Clinton e Trump per un pu­gno di vo­ti

Pri­mo duel­lo in tv: 100 mi­lio­ni di spet­ta­to­ri

Il Gazzetino (Venezia) - - Esteri - An­na Guai­ta

Il 13 per cen­to de­gli elet­to­ri

non ha an­co­ra scel­to

So­no de­cen­ni che i di­bat­ti­ti pre­si­den­zia­li ar­ri­va­no tan­to tardi nel­la cam­pa­gna che in ge­ne­re gli elet­to­ri han­no già de­ci­so per chi vo­ta­re e non si fan­no in­fluen­za­re gran­ché da quel che ve­do­no sul­lo scher­mo. Ma quel­lo di ie­ri se­ra - la not­te italiana - è sta­to un di­bat­ti­to di­ver­so, in una sta­gio­ne elet­to­ra­le ano­ma­la. Per un’ora e mez­zo, Do­nald Trump e Hil­la­ry Clinton so­no an­da­ti a cac­cia di quel 13 per cen­to (o po­co me­no) di elet­to­ri che ie­ri non ave­va an­co­ra de­ci­so a chi da­re il pro­prio vo­to. Una per­cen­tua­le co­sì al­ta, a so­li 40 gior­ni dal vo­to, è più uni­ca che ra­ra. Se uno dei due ie­ri è riu­sci­to a por­tar­li nel pro­prio cam­po, si­gni­fi­che­reb­be che il di­bat­ti­to ha de­ci­so le ele­zio­ni. E an­zi al­cu­ni esper­ti si di­ce­va­no cer­ti che i gio­chi sa­reb­be­ro sta­ti fat­ti su­bi­to, nei pri­mi tren­ta mi­nu­ti.

Per ca­pi­re quan­to sia­no im­por­tan­ti gli in­de­ci­si, bi­so­gna te­ne­re pre­sen­te che la me­dia dei son­dag­gi ie­ri da­va Hil­la­ry in van­tag­gio di 2-3 pun­ti per­cen­tua­li su Trump. Un van­tag­gio che quel 13 per cen­to po­treb­be strac­cia­re. Tut­ti e due, Do­nald e Hil­la­ry ave­va­no co­mun­que un’al­tra gros­sa sfi­da: riu­sci­re a di­mi­nui­re la per­cen­tua­le di di­sap­pro­va­zio­ne che ognu­no di lo­ro si porta ad­dos­so, an­che da par­te di elet­to­ri che vo­te­ran­no per lo­ro: per Trump ar­ri­va al 61 per cen­to, per Hil­la­ry al 56. Ma quan­to può un di­bat­ti­to de­ci­de­re su que­sti due fron­ti? Cer­to, Hil­la­ry spe­ra­va che i ca­na­li di no­ti­zie – Cnn, Fox, Msnbc ecc. – ab­brac­cias­se­ro la pro­po­sta di con­dur­re “fact check” in di­ret­ta. Che Trump di­ca bugie e fal­si­tà a ruo­ta li­be­ra è co­sa uni­ver­sal­men­te no­ta. E Clinton spe­ra­va che ogni er­ro­re espres­so nel di­bat­ti­to ve­nis­se cor­ret­to in di­ret­ta, con una fa­scia stam­pa­ta ai pie­di del­lo scher­mo. Ma so­lo Bloom­berg, il ca­na­le fon­da­to dal mi­liar­da­rio ex sin­da­co di New York, si era im­pe­gna­to a far­lo. In­ve­ce il di­bat­ti­to pro­met­te­va di es­se­re un duel­lo sen­za re­go­le. Ie­ri, po­co pri­ma che si apris­se­ro le por­te del­la Hof­stra Uni­ver­si­ty, a Long Island, e i due can­di­da­ti sa­lis­se­ro sul podio per la ma­ra­to­na che pro­met­te­va di at­ti­ra­re fi­no a 100 mi­lio­ni di te­le­spet­ta­to­ri, è tra­pe­la­to che gli espo­nen­ti del­le due cam­pa­gne non era­no giun­ti a un ac­cor­do sul com­por­ta­men­to da te­ne­re. In ge­ne­re in­fat­ti la Com­mis­sion on Pre­si­den­tial De­ba­tes sta­bi­li­sce le re­go­le “tec­ni­che”, ma poi i due can­di­da­ti si met­to­no d’ac­cor­do sul com­por­ta­men­to da te­ne­re e i te­mi da evi­ta­re (ad esem­pio, non par­la­re di fat­ti pri­va­ti). In­ve­ce i rap­pre­sen­tan­ti di Trump e di Clinton si so­no in­con­tra­ti, ma non han­no fir­ma­to nes­sun ac­cor­do. Quin­di le uni­che re­go­le era­no quel­le del­la Com­mis­sio­ne: 90 mi­nu­ti fi­la­ti, sen­za in­ter­ru­zio­ni o pub­bli­ci­tà, di­vi­si in 6 “se­zio­ni”. Per ogni se­zio­ne si do­ve­va co­min­cia­re con pri­ma do­man­da a Hil­la­ry, con due mi­nu­ti per ri­spon­de­re e due mi­nu­ti a Trump, se­gui­ti da die­ci mi­nu­ti di di­bat­ti­to li­be­ro fra di lo­ro. Il re­sto era af­fi­da­to a lo­ro. Co­me com­por­tar­si e co­sa di­re.

Hil­la­ry ave­va tra­scor­so gli ul­ti­mi gior­ni ad al­le­nar­si pro­prio con que­sto for­ma­to. A im­per­so­na­re Trump per una set­ti­ma­na ogni se­ra dal­le 21 al­le 22.30 è sta­to il fi­da­tis­si­mo col­la­bo­ra­to­re Phi­lip­pe Rei­nes. La ex segretario di Sta­to, spes­so cri­ti­ca­ta per es­se­re ri­gi­da e ap­pa­ri­re falsa, ha stu­dia­to mi­nu­zio­sa­men­te e me­ti­co­lo­sa­men­te tut­ti i te­mi cal­di di at­tua­li­tà, ma si era pre­pa­ra­ta an­che qual­che bat­tu­ti­na, qual­che fra­se a ef­fet­to, nel­la spe­ran­za di ri­tro­var­le og­gi nei ti­to­li dei gior­na­li.

Dal can­to suo Trump non ha vo­lu­to ri­ve­la­re nul­la del­la sua pre­pa­ra­zio­ne, per crea­re cu­rio­si­tà e at­te­sa, e in­ner­vo­si­re la ri­va­le. Tut­ta­via si è sa­pu­to che si era al­le­na­to a par­la­re in una sa­la vuo­ta, per es­se­re pron­to al­la sa­la si­len­zio­sa che lo aspet­ta­va al­la Hof­stra. Que­sta era una del­le re­go­le vo­lu­te dal­la Com­mis­sio­ne: nien­te ap­plau­si o com­men­ti dal pub­bli­co, un fat­to­re di pos­si­bi­le nervosismo per Trump, abi­tua­to a par­la­re a un pub­bli­co ru­mo­ro­so e plau­den­te.

NEW YORK I pre­pa­ra­ti­vi al­la Hof­stra Uni­ver­si­ty per il pri­mo di­bat­ti­to tra i can­di­da­ti al­la Ca­sa Bian­ca Hil­la­ry Clinton e Do­nald

Trump

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.