Cer­vel­li di ri­tor­no Pa­do­va riab­brac­cia 24 stu­dio­si dall’este­ro

L’an­nun­cio del ret­to­re Riz­zu­to: dal­la Sviz­ze­ra al Pa­ki­stan, in­ver­sio­ne di ten­den­za

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - Fe­de­ri­ca Cap­pel­la­to

Ol­tre al ma­de in Ita­ly in ab­bi­glia­men­to, scar­pe e ac­ces­so­ri, il Bel­pae­se «espor­ta» tre­mi­la ri­cer­ca­to­ri all'an­no. O per me­glio di­re que­sti, for­ti di cur­ri­cu­la da fa­re in­vi­dia, se la dan­no a gam­be ver­so Pae­si do­ve le con­di­zio­ni di la­vo­ro so­no più fa­vo­re­vo­li, gli sti­pen­di più al­ti, le pos­si­bi­li­tà di far car­rie­ra più con­cre­te, in­som­ma do­ve le sod­di­sfa­zio­ni per­so­na­li non si fan­no so­spi­ra­re.

Cer­vel­li in fu­ga, at­ti­ra­ti da li­di più am­mic­can­ti. Ma c'è an­che chi, pun­tan­do su quel­la pa­ro­la qua­si di­men­ti­ca­ta che è me­ri­to­cra­zia, tro­va le por­te aper­te e la stra­da spia­na­ta. E de­ci­de di fa­re in­ver­sio­ne, pre­no­tan­do il bi­gliet­to ae­reo per il ri­tor­no. Con­vin­to, al­le­gro, de­fi­ni­ti­vo.

E co­sì a rien­tra­re a Pa­do­va in que­sti gior­ni so­no in ven­ti­quat­tro. Lo ha an­nun­cia­to ie­ri il ma­gni­fi­co ret­to­re Ro­sa­rio Riz­zu­to, con­vo­can­do per la pri­ma vol­ta gli Sta­ti Ge­ne­ra­li dell'uni­ver­si­tà a Vil­la Re­ve­din Bo­la­sco di Ca­stel­fran­co. Si trat­ta di ven­ti ita­lia­ni e quat­tro stra­nie­ri: ven­ti­due era­no all'este­ro tra Olan­da, Ger­ma­nia, Sviz­ze­ra, Tur­chia, Pa­ki­stan, Au­stra­lia, due l'ate­neo li ha «scip­pa­ti» da Cnr e Uni­ver­si­tà di Bo­lo­gna. Età me­dia 42 an­ni, la ca­ri­ca dei pro­fes­so­ri rim­pa­tria­ti an­drà ad ar­ric­chi­re le co­no­scen­ze in ma­te­ma­ti­ca, fi­si­ca, chi­mi­ca, in­ge­gne­ria, me­di­ci­na, far­ma­co­lo­gia, sto­ria, an­tro­po­lo­gia, ar­cheo­lo­gia, glot­to­lo­gia, agra­ria.

«No­stal­gia? Eh, fa­re il pen­do­la­re con l'eu­ro­pa non è sem­pli­ce. Ave­vo fi­du­cia, nu­tri­vo spe­ran­za per un po­sto da strut­tu­ra­to all'interno dell'uni­ver­si­tà di Pa­do­va, la mia cit­tà». Al­la fi­ne, do­po tre an­ni all'este­ro, Mat­teo Mil­lan ce l'ha fat­ta: 32en­ne, è ri­tor­na­to ab­brac­cian­do i suoi ca­ri e ag­guan­tan­do il ruo­lo di pro­fes­so­re as­so­cia­to al Bo. Mil­lan è uno dei die­ci più giovani vin­ci­to­ri de­gli Star­ting Gran­ts 2015, i fon­di del Con­si­glio eu­ro­peo del­la ri­cer­ca (Erc) de­sti­na­ti agli scien­zia­ti a ini­zio car­rie­ra: si è ag­giu­di­ca­to un as­se­gno da un mi­lio­ne e mez­zo di eu­ro da in­ve­sti­re in cin­que an­ni per stu­dia­re il ruo­lo dei grup­pi pa­ra­mi­li­ta­ri e del­le as­so­cia­zio­ni ar­ma­te in quat­tro Pae­si eu­ro­pei pri­ma del­la Gran­de Guer­ra. Ro­ba da sto­ri­co raf­fi­na­to, qua­le lui è.

Due an­ni tra­scor­si a Ox­ford tra giu­gno 2013 e giu­gno 2015 so­gnan­do il pro­fu­mo di ca­sa, quin­di set­te me­si a Du­bli­no, con la pro­po­sta ac­ca­de­mi­ca di ri­ma­ner­ci, rei­te­ra­ta da un pa­io di Uni­ver­si­tà in­gle­si. In­ve­ce no, Mat­teo Mil­lan ha pre­fe­ri­to tor­na­re nel­la sua Pa­do­va do­ve ora è in­car­di­na­to in se­no al Di­par­ti­men­to di scien­ze sto­ri­che, geo­gra­fi­che e dell'antichità. «Do­po l'as­se­gna­zio­ne di quel mi­lio­ne e mez­zo di eu­ro del Con­si­glio eu­ro­peo del­le ri­cer­che, l'ate­neo ha av­via­to su­bi­to le pro­ce­du­re per la mia chia­ma­ta di­ret­ta. Ec­co dun­que che mi ap­pre­sto - rac­con­ta il pro­fes­sor Mil­lan - ad ana­liz­za­re co­me ve­ni­va­no usa­te le ar­mi nei grup­pi mi­li­ta­ri, pa­ra­mi­li­ta­ri e as­so­cia­ti­vi chia­ma­ti ad ad­de­stra­re i giovani in tut­ta l'eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le, nei vent'an­ni che pre­ce­de­va­no la pri­ma guer­ra mon­dia­le. Mi af­fa­sci­na in­som­ma stu­dia­re i mez­zi di vio­len­za dell'epo­ca, per co­sì di­re la fac­cia oscu­ra dei con­flit­ti so­cia­li e po­li­ti­ci che poi sfo­cia­ro­no nel con­flit­to. Per far­lo re­clu­te­rò dei ri­cer­ca­to­ri, quat­tro per cin­que an­ni, in ognu­no dei Pae­si nei qua­li pro­ce­de­rò all'analisi: Fran­cia, Re­gno Uni­to, Ger­ma­nia, l'at­tua­le area del vec­chio im­pe­ro Au­stro-un­ga­ri­co, men­tre per quan­to ri­guar­da l'ita­lia me ne oc­cu­pe­rò io. Poi pro­ce­de­re­mo a pub­bli­ca­zio­ni, in­di­ca­ti­va­men­te un li­bro per ogni Pae­se più al­me­no un pa­io di vo­lu­mi rias­sun­ti­vi».

BENTORNATI Un ri­cer­ca­to­re ita­lia­no all’este­ro. A si­ni­stra, Mat­teo Mil­lan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.