«Co­sì ha sti­mo­la­to il no­stro or­go­glio»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

Toc­ca a Ren­zi che all’au­di­to­rium ar­ri­va do­po aver vi­si­ta­to Ca­sa Se­re­na, una strut­tu­ra per an­zia­ni non au­to­suf­fi­cien­ti do­ve il co­ro di an­zia­ne l’ha sa­lu­ta­to con la Mar­cia trion­fa­le dell’ai­da. «Non so­lo In­du­stria 4.0 ma an­che so­cia­le, so­cia­le, so­cia­le», scri­ve­rà poi il pre­mier su Fa­ce­book. Con­cet­to ri­ba­di­to an­che all’au­di­to­rium: «Noi non an­dre­mo avan­ti con l'europa del­le re­go­le sen­za un'europa dei va­lo­ri e de­gli idea­li, su que­sto noi in Ita­lia stia­mo in­ve­sten­do mol­tis­si­mo a par­ti­re dal fon­do per la non au­to­suf­fi­cien­za. Noi non la­scia­mo in­die­tro nes­su­no». An­nun­cia il va­ro del Def e la ra­ti­fi­ca del­le mi­su­re «en­tro il 20 ot­to­bre». E su­bi­to gi­gio­neg­gia con il pub­bli­co: «Con­si­de­ra­to il con­tri­bu­to di Ve­ro­na e del Ve­ne­to al Pil, pri­ma mi sbri­go e me­glio è». Ri­cor­da com’era il Pae­se tre an­ni fa, quan­do si era in una fa­se di stal­lo e ades­so in­ve­ce «si è ri­mes­sa in mo­to una spe­ran­za»: «Non è trai­ning au­to­ge­no, è la con­sta­ta­zio­ne che ci sono del­le ener­gie». Il pun­to di par­ten­ze sono le ri­for­me, «che sono l’abc, sono co­me il Pin per sbloc­ca­re il te­le­fo­no, sono il pri­mo pas­so, non il tra­guar­do». Si re­ga­la un com­pli­men­to quan­do ri­cor­da il suc­ces­so dell’ex­po («E ogni ri­fe­ri­men­to a chi di­ce no al­le Olim­pia­di è pu­ra­men­te vo­lu­to»), ma conferma an­che il com­ple­ta­men­to di una del­le in­com­piu­te: «Il 22 di­cem­bre, co­sti quel che co­sti, ca­ri­co Del­rio in mac­chi­na, guido io, e si fa la Sa­ler­no-reg­gio Ca­la­bria», men­tre in mat­ti­na­ta a Mi­la­no ave­va ri­lan­cia­to il Pon­te sul­lo Stret­to di Mes­si­na. Am­met­te che c’è da fa­re an­che qui: «In Ve­ne­to al­cu­ne in­fra­strut­tu­re sono ri­ma­ste un at­ti­mi­no in­die­tro», pe­rò non di­ce qua­li. La chiu­su­ra è un in­ci­ta­men­to: l’ita­lia ce la può fa­re, ma c’è bi­so­gno di tut­ti. «A voi, im­pre­se dell’ec­cel­len­za, di­co: ri­schia­te. Noi met­tia­mo i sol­di su In­du­stria 4.0, a voi il com­pi­to di di­mo­stra­re che non ce n’è per nes­su­no». VE­RO­NA - Rag­gian­te. Men­tre il pre­mier Mat­teo Ren­zi strin­ge ma­ni e si con­ce­de ai sel­fie, il pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Ve­ne­to Ro­ber­to Zuc­ca­to com­men­ta sod­di­sfat­to la tap­pa re­gio­na­le go­ver­na­ti­va per pre­sen­ta­re il Pia­no na­zio­na­le In­du­stria 4.0: «È un’oc­ca­sio­ne straor­di­na­ria e Ren­zi ha sti­mo­la­to il no­stro or­go­glio».

L’au­di­to­rium veronese si sta svuo­tan­do, an­che Zuc­ca­to strin­ge ma­ni e ri­cam­bia sor­ri­si: l’intervento del mi­ni­stro Ca­len­da pri­ma e poi quel­lo del pre­si­den­te del Con­si­glio è sta­to co­me il mie­le. «Cre­do che per la pri­ma vol­ta - com­men­ta Zuc­ca­to - il Go­ver­no ab­bia mes­so in at­to un pia­no straor­di­na­rio per l’in­du­stria e quin­di per il Pae­se. E noi non pos­sia­mo non im­pe­gnar­ci».

An­che Giu­lio Pe­drol­lo, vi­ce­pre­si­den­te per la po­li­ti­ca in­du­stria­le di Con­fin­du­stria na­zio­na­le, ave­va det­to che il Pia­no In­du­stria 4.0 è una gran­de op­por­tu­ni­tà, ma che può an­che tra­mu­tar­si in una «mi­nac­cia» se non si ca­pi­sce che ri­chie­de tra­sver­sa­li­tà» e che non bi­so­gna aspet­ta­re un an­no per par­ti­re con gli in­ve­sti­men­ti.

Zuc­ca­to conferma: «Sì, bi­so­gna par­ti­re su­bi­to, già il pros­si­mo gen­na­io.

Ma qual è se­gui­re?

«È evi­den­te - di­ce il pre­si­den­te de­gli in­du­stria­li ve­ne­ti - che il fu­tu­ro è il nuo­vo ma­ni­fat­tu­rie­ro, cioè l’in­du­stria 4.0. È que­sta la via da se­gui­re se vo­glia­mo re­sta­re sui mer­ca­ti in­ter­na­zio­na­li».

E per spie­ga­re a chi non ope­ra nell’in­du­stria cos’è il "nuo­vo ma­ni­fat­tu­rie­ro", Zuc­ca­to ci­ta una pro­pria pro­du­zio­ne: le pol­tro­ne rea­liz­za­te per il tea­tro au­stria­co di Linz. Una vol­ta con­ta­va­no i vel­lu­ti e le im­bot­ti­tu­re, ades­so a fa­re la dif­fe­ren­za è il tou­ch screen su ogni schie­na­le su cui se­gui­re par­ti­tu­ra e te­sto del li­bret­to nel­la lin­gua che si pre­fe­ri­sce, sen­za con­ta­re gli spot pub­bli­ci­ta­ri "per­so­na­liz­za­ti" - vi­sto che si sa chi si sie­de su cia­scu­na pol­tro­na, se ma­schio o fem­mi­na - nel­le pau­se.

la stra­da da

Al.va.

AN­ZIA­NE Il pre­si­den­te del Con­si­glio Mat­teo Ren­zi con le ospi­ti di Ca­sa Se­re­na, che gli han­no de­di­ca­to la Mar­cia trion­fa­le dell’ai­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.