Re­fe­ren­dum, è guer­ra nel Pd tra il pre­mier e la mi­no­ran­za

«Mat­teo è co­me Ber­lu­sco­ni, vo­tia­mo no». «La ri­can­di­da­tu­ra, do­ve­te gua­da­gnar­ve­la»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primo Piano -

La di­re­zio­ne del Pd non è sta­ta con­vo­ca­ta ma si do­vreb­be te­ne­re nel­la pri­ma de­ca­de di ot­to­bre, for­se il 7. Quan­do la cam­pa­gna elet­to­ra­le sul re­fe­ren­dum en­tre­rà nel vi­vo. Quan­do, que­sta la ‘dead line’ del Na­za­re­no, tut­to il Pd do­vrà espri­mer­si se met­ter­ci la fac­cia op­pu­re no. Una riu­nio­ne in­tan­to per sta­na­re la mi­no­ran­za, «do­vrà sce­glie­re da che par­te sta­re - spie­ga­no dal Pd - Ber­sa­ni vuo­le equi­pa­rar­si a D’ale­ma, Gril­lo e Ber­lu­sco­ni?». La mi­no­ran­za dem è sem­pre più sul­le bar­ri­ca­te. Ren­zi pri­ma del re­fe­ren­dum non vuo­le con­ce­de­re nul­la e i ber­sa­nia­ni già par­la­no di “bluff”, al­tro che dia­lo­go sull’italicum. «Ren­zi – que­sta la te­si – si com­por­ta co­me Ber­lu­sco­ni». Nel mi­ri­no il "pat­to del­la la­va­gna" in tv, le pro­mes­se del pre­mier sul pon­te di Mes­si­na. «C’è una forte ir­ri­ta­zio­ne – os­ser­va un se­na­to­re – Da par­te del pre­mier c’è una in­ver­sio­ne a U, è tor­na­to a per­so­na­liz­za­re la con­sul­ta­zio­ne, non ascol­ta più nean­che Na­po­li­ta­no e Mat­ta­rel­la, è chia­ro che di que­sto pas­so vo­tia­mo no in mo­do com­pat­to». «Al pa­ri dei Cin­que stel­le si stan­no com­por­tan­do co­me i no­stri ve­ri av­ver­sa­ri – ri­bat­to­no i ver­ti­ci del Na­za­re­no - non sono ca­pa­ci di por­ta­re la gen­te a vo­ta­re no, ma il dan­no è che pun­ta­no a far­ci per­de­re». La li­nea del Pd è che se l’esi­to del re­fe­ren­dum sa­rà po­si­ti­vo si an­drà avan­ti sen­za strap­pi, ma qua­lo­ra l’ap­pun­ta­men­to do­ves­se fal­li­re al­lo­ra ci sa­rà il ve­ro red­de ra­tio­nem. Ren­zi ri­mar­rà se­gre­ta­rio e sa­rà lui a fa­re le li­ste. «La can­di­da­tu­ra bi­so­gna gua­da­gnar­se­la», l’av­ver­ti­men­to. Co­me di­re il ri­schio è che si fac­cia piaz­za pu­li­ta. Il pre­si­den­te del Con­si­glio in­tan­to va avan­ti per la sua stra­da. At­tra­ver­so una cam­pa­gna su due bi­na­ri. Il pri­mo è l’in­ve­sti­men­to fat­to sui co­mi­ta­ti, per­chè è sta­to cal­co­la­to che il ‘por­ta a por­ta’ spo­sta per­lo­me­no il 5% de­gli aven­ti di­rit­to al vo­to. A bre­ve par­ti­ran­no cor­si per i vo­lon­ta­ri: do­vran­no evi­ta­re di av­ven­tu­rar­si nel­le com­ples­si­ta’ del­le ri­for­me, in­si­ste­re sul ta­glio dei par­la­men­ta­ri e del­le pol­tro­ne, sui te­mi spe­ci­fi­ci del pac­chet­to Bo­schi, per esem­pio sui tem­pi che si ri­du­co­no per l’ap­pro­va­zio­ne del­le leg­gi. Ma è chia­ra­men­te Ren­zi ad espor­si in pri­ma per­so­na nel­la par­ti­ta del 4 di­cem­bre. Al di là del ten­ta­ti­vo di con­cen­tra­re tut­ta l’at­ten­zio­ne sul me­ri­to del ddl, la sua con­sa­pe­vo­lez­za è che il fron­te del no si coa­liz­ze­rà con­tro di lui. «Ma – sot­to­li­nea­no dal Pd – c’e’ una lar­ga fet­ta so­prat­tut­to in FI che pun­te­rà al­la sta­bi­li­tà, non c’è spa­zio per un go­ver­no di sco­po».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.