Ta­co­pi­na: «La squa­dra mi pia­ce» Pe­ri­net­ti: «Sap­pia­mo sof­fri­re»

Il Gazzetino (Venezia) - - Calcio - Marco De Laz­za­ri

Tre vit­to­rie con­se­cu­ti­ve e il Venezia, uni­co team im­bat­tu­to del gi­ro­ne, con­ti­nua da so­lo nel suo rit­mo da ca­po­li­sta. Il 2-0 ri­fi­la­to al Lu­mez­za­ne, pur sen­za bril­la­re trop­po, per­met­te­rà agli aran­cio­ne­ro­ver­di di Pip­po In­za­ghi di ar­ri­va­re con un pun­to in più del Por­de­no­ne al fac­cia a fac­cia di sa­ba­to al Bot­tec­chia (ore 20.30). Un al­tro pas­so in avan­ti com­piu­to ma il pri­mo a non ab­bas­sa­re la guar­dia è il pre­si­den­te Joe Ta­co­pi­na: «Ov­via­men­te so­no mol­to fe­li­ce, è chia­ro che que­sto è il ti­po di per­cor­so che ci aspet­tia­mo e ci au­gu­ria­mo di con­ti­nua­re a fa­re il suo plau­so da­gli Sta­tes Mi pia­ce quel­lo che sto ve­den­do sul cam­po pe­rò la stra­da da per­cor­re­re è an­co­ra mol­to lun­ga». Da par­te sua il ds Gior­gio Pe­ri­net­ti ba­da al so­do: «Aver ag­giun­to al­tri tre pun­ti al­la no­stra clas­si­fi­ca va be­nis­si­mo e non c'è da sot­ti­liz­za­re trop­po. Ogni par­ti­ta na­scon­de gros­se in­si­die per tut­ti, ba­sta ve­de­re il Par­ma che ha pa­ti­to con l'al­bi­no­lef­fe. La co­stan­te po­si­ti­va è che que­sta squa­dra, sep­pur nuo­va dall'al­le­na­to­re in giù, ha ri­con­fer­ma­to di sa­per sof­fri­re, com'era suc­ces­so con Reg­gia­na e Par­ma an­dan­do su­bi­to in svan­tag­gio, non­ché ad An­co­na per i pro­ble­mi che sap­pia­mo (tre espul­sio­ni, ndr) e che ci era­va­mo crea­ti noi sia chia­ro». No­ta po­si­ti­va il pri­mo acu­to in cam­pio­na­to dell'at­tac­can­te Fer­ra­ri. «Se in una squa­dra se­gna­no un po’ tut­ti è tan­to di gua­da­gna­to, chia­ra­men­te dal­le pun­te si aspet­ta­no i gol e noi ab­bia­mo la mas­si­ma fiducia nel­le no­stre. Fer­ra­ri lo scor­so an­no in B ave­va se­gna­to 9 vol­te co­me Ca­laiò, che og­gi a Par­ma è a quota due, non a tren­ta. Ora aspet­tia­mo an­che Gei­jo, ma tut­ti i ra­gaz­zi stan­no con­fer­man­do il lo­ro va­lo­re, co­me i gio­va­ni Lu­cia­ni e Pel­li­ca­nò che si so­no fat­ti tro­va­re pron­ti in so­sti­tu­zio­ne di com­pa­gni più na­vi­ga­ti». Il pros­si­mo osta­co­lo si chia­ma Por­de­no­ne ed è la pri­ma in­se­gui­tri­ce del Venezia. «L'av­ver­sa­rio che og­gi più di ogni al­tro può met­ter­ci in dif­fi­col­tà per il suo mo­do di sta­re in cam­po con gran­de rit­mo e in­ten­si­tà. Al con­tem­po pe­rò ha in­cas­sa­to 8 re­ti e sta­rà a noi far­ci va­le­re. Se con­tro il Lu­mez­za­ne aves­si­mo se­gna­to sul­la dop­pia tra­ver­sa di Do­miz­zi pro­ba­bil­men­te avrem­mo vin­to 3-4 a ze­ro. Que­sto Venezia non è spa­ra­gni­no, cor­re, sgob­ba e si im­pe­gna, aspet­ti che i ti­fo­si giu­sta­men­te stan­no co­min­cian­do ad ap­prez­za­re. Fa­re ri­sul­ta­to a Por­de­no­ne sa­rà fon­da­men­ta­le te­nu­to con­to che poi avre­mo di fi­la Sam­be­ne­det­te­se e Te­ra­mo al Pen­zo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.