Il ri­chia­mo di Bep­pe: stop al "fuo­co ami­co"

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

RO­MA - Non è ba­sta­ta la Fe­sta di Pa­ler­mo e suo il ri­chia­mo qua­si in­cal­zan­te all'uni­tà: con un tweet in­so­li­to, mor­bi­do so­lo nel­la for­ma, Bep­pe Gril­lo si ve­de co­stret­to a ri­met­te­re le ma­ni nel 'caos' ro­ma­no al­la lu­ce dell'ad­dio di Sal­va­to­re Tu­ti­no al­la can­di­da­tu­ra all'as­ses­so­ra­to al Bi­lan­cio. Un ad­dio che piom­ba co­me un ma­ci­gno e ali­men­ta quell'om­bra del­la pa­ra­li­si che i ver­ti­ci 5 Stel­le vo­glio­no as­so­lu­ta­men­te evi­ta­re. Un ad­dio, inol­tre, al qua­le fa se­gui­to il tweet con cui Gril­lo im­po­ne il si­len­zio dei suoi par­la­men­ta­ri su Ro­ma, a co­min­cia­re da quel­li di chi, an­co­ra du­ran­te la fe­sta di Pa­ler­mo, non ave­va ri­spar­mia­to ve­le­ni sul­la ge­stio­ne del­la Giun­ta.

È agli or­to­dos­si, in­som­ma, che l'ex co­mi­co si ri­vol­ge. A chi, co­me Ro­ber­to Fi­co e Car­la Ruoc­co non ave­va le­si­na­to per­ples­si­tà e qua­si «scon­cer­to» per la pro­ba­bi­le no­mi­na di Tu­ti­no, l'uo­mo del­la 'Ca­sta' tan­to in­vi­so ai du­ri e pu­ri del Mo­vi­men­to, l'en­ne­si­ma ec­ce­zio­ne ca­pi­to­li­na al­la 'Bib­bia' pen­ta­stel­la­ta.

Ba­sti pen­sa­re a co­me Ro­ber­ta Lom­bar­di, par­lan­do con la stam­pa nel­la se­con­da gior­na­ta del­la ker­mes­se pa­ler­mi­ta­na, aves­se ri­le­va­to co­me Rag­gi e il M5S cor­res­se­ro su due «stra­de pa­ral­le­le». Pa­ro­le pas­sa­te non cer­to inos­ser­va­te ai ver­ti­ci del Mo­vi­men­to, al qua­le quell'intervista pa­re sia pro­prio non pia­ciu­ta. Da qui, il tweet pre­ven­ti­vo con cui Gril­lo pro­va ad evi­ta­re un nuo­vo ve­spa­io: nes­su­na di­chia­ra­zio­ne o intervista su Ro­ma, «gra­zie di cuo­re a tut­ti».

E il ri­chia­mo del lea­der vie­ne pre­so al­la lettera. «Ognu­no sa co­sa de­ve fa­re dei pro­pri pen­sie­ri», sono le pa­ro­le, ca­li­bra­te e un po’ fred­di­ne, al­le qua­li si li­mi­ta la ca­po­grup­po al­la Ca­me­ra Lau­ra Ca­stel­li. «Io par­lo so­lo del re­fe­ren­dum», ta­glia cor­to Alessandro Di Bat­ti­sta ri­spon­den­do a chi, in Tran­sa­tlan­ti­co, gli chie­de co­sa ne pen­si. Ma a mi­cro­fo­ni spen­ti mol­ti gril­li­ni fan­no ri­fe­ri­men­to al ri­chia­mo del «buon pa­dre di fa­mi­glia» (co­me qual­che pen­ta­stel­la­to lo de­fi­ni­sce) che ap­pa­re in tut­to il suo si­gni­fi­ca­to: ba­sta con il 'fuo­co ami­co' su Rag­gi, lei non può di­ven­ta­re co­me Piz­za­rot­ti. Il da­to re­sta quin­di quel­lo emer­so an­che a Pa­ler­mo.

La sin­da­ca di Ro­ma, og­gi, è «in­toc­ca­bi­le»: una sua espul­sio­ne avreb­be l'ef­fet­to di una sla­vi­na fa­ta­le per il Mo­vi­men­to, an­cor più che l'espul­sio­ne di qual­che big del­la Ca­me­ra. Ma, di con­tro, da par­te di Gril­lo cre­sce an­che il pres­sing per­ché la sin­da­ca ri­sol­va, una vol­ta per tut­te, una 'va­ca­tio' che ri­schia di pa­ra­liz­za­re il Co­mu­ne e di dan­neg­gia­re l'in­te­ro Mo­vi­men­to.

STOP Bep­pe Gril­lo met­te la sor­di­na al­le po­le­mi­che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.