Cal­do re­cord e ne­ve "scu­ra": Do­lo­mi­ti, ghiac­ciai in pe­ri­co­lo

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - Da­mia­no Tor­men

Si sciol­go­no i ghiac­ciai del­le Do­lo­mi­ti. Dai 900 et­ta­ri del 1910, so­no pas­sa­ti ai 500 et­ta­ri scar­si del 2014. Col­pa del ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Tem­pe­ra­tu­re ano­ma­le an­che in que­ste ul­ti­me set­ti­ma­ne nel Bel­lu­ne­se. E la ne­ve dell’ul­ti­mo in­ver­no è spa­ri­ta.

L’ESPER­TO

Sciol­ti. O spa­ri­ti. La so­stan­za non cambia. I ghiac­ciai del­le Do­lo­mi­ti han­no per­so la me­tà dei lo­ro et­ta­ri nell'ul­ti­mo se­co­lo. Dai 900 et­ta­ri del 1910, so­no pas­sa­ti ai 500 et­ta­ri scar­si del 2014. In­som­ma, i gi­gan­ti di ghiac­cio so­no di­ven­ta­ti po­co più che ghiac­cio­li. E con­ti­nua­no a re­gre­di­re. L'in­di­zia­to nu­me­ro uno è il ri­scal­da­men­to glo­ba­le, cer­to. Ne sa qual­co­sa il ghiac­cia­io del­la Mar­mo­la­da, il più gran­de del­le Do­lo­mi­ti, che nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne è ri­ma­sto sco­per­to. Nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la. Per­ché la ne­ve che co­pre la su­per­fi­cie gla­cia­liz­za­ta è spa­ri­ta. Col­pa del­le tem­pe­ra­tu­re ano­ma­le re­gi­stra­te nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne. Del re­sto, era da tem­po che non si ve­de­va un set­tem­bre co­sì cal­do. O me­glio, non lo si era mai vi­sto fi­no­ra (al­me­no da quan­do esi­sto­no le se­rie sto­ri­che di ri­le­va­men­to dell'ar­pav nel­le sta­zio­ni mon­ta­ne). Dal 24 ago­sto al 15 di set­tem­bre, in­fat­ti, il Bel­lu­ne­se è sta­to ca­rat­te­riz­za­to da con­di­zio­ni meteo più che esti­ve.

«La tem­pe­ra­tu­ra me­dia è sta­ta su­pe­rio­re di ben 3,7˚C ri­spet­to al­la me­dia del pe­rio­do - spie­ga Mau­ro Valt, esper­to ni­vo­lo­go del cen­tro Ar­pav di Arab­ba -. Si trat­ta del va­lo­re più ele­va­to os­ser­va­to dal 1987 (ov­ve­ro dall'ini­zio del­le se­rie sto­ri­che, ndr) ad og­gi, pre­ce­den­do, nell'or­di­ne, il set­tem­bre 2011, 2006 e 1997». Un esem­pio: la sta­zio­ne del­la Mar­mo­la­da (Pun­ta Roc­ca, 3.256 me­tri sul li­vel­lo del ma­re) ha re­gi­stra­to so­lo due mi­ni­me sot­to ze­ro nel pe­rio­do dal 24 ago­sto al 15 set­tem­bre; e mas­si­me oscil­lan­ti trai 5 e i 10˚ C. «Que­ste tem­pe­ra­tu­re han­no ri­dot­to for­te­men­te la co­per­tu­ra ne­vo­sa dei ghiac­ciai - con­ti­nua Valt -. Di fat­to, la ne­ve dell'ul­ti­mo in­ver­no si è sciol­ta com­ple­ta­men­te e ha la­scia­to sco­per­ta la co­per­tu­ra ne­vo­sa dell'in­ver­no 2014-2015». Il pro­ble­ma è che la ne­ve più vec­chia at­ti­ra più fa­cil­men­te i rag­gi so­la­ri. Per­ché è più spor­ca, e quin­di non can­di­da. «La ne­ve bian­ca ri­flet­te il 90% dell'ener­gia so­la­re - sot­to­li­nea il ni­vo­lo­go -. In­ve­ce la ne­ve scu­ra ri­flet­te dal 40 al 60% dei rag­gi del so­le. Il re­sto di­ven­ta ca­lo­re che fa fon­de­re la ne­ve stes­sa. Quan­do un ghiac­cia­io non ha la sua co­per­ta di ne­ve, re­gre­di­sce mol­to più ve­lo­ce­men­te». Per for­tu­na tra il 15 e il 16 set­tem­bre una per­tur­ba­zio­ne ha ri­por­ta­to la ne­ve sul­le Do­lo­mi­ti. «Cer­to, quei cen­ti­me­tri di ne­ve fre­sca so­no uti­li - con­clu­de Valt -. Ma i ghiac­ciai del­le Do­lo­mi­ti re­sta­no in for­te sof­fe­ren­za».

Sof­fe­ren­za te­sti­mo­nia­ta dai da­ti Ar­pav. Nell'ul­ti­mo se­co­lo l'area gla­cia­liz­za­ta del­le mon­ta­gne ro­sa è pra­ti­ca­men­te di­mez­za­ta. L'esten­sio­ne del­le ne­vi pe­ren­ni dal 1910 al 2004 è ca­la­ta all'in­cir­ca del 45%. Con un'ac­ce­le­ra­zio­ne evi­den­te a par­ti­re dal 1980. La va­ria­zio­ne area­le dal 1910 al 1980 (70 an­ni) è sta­ta di -27,3%; dal 1980 al 2004 (24 an­ni) i ghiac­ciai do­lo­mi­ti­ci si so­no ri­dot­ti del 23,8% (no­no­stan­te due in­ver­ni par­ti­co­lar­men­te ne­vo­si nel 2000-2001 e 2003-2004). In­di­ca­ti­vo il da­to del­la Mar­mo­la­da: nel 1910 (pri­mo da­to a di­spo­si­zio­ne) il ghiac­cia­io oc­cu­pa­va cir­ca 420 et­ta­ri; set­tant'an­ni do­po su­pe­ra­va a ma­la pe­na i 300 et­ta­ri, men­tre nel 2014 (ul­ti­mo da­to a di­spo­si­zio­ne) ar­ri­va a 213,1 et­ta­ri (-49,3% dal 1910 al 2014).

«La ne­ve dell’ul­ti­mo

in­ver­no è spa­ri­ta»

CAL­DO Ne­gli ul­ti­mi 20 gior­ni ci so­no sta­ti 3,7 gra­di in più ri­spet­to

al­la me­dia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.