A pie­di nu­di nel­la glo­ria Quel cal­cio di Mil­to nel gior­no più lun­go

Il Gazzetino (Venezia) - - Rugby - DI ANTONIO LI­VIE­RO

En­tran­do nel suo stu­dio di ar­chi­tet­to mi col­pì il pia­no­for­te, si­ste­ma­to do­ve ci si sa­reb­be aspet­ta­ti di tro­va­re il ta­vo­lo da di­se­gno. Espri­me­va be­ne la per­so­na­li­tà di Mil­to Ba­ra­tel­la (che il pia­no lo "suo­na­va" an­che in cam­po) tra estro e leg­ge­rez­za, ele­gan­za e con­vi­via­li­tà. Al di là del rugby, è sta­to per an­ni pro­ta­go­ni­sta del­la vi­ta ro­di­gi­na, tra at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le e quel­la ve­na go­liar­di­ca che ne fa­ce­va un per­so­nag­gio da film di Mo­ni­cel­li: i suoi in­cre­di­bi­li scher­zi era­no fa­mo­si in cit­tà quan­to le pro­dez­ze spor­ti­ve e al­tret­tan­to lo era il mal­ca­pi­ta­to av­vo­ca­to che spes­so li su­bi­va. In cam­po ha fat­to tan­to. Cin­que scu­det­ti con e per­si­no con­tro Ma­ci Bat­ta­gli­ni. Non l’ho mai vi­sto gio­ca­re. Ma ho avu­to la for­tu­na di ascol­ta­re i suoi rac­con­ti. Ce n’era uno in par­ti­co­la­re che lo inor­go­gli­va. Quel­lo del­lo spa­reg­gio­scu­det­to di Pa­do­va, il 20 lu­glio del 1954. I Ber­sa­glie­ri si era­no fat­ti ri­mon­ta­re tre pun­ti nel­le ul­ti­me due gior­na­te dal gio­va­ne Tre­vi­so gui­da­to pro­prio da Ma­ci, che ave­va la­scia­to il Po­le­si­ne in quel­la sta­gio­ne do­po tre ti­to­li con­se­cu­ti­vi. Era un gior­no tor­ri­do. Si ini­ziò al­le 16,30 con 33 gra­di. La par­ti­ta fu su­bi­to du­ra. Do­po 10 mi­nu­ti Guan­da­li­ni e Ma­lo­sti san­gui­na­va­no co­pio­sa­men­te. Zuin fi­nì per tre vol­te a ter­ra col­pi­to al­la te­sta, per ci­ta­re so­lo i fe­ri­ti di par­te ro­di­gi­na. “Da quan­do Ma­ci se n’era an­da­to noi ave­va­mo svi­lup­pa­to un gio­co più aper­to – ri­cor­da­va Mil­to – e quel gior­no at­tac­cam­mo a fo­la­te, ma il Tre­vi­so plac­ca­va tut­to». Fi­nal­men­te al 20’ Ga­sto­ne Cec­chet­to tro­vò la so­lu­zio­ne per­so­na­le da mi­schia chiu­sa. Ma su­bi­to do­po un drop di Zuc­chel­lo ri­por­tò il ri­sul­ta­to in parità. Nel se­con­do tem­po il cal­do op­pri­men­te e la stan­chez­za pre­se­ro il so­prav­ven­to e il ri­sul­ta­to non si schio­dò dal 3-3 nep­pu­re ai sup­ple­men­ta­ri. Si pro­se­guì ad ol­tran­za: il pri­mo a se­gna­re avreb­be vin­to. «Guar­da­va­mo im­pa­zien­ti l’oro­lo­gio del­la tor­re e a un cer­to pun­to esau­sti, con i pie­di gon­fi e do­lo­ran­ti, io, Ca­muf­fo e qual­che al­tro ci to­gliem­mo le scar­pe e con­ti­nuam­mo scal­zi. Quan­do Pin in­ter­cet­tò un pas­sag­gio e cor­se a col­po si­cu­ro, non pen­sa­vo che in quel­le con­di­zio­ni Ca­muf­fo sa­reb­be riu­sci­to a plac­car­lo. In­ve­ce gli riu­scì un mi­ra­co­lo». Ma­ci eb­be sui pie­di la pal­la del­lo scu­det­to, ma sba­gliò il piaz­za­to. Do­po due ore e 9’ di gio­co la pu­ni­zio­ne toc­cò al Ro­vi­go. Nes­su­no se la sen­ti­va di ti­rar­la. Si fe­ce avan­ti Ba­ra­tel­la. Gli oc­chi di Mil­to a que­sto pun­to del ri­cor­do si ac­cen­de­va­no e il suo to­no ral­len­ta­va: “Ma­lo­sti si­ste­mò la pal­la a 30 me­tri dai pa­li, mi die­de un ba­cio in fron­te e si co­prì gli oc­chi. Mi chi­nai sul­la pal­la, la ba­ciai e mi fe­ci il segno del­la cro­ce. Cal­ciai e chiu­si gli oc­chi». Lun­go si­len­zio: «Dal boa­to ca­pii che era en­tra­ta». Fu il fi­ni­mon­do. Una ra­gaz­za tre­vi­gia­na sven­ne, il re­par­to ce­le­re do­vet­te in­ter­ve­ni­re per se­da­re un taf­fe­ru­glio tra ti­fo­si. Mil­to se ne sta­va ste­so sul pra­to e pian­ge­va. Ar­ri­vò ad ab­brac­ciar­lo “To­pa” Mi­la­ni. “Con­ti­nua­va a ri­pe­ter­mi ca­ro, ca­ro, ca­ro Mil­to, li ab­bia­mo fot­tu­ti, li ab­bia­mo fot­tu­ti». Il rac­con­to fi­ni­va co­sì. Non sen­za che pri­ma Mil­to pre­ci­sas­se: “Oh, na­tu­ral­men­te fot­tu­ti è una mia li­be­ra tra­du­zio­ne dal dia­let­to”.

NEL­LA STO­RIA Mil­to Ba­ra­tel­la, mor­to a 87 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.