Aso­lo, vin­ce Ga­ro­fa­lo con il pu­gi­le vit­ti­ma del na­zi­smo

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura & Società -

Il pre­mio "Se­ga­fre­do Za­net­ti – Un li­bro per il ci­ne­ma" ha chiu­so il Fe­sti­val del viag­gia­to­re di Aso­lo con la vittoria di Mau­ro Ga­ro­fa­lo con “Al­la fi­ne di ogni cosa” (Fras­si­nel­li). Ga­ro­fa­lo, 42 an­ni, na­to a Roma e cre­sciu­to in Ma­rem­ma, è gior­na­li­sta, au­to­re e scrit­to­re e fa bo­xe in una pa­le­stra oc­cu­pa­ta: è in que­sto am­bien­te che ha ma­tu­ra­to l’idea del ro­man­zo sul pu­gi­le sin­ti Jo­hann Ru­ke­li Troll­mann al qua­le il na­zi­smo ave­va tol­to il ti­to­lo di cam­pio­ne per­ché “zin­ga­ro”. E che, per tut­ta ri­spo­sta, la vol­ta do­po era sa­li­to sul ring con il cor­po co­spar­so di fa­ri­na, i ca­pel­li tin­ti di gial­lo e si era la­scia­to bat­te­re. «Quell’uo­mo – spie­ga Ga­ro­fa­lo - ave­va mes­so in sce­na la scon­fit­ta del­lo stes­so fa­na­ti­smo aria­no che ora lo cro­ci­fig­ge­va, ave­va avu­to il co­rag­gio di guar­da­re drit­to in fac­cia il gran­de ma­le del No­ve­cen­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.