­ro­cra­zia? Si ri­vol­go­no al sin­da­co. E spes­so si sen­to­no ri­spon­de­re "non è mia com­pe­ten­za". In que­sto caso, in­ve­ce, Bru­gna­ro si è pre­so a cuo­re la sua si­tua­zio­ne e l'ha ri­sol­ta. Ed è que­sto che dob­bia­mo fa­re, so­prat­tut­to noi di For­za Ita­lia che dob­bia­mo re­cu­pe­ra­re la fi­du­cia dei cit­ta­di­ni». I con­cet­ti chia­ve del con­ve­gno, or­ga­niz­za­to dall'eu­ro­par­la­men­ta­re Eli­sa­bet­ta Gar­di­ni al Russott ho­tel di Mestre, so­no ap­pun­to "me­no re­go­le, me­no bu­ro­cra­zia" in fat­to di eco­no­mia e la­vo­ro, per rea­gi­re a un'eu­ro­pa che va in­con­tro a un mo­men­to par­ti­co­lar­men­te de­li­ca­to. In pla­tea ci so­no so­prat­tut­to am­mi­ni­stra­to­ri ve­ne­ti di For­za Ita­lia. E c'è an­che il sin­da­co di Venezia che, nel suo in­ter­ven­to, af­fron­ta quel­li che per lui so­no i te­mi de­ci­si­vi per ri­lan­cia­re l'eco­no­mia del ter­ri­to­rio: dal­la ma­cro­re­gio­ne del Nor­de­st al por­to off-sho­re. E nel ri­cor­da­re che i cit­ta­di­ni de­vo­no ave­re fi­du­cia, de­di­ca un pas­sag­gio an­che ai ma­ni­fe­stan­ti di 'Ocio ae gam­be che go el ca­reo", sce­si in piaz­za con­tro l'in­va­sio­ne dei tu­ri­sti: «So­no con­ten­tis­si­mo che ab­bia­no or­ga­niz­za­to una ma­ni­fe­sta­zio­ne che può sem­bra­re di pro­te­sta ma in real­tà è un esem­pio di vi­ta­li­tà - com­men­ta Bru­gna­ro -. Al di là del­le po­le­mi­che e del­le stru­men­ta­liz­za­zio­ni di al­tri par­ti­ti, que­sti so­no cit­ta­di­ni che vo­glio­no par­te­ci­pa­re». Do­po la di­scus­sio­ne dei da­ti sul rap­por­to tra im­po­si­zio­ne fi­sca­le e man­ca­ta cre­sci­ta del Pae­se, pro­po­sti dal pre­si­den­te del Cen­tro­stu­di impresa la­vo­ro Mas­si­mo Bla­so­ni, e le ta­vo­le ro­ton­de su po­li­ti­ca ed eco­no­mia eu­ro­pea e re­gio­na­le, è Eli­sa­bet­ta Gar­di­ni a ti­ra­re le con­clu­sio­ni: «La Bre­xit ha crea­to gran­di pre­oc­cu­pa­zio­ni dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co. Pro­prio co­me gli im­pren­di­to­ri del pro­sec­co, so­no in tan­ti a te­me­re con­se­guen­ze sui lo­ro scam­bi com­mer­cia­li con il Re­gno Uni­to. In que­sto cli­ma di in­cer­tez­za dob­bia­mo da­re gli sti­mo­li giu­sti per fa­vo­ri­re la cre­sci­ta del no­stro ter­ri­to­rio». (m.fus.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.