Fer­ra­ri, una zam­pa­ta d’istin­to «Una gran­de sod­di­sfa­zio­ne»

Il Gazzetino (Venezia) - - Ogni Sport -

Nel vi­va­io del Lu­mez­za­ne era cre­sciu­to e ave­va de­but­ta­to in Le­ga Pro a 17 an­ni, se­gnan­do il suo pri­mo gol a 21 con la ma­glia ros­so­blù ri­con­qui­sta­ta do­po aver tra­sci­na­to l'al­lo­ra Sa­lò in se­rie D con 19 cen­tri. Pur es­sen­do tra­scor­si più di due lu­stri quel­lo di Ni­co­la Fer­ra­ri l'al­tro ie­ri al Pen­zo è sta­to quin­di il più clas­si­co dei gol de­gli ex, una zam­pa­ta in per­fet­to sti­le-in­za­ghi, con un pie­di­no mes­so lì d'istin­to giu­sto per im­pri­me­re al pal­lo­ne cal­cia­to da Ben­ti­vo­glio una tra­iet­to­ria di­ven­ta­ta prov­vi­den­zial­men­te im­pa­ra­bi­le.

«Il pa­ra­go­ne con il mi­ster, che di gol co­sì ne ha fat­ti a raf­fi­ca, è pro­prio un bel com­pli­men­to e mi ren­de an­cor più fe­li­ce per la mia pri­ma re­te in cam­pio­na­to con il Venezia - la sod­di­sfa­zio­ne di Fer­ra­ri, in pre­ce­den­za a segno a San­tar­can­ge­lo in Cop­pa Ita­lia - Que­sta re­te sul pia­no per­so­na­le co­ro­na una cre­sci­ta im­por­tan­te, ora fi­si­ca­men­te sto mol­to me­glio e spe­ro pro­prio di far­ne al­tri».

Do­po aver sac­cheg­gia­to Par­ma e An­co­na non è sta­to cer­to age­vo­le pie­ga­re il Lu­mez­za­ne.

«Do­po due vit­to­rie co­me quel­le del Tar­di­ni e al Del Co­ne­ro un ca­lo po­te­va an­che es­ser mes­so in pre­ven­ti­vo, in­ve­ce l'aspet­to più im­por­tan­te è che al Pen­zo non è sce­so in cam­po un Venezia ri­las­sa­to. Con­ta­va so­lo vin­ce­re di nuo­vo e l'obiet­ti­vo è sta­to rag­giun­to».

Prov­vi­den­zia­le ad un quar­to d'ora dal ter­mi­ne l'au­to­gol di Al­le­gra pro­pi­zia­to da Mar­su­ra, ar­ri­va­to do­po aver cor­so qual­che ri­schio.

«Nel com­ples­so è sta­ta una gara to­sta e dif­fi­ci­le, so­prat­tut­to per­ché nel pri­mo tem­po avrem­mo po­tu­ta chiu­der­la ma non ci sia­mo riu­sci­ti. Do­po l'in­ter­val­lo in ef­fet­ti ci è man­ca­to qual­co­sa e ab­bia­mo sof­fer­to, pe­rò la Le­ga Pro è que­sta, non si vin­ce mai per ca­so e aver ag­giun­to al­tri tre pun­ti va be­nis­si­mo».

Per la se­con­da gara con­se­cu­ti­va mi­ster In­za­ghi ha in­si­sti­to sul­la cop­pia di mo­vi­men­to Fer­ra­ri-gei­jo e i due at­tac­can­ti si so­no cer­ca­ti mol­to scam­bian­do­si spes­so di po­si­zio­ne sul fron­te of­fen­si­vo. In­dub­bia­men­te il Venezia si aspet­ta mol­to dai due, lo scor­so an­no en­tram­bi ti­to­la­ri in se­rie B (35 pre­sen­ze e 9 gol Fer­ra­ri a Lan­cia­no, 36 e 11 Gei­jo a Bre­scia).

«Io ho ca­pi­to che con Alex ci sto mol­to be­ne, pos­sia­mo mi­glio­ra­re e senz'al­tro mi­glio­re­re­mo pa­rec­chio. Co­mun­que cre­do si sia­no già vi­ste buo­ne co­se, an­che per­ché sul cam­po sia­mo me­no si­mi­li di quan­to si può pen­sa­re sul­la car­ta». (m.del.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.