In­ghil­ter­ra, lo scan­da­lo del ct

Sam Al­lar­dy­ce prodigo di con­si­gli con fin­ti ma­na­ger su co­me ag­gi­ra­re le re­go­le del mer­ca­to

Il Gazzetino (Venezia) - - Sport -

LONDRA - Il so­gno di una vi­ta sva­ni­to in una so­la par­ti­ta, li­cen­zia­to do­po ap­pe­na 67 gior­ni: do­po una gior­na­ta di ten­sio­ni Sam Al­lar­dy­ce ie­ri se­ra ha ri­ce­vu­to il ben­ser­vi­to dal­la fe­de­ra­zio­ne, non è più il ct dell’in­ghil­ter­ra, an­che se for­mal­men­te è un ad­dio con­sen­sua­le. Tut­ta col­pa (o me­ri­to) dell'in­chie­sta gior­na­li­sti­ca del "Dai­ly Te­le­gra­ph" che ac­cu­sa l'or­mai ex ct dei Tre Leo­ni di es­ser­si pro­po­sto a fin­ti bu­si­ness­man (in real­tà cro­ni­sti) co­me con­su­len­te per ag­gi­ra­re le re­go­le del­la ter­za pro­prie­tà. Più che un com­mis­sa­rio tec­ni­co Al­lar­dy­ce emer­ge co­me uno spre­giu­di­ca­to fac­cen­die­re, astu­to fre­quen­ta­to­re del sot­to­bo­sco cal­ci­sti­co, dall'avi­di­tà pa­ri sol­tan­to all'in­so­len­za.

Già qual­che an­no fa "Big Sam" - 61 an­ni, una car­rie­ra nel­la pro­vin­cia del nord In­ghil­ter­ra era so­prav­vis­su­to ad uno scoop gior­na­li­sti­co che lo ac­cu­sa­va di in­cas­sa­re bu­sta­rel­le dai pro­cu­ra­to­ri. Dal­la stan­ga­ta or­che­stra­ta dal "Dai­ly Te­le­gra­ph" pe­rò sem­bra im­pos­si­bi­le che pos­sa uscir­ne in­den­ne. Ad inchiodarlo, le im­ma­gi­ni sgra­na­te di una te­le­ca­me­ra na­sco­sta che lo ri­trag­go­no men­tre spie­ga a pre­sun­ti uo­mi­ni d'af­fa­ri asia­ti­ci (in real­tà cro­ni­sti) co­me ag­gi­ra­re le re­go­le che vie­ta­no al­le "ter­ze par­ti" di pos­se­de­re quote dei car­tel­li­ni dei

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.