Bru­gna­ro in te­le­vi­sio­ne Prove da lea­der na­zio­na­le

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - Mi­che­le Ful­lin

im­por­si nel po­me­rig­gio la for­ma­zio­ne del Team 78 Mar­tel­la­go. Mol­to at­te­sa e sen­ti­ta, inol­tre, la par­ti­ta "Vec­chie glo­rie", che ha re­gi­stra­to la scon­fit­ta in cam­po dei non più giovani ma mo­ti­va­ti al­lie­vi di Fa­bri­zio Piag­gi (già de­ten­to­ri del ti­to­lo non­ché tra gli or­ga­niz­za­to­ri del­la gior­na­ta), da par­te del vit­to­rio­so team ca­pi­ta­na­to dal fi­glio di que­st'ul­ti­mo, Ares. Ad ac­com­pa­gna­re la ma­ni­fe­sta­zio­ne, tra un match e l'al­tro, an­che ap­prez­za­te sfi­de di ti­ro, co­reo­gra­fie hip hop e in­ter­mez­zi mu­si­ca­li af­fi­da­ti al­le se­le­zio­ni di Coc­co Dj. A con­se­gna­re i tro­fei, fir­ma­ti dal di­se­gna­to­re Mas­si­mi­lia­no Mi­la­ni, lo stes­so Ares Piag­gi: ai nu­me­ro­si pre­sen­ti in cam­po e in tri­bu­na, ha ri­cor­da­to l'im­por­tan­za del "fa­re squa­dra" ci­tan­do un mot­to as­sai ca­ro al pa­dre: «Ciò che ci uni­sce ci ren­de in­vin­ci­bi­li». C’è chi lo ado­ra e chi pro­prio non lo sop­por­ta. Ma il sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro non la­scia mol­te persone in­dif­fe­ren­ti. E que­sto lo si è vi­sto an­che ie­ri se­ra nel­la tra­smis­sio­ne "Fuo­ri Ro­ma" su Rai3 di Con­ci­ta De Gregorio. An­che con­tor­na­to da una lun­ga sfil­za di com­men­ti negativi, Bru­gna­ro si è con­fer­ma­to un per­so­nag­gio a li­vel­lo na­zio­na­le. È la stes­sa con­dut­tri­ce, ex di­ret­tri­ce dell’uni­tà, ad aver­lo de­fi­ni­to "il sin­da­co più ama­to d’ita­lia" do­po il col­le­ga di Lec­ce, Pao­lo Perrone. Il suo mo­do di di­re schiet­to, in­ter­ca­lan­do pa­ro­le in dia­let­to all’interno di frasi in ita­lia­no an­che nel­la sua ve­ste uf­fi­cia­le in una tra­smis­sio­ne vi­sta in tut­to il Pae­se, ha avu­to reazioni con­tra­stan­ti, ma al­la fi­ne non sem­bra es­ser­ne usci­to mal­con­cio. An­zi.

C’è il lea­der dei cen­tri so­cia­li e dei No Gran­di Na­vi, Tom­ma­so Cac­cia­ri che ri­tie­ne che un uo­mo dal­la "cam­pa­gna" non po­trà mai ca­pi­re i pro­ble­mi di Ve­ne­zia, ma lui non si scom­po­ne più di tan­to e lan­cia mes­sag­gi al­la pla­tea al­lar­ga­ta de­gli ita­lia­ni, fa­cen­do l’oc­chio­li­no al pic­co­lo scher­mo: «Non sia­mo fre­ga­ti. Lo è so­lo chi non vuo­le rea­gi­re. Dob­bia­mo da­re l’esem­pio. Ognu­no de­ve fa­re qual­co­sa per il Pae­se».

Men­tre Bru­gna­ro scio­ri­na­va i suoi slo­gan che ri­pe­te co­me un man­tra (cel­la di sicurezza per i van­da­li e per gli ubria­chi mo­le­sti, mi so­no can­di­da­to per­ché la cit­tà ri­schia­va il de­fault e il fu­tu­ro di Ve­ne­zia è Mar­ghe­ra), so­no sta­te mo­stra­te le vo­ci a con­tra­sto: av­ver­sa­ri po­li­ti­ci, cit­ta­di­ni ar­rab­bia­ti, per­so­nag­gi pub­bli­ci per­ples­si e le im­ma­gi­ni for­ti del tu­ri­smo ca­fo­ne di que­st’esta­te.

«So­no co­se che suc­ce­do­no nel­le gran­di cit­tà - ha det­to il sin­da­co ci sta che lo stu­pi­do di turno si but­ti dal pon­te di Rial­to. La co­sa che mi fa ar­rab­bia­re è che se cen­tra­va il tas­si­sta che pas­sa­va lì sot­to lo am­maz­za­va». E poi, di con­tro­pe­lo, l’inviato del Cor­rie­re Gian An­to­nio Stel­la che re­pli­ca­va: "Pro­va­te ad an­da­re in co­stu­me da ba­gno a New York e a but­tar­vi nel fiu­me, ve­dia­mo se è nor­ma­le". Tra i per­so­nag­gi in­ter­vi­sta­ti, an­che il pa­dre Fer­ruc­cio, che ha re­ci­ta­to una poe­sia sui cri­mi­ni com­mes­si dal­le in­du­strie a Por­to Mar­ghe­ra e il gran­de fo­to­gra­fo Gian­ni Be­ren­go Gar­din, au­to­re del­le fo­to più fa­mo­se sul­le gran­di na­vi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.