Re­fe­ren­dum, Ren­zi pun­ta sul 4 di­cem­bre

Ri­spet­to al 27 no­vem­bre, il pre­mier avreb­be una set­ti­ma­na in più per stem­pe­ra­re gli ani­mi del­la si­ni­stra in­ter­na e del cen­tro­de­stra

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano - Emi­lio Puc­ci

Ap­pa­ri­zio­ni in tv (que­sta se­ra sa­rà ‘Quin­ta co­lon­na’), con­fron­ti co­me quel­lo del­la set­ti­ma­na scor­sa con Tra­va­glio, uti­liz­zo co­stan­te dei so­cial, ‘tour’ per l’ita­lia per por­ta­re la gen­te a vo­ta­re. Do­po l’uf­fi­cia­liz­za­zio­ne del­la da­ta del re­fe­ren­dum Ren­zi fa­rà par­ti­re il con­to al­la ro­ve­scia per la “bat­ta­glia del­le bat­ta­glie”. “Ci so­no an­co­ra del­le va­lu­ta­zio­ni in cor­so”, ri­fe­ri­sco­no fon­ti go­ver­na­ti­ve ma il Cdm que­sta se­ra do­vreb­be pre­fe­ri­re la gior­na­ta del 4 di­cem­bre a quel­la del 27 no­vem­bre per l’ap­pun­ta­men­to re­fe­ren­da­rio. L’obiet­ti­vo è ave­re una set­ti­ma­na in più ma an­che ‘chiu­de­re’ ad ogni even­tua­li­tà di cri­si qua­lo­ra do­ves­se­ro pre­va­le­re i no al ddl Bo­schi. In quel ca­so re­ste­reb­be­ro, è una del­le ri­fles­sio­ni che ven­go­no fat­te in que­ste ore, po­chi gior­ni per ap­pro­va­re la leg­ge di bi­lan­cio al Se­na­to, non ci sa­reb­be­ro mar­gi­ni per pro­vo­ca­re ter­re­mo­ti. Lo stes­so Ren­zi ha ri­ba­di­to più vol­te che il go­ver­no è fuo­ri dal­la con­te­sa, an­che se c’è la con­sa­pe­vo­lez­za che una scon­fit­ta al­la con­sul­ta­zio­ne avreb­be con­se­guen­ze sull’ese­cu­ti­vo. È da gior­ni che Mat­ta­rel­la ri­lan­cia l’ap­pel­lo al dia­lo­go, per as­si­cu­ra­re – qual­sia­si sia l’esi­to del re­fe­ren­dum – sta­bi­li­tà al Pae­se. Il ten­ta­ti­vo è di stem­pe­ra­re il cli­ma, evi­ta­re che il con­fron­to di­vam­pi nel­le piaz­ze. Ma an­che sul­la da­ta l’op­po­si­zio­ne è pron­ta ad at­tac­ca­re: “Il re­fe­ren­dum co­sti­tu­zio­na­le è un di­rit­to dei cit­ta­di­ni, non di Ren­zi. Fis­sar­lo a di­cem­bre per ri­dur­re l’af­fluen­za e far re­cu­pe­ra­re i Sì sa­reb­be dav­ve­ro scan­da­lo­so”, scri­ve per esem­pio su twit­ter D’at­tor­re di SI.

Sul­le bar­ri­ca­te an­che il cen­tro­de­stra. In real­tà l’obiet­ti­vo del pre­mier è quel­lo di coin­vol­ge­re il mag­gior nu­me­ro di cit­ta­di­ni. Se l’af­fluen­za – que­sta la te­si – re­sta al 40% ri­schia­mo, si­gni­fi­ca che il voto è po­li­ti­ciz­za­to, bi­so­gna ar­ri­va­re per­lo­me­no al 60%. Co­min­ce­rà su­bi­to la cor­sa agli in­de­ci­si e Ren­zi pun­ta so­prat­tut­to agli elet­to­ri del cen­tro­de­stra e di M5s. “Il cli­ma nel Pae­se è buo­no – ha ri­pe­tu­to an­che in Cdm ve­ner­di’ scor­so -, la po­si­zio­ne del­la de­stra e’ in­con­ce­pi­bi­le”. La ‘mis­sion’ af­fi­da­ta ai mi­ni­stri e agli uo­mi­ni Pd è pro­prio quel­la di pe­sca­re nel ba­ci­no dell’op­po­si­zio­ne. E il ‘re­frain’ è sem­pre lo stes­so: “Co­me fan­no ad op­por­si al­la ri­du­zio­ne del nu­me­ro dei par­la­men­ta­ri e del­le pol­tro­ne? Co­me fan­no a vo­le­re an­co­ra la ca­sta al po­te­re?”. La cam­pa­gna elet­to­ra­le si gio­che­rà, a det­ta del pre­mier, so­prat­tut­to con Gril­lo. La ker­mes­se di Palermo se­con­do Ren­zi ha chia­ri­to che M5s è una set­ta, in­tol­le­ran­te al­la li­ber­tà di stam­pa. Per Ren­zi la vittoria dei sì al re­fe­ren­dum ar­ri­ve­rà pro­prio gra­zie a chi vuo­le ri­di­men­sio­na­re il pe­so del­la po­li­ti­ca, “per lo­ro sa­rà un boo­me­rang, la mag­gio­ran­za dei gril­li­ni vo­te­rà sì”. Per il pre­mier è re­si­dua­le in­ve­ce la quota che può spo­sta­re la mi­no­ran­za dem che in ogni ca­so sul­la da­ta non fa­rà po­le­mi­che. Con i ber­sa­nia­ni la par­ti­ta è sul­la leg­ge elet­to­ra­le: “Ora ve­dre­mo chi vuo­le fa­re sul se­rio e chi no”, ri­pe­te il pre­si­den­te del Con­si­glio. Nes­sun ti­mo­re, in­ve­ce, di un as­se M5S-FI sul pro­por­zio­na­le, il con­vin­ci­men­to è che Ber­lu­sco­ni non ab­brac­ce­rà Gril­lo e che non di­rà mai sì al­le pre­fe­ren­ze.

LA SCELTA Og­gi Ren­zi sug­ge­ri­rà la da­ta del 4 di­cem­bre per il re­fe­ren­dum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.