Quell’ "as­sas­si­no" che vor­rem­mo es­se­re

LI­BRI. Nel nuo­vo ro­man­zo di An­drea Mo­le­si­ni uno scrit­to­re e un an­zia­no de­te­nu­to che ha uc­ci­so per espia­re un tra­di­men­to

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura & Società - Ser­gio Fri­go VE­NE­ZIA

Due pro­ta­go­ni­sti, uno vec­chio e uno gio­va­ne, due cit­tà di ma­re, Trie­ste e Ve­ne­zia, la li­ber­tà e la re­spon­sa­bi­li­tà, la fe­del­tà e il tra­di­men­to, la col­pa e l’espia­zio­ne, la ve­ri­tà e la giu­sti­zia... C’è mol­to dua­li­smo nel nuo­vo ro­man­zo "La so­li­tu­di­ne dell’as­sas­si­no" (369 pag. € 18) con cui An­drea Mo­le­si­ni ap­pro­da a Riz­zo­li, la­scian­do Sel­le­rio do­po tre ro­man­zi, fra cui il be­st sel­ler "Non tut­ti i ba­star­di so­no di Vien­na", che gli ha frut­ta­to un Pre­mio Cam­piel­lo, ol­tre 100mi­la co­pie ven­du­te in Ita­lia e un­di­ci tra­du­zio­ni all’este­ro.

Ma nel sog­gior­no del­la sua bel­la ca­sa a San­ta Ma­ria For­mo­sa con gli in­ter­ni a for­ma di bar­ca (ere­di­ta­ta dal pro­zio Gu­glie­lo Rai­ner, l’am­mi­ra­glio che spa­rò con­tro D’an­nun­zio a Fiu­me) fan­no bel­la mo­stra an­che i suoi pri­mi tre li­bri per ra­gaz­zi, con cui Riz­zo­li ha inau­gu­ra­to una col­la­na a lui de­di­ca­ta, fra cui il ti­to­lo con cui de­but­tò sul­la sce­na let­te­ra­ria per i let­to­ri in er­ba, "Quan­do ai ve­ne­zia­ni creb­be la co­da", che a 27 an­ni dal­la pri­ma edi­zio­ne (e a 26 dal pre­sti­gio­so Pre­mio An­der­sen) con­ti­nua a ven­de­re mi­glia­ia di co­pie.

Rai­ner, dun­que, co­me Luca, il pro­ta­go­ni­sta (tra­dut­to­re che di­ven­ta au­to­re, co­me Mo­le­si­ni), chia­ma­to a rac­con­ta­re la sto­ria di un ot­tan­ten­ne trie­sti­no, Car­lo Ma­la­gu­ti, che sta fi­nen­do di scon­ta­re una con­dan­na a vent’an­ni di car­ce­re per un omi­ci­dio che ha con­fes­sa­to ma mai spie­ga­to.

An­che se Mo­le­si­ni co­me scrit­to­re è "au­to­bio­gra­fi­co nei luo­ghi" più che ne­gli even­ti - vi­sto che i suoi ro­man­zi fin qui si so­no svol­ti nel pas­sa­to, in ca­se, al­ber­ghi, iso­le, cit­tà che conosce e fre­quen­ta qui l’aspet­to au­to­bio­gra­fi­co si af­fac­cia nel­le psi­co­lo­gie dei due per­so­nag­gi: se Rai­ner è un po' lui stes­so (e un po' tut­ti noi, on­di­va­ghi, in­si­cu­ri, pre­da de­gli even­ti), Ma­la­gu­ti, un ex bi­blio­te­ca­rio, è co­me vor­reb­be/vor­rem­mo es­se­re: ret­to, se­ve­ro pri­ma di tut­to con se stes­so, au­to­re­vo­le, an­che se se­gna­to da un pas­sa­to oscu­ro e do­lo­ro­so. “E' co­me un'onda che si ab­bat­te sul­la spiag­gia, men­tre Rai­ner è un po' la ri­sac­ca, che ri­met­te i sas­si al lo­ro po­sto”.

Il rac­con­to si svol­ge in tre tem­pi e tre luo­ghi: par­te dal 2007 in un' im­ma­gi­na­rio car­ce­re di Trie­ste (che nel no­me – la For­tez­za - ri­chia­ma lo Spiel­berg) do­ve si in­con­tra­no i due pro­ta­go­ni­sti; poi si tuf­fa nel pas­sa­to, nel 1944 nell'iso­la ve­ne­zia­na di Sant'era­smo, un pez­zo di cam­pa­gna ve­ne­ta in mez­zo al­la la­gu­na, do­ve tra i cam­pi e i ca­so­la­ri si na­scon­do­no di­ser­to­ri ed ebrei: ed è qui che av­vie­ne l'even­to dram­ma­ti­co che se­gna per sem­pre la vi­ta di Ma­la­gu­ti, il suo ar­re­sto da par­te dei na­zi­sti, la tor­tu­ra e la de­la­zio­ne nei con­fron­ti di una gio­va­ne ebrea, che lo pri­ve­ran­no per sem­pre dell'amore e del­la fe­li­ci­tà; in­fi­ne ri­sa­le agli an­ni '80, fra Pa­ri­gi e il Tren­ti­no, in cui ma­tu­ra l'omi­ci­dio che por­te­rà il vec­chio in ga­le­ra. In Tren­ti­no Mo­le­si­ni ha scrit­to i suoi pre­ce­den­ti ro­man­zi, men­tre que­sto è sta­to scrit­to pro­prio a Pa­ri­gi, non lon­ta­no dal­la scom­par­sa Pla­ce de Grè­ve, do­ve nel 1242 av­ven­ne il ro­go dei Tal­mud, uno de­gli epi­so­di di per­se­cu­zio­ne an­ti­e­brai­ca rac­con­ta­ti nel li­bro. In Fran­cia Mo­le­si­ni gra­zie so­prat­tut­to ai ”Ba­star­di”, è qua­si una ce­le­bri­tà, e le Fi­ga­ro gli ha de­di­ca­to due pagine en­tu­sia­sti­che quan­do ha pre­so ca­sa a Pa­ri­gi (d'al­tron­de il Wall Street Jour­nal ha pa­ra­go­na­to il suo pri­mo li­bro al “Gat­to­par­do”). Il con­fron­to fra l'ir­ri­sol­to Rai­ner e l'in­te­ger­ri­mo Ma­la­gu­ti che ha scel­to “la più du­ra del­le con­dan­ne per ri­tro­va­re l'ono­re”, ma che ha vis­su­to da uo­mo li­be­ro an­che in ga­le­ra, all'ini­zio è im­pa­ri, ma via via si di­pa­na in un'em­pa­tia che sfo­cia nell'ami­ci­zia. “Al­la fi­ne an­che Ra­nier – di­ce Mo­le­si­ni - pro­prio nel rap­por­to sem­pre più stret­to con l'ex de­te­nu­to, tro­ve­rà un nuo­vo sen­so al­la sua vi­ta”. Non so­lo: sa­rà pro­prio da que­sto rap­por­to nu­tri­to di ve­ri­tà che sca­tu­ri­rà an­che una di­ver­sa e più ac­cet­ta­bi­le let­tu­ra mo­ra­le del­la tra­gi­ca vi­cen­da di Ma­la­gu­ti.

SCRIT­TO­RE An­drea Mo­le­si­ni nel­la sua ca­sa ve­ne­zia­na. Sot­to al cen­tro una ve­du­ta dell’iso­la di Sant’era­smo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.