IL BUON TU­RI­SMO DI­PEN­DE DA NOI

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - DI GUAL­TIE­RO DALL’OSTO*

Da mol­ti an­ni si par­la e si scri­ve mol­to di tu­ri­smo, lu­glio, ago­sto, Car­ne­va­le com­por­ta­no il pic­co di que­sto fe­no­me­no di mas­sa e cit­tà a mi­su­ra d’uo­mo co­me la no­stra ven­go­no let­te­ral­men­te vio­len­ta­te da quan­ti­tà di per­so­ne che per po­che ore co­mun­que pos­so­no di­re: «sia­mo sta­ti a Ve­ne­zia». Ba­sta una fo­to, un sel­fie in­se­ri­to su Fa­ce­book e il gio­co è fat­to. Ve­ni­ce­land di­ven­ta la sce­no­gra­fia di que­ste ap­pa­ri­zio­ni. Vi­si­tar­la e co­no­scer­la? Su­per­fluo! Fuo­ri da pe­rio­di e me­si cri­ti­ci con fe­rie ob­bli­ga­te e fret­to­lo­se, il tu­ri­smo an­che se in cre­sci­ta ri­di­ven­ta co­mun­que fe­no­me­no fi­sio­lo­gi­co e ge­sti­bi­le , «il piat­to do­ve tan­ti man­gia­no». Ma con qua­li con­trad­di­zio­ni? A noi re­du­ci ar­ti­gia­ni pia­ce quel­lo che ci fa viag­gia­re men­tre sia­mo fer­mi all’ope­ra crean­do il no­stro ma­de in lo­co, quel­lo at­ten­to, cu­rio­so, sen­si­bi­le e che la­scia e re­ga­la ol­tre al suo ri­co­no­sci­men­to eco­no­mi­co uno scam­bio "un viag­gio" di re­ci­pro­che espe­rien­ze. Quan­do c’era an­co­ra l’ar­ti­gia­na­to si par­la­va tan­to del tu­ri­smo di qua­li­tà, stra­da fa­cen­do per po­li­ti­ci, me­dia e or­ga­niz­za­to­ri di even­ti è di­ven­ta­to più im­por­tan­te riem­pir­si la boc­ca e le pa­gi­ne dei gior­na­li di nu­me­ri ro­boan­ti e con­tem­po­ra­nea­men­te la­sciar an­da­re, non pren­den­do­si cu­ra di go­ver­na­re l’eso­do dei re­si­den­ti e at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve con il con­se­guen­te de­gra­do del no­stro tra­scu­ra­to cen­tro sto­ri­co. Co­mun­que sia la ve­ri­tà è che tut­ti chi più chi me­no sia­mo tu­ri­sti e in un mon­do sem­pre più piccolo con i co­sti per gi­rar­lo sem­pre più ri­dot­ti la no­stra vo­glia di ve­de­re, ca­pi­re, di­ver­tir­si ci por­ta a vi­si­ta­re luo­ghi. Nei po­sti che scegliamo di ve­de­re in ba­se a quel­lo che tro­via­mo - am­bien­ti, per­so­ne, pae­sag­gi tut­to ciò che fa la sua iden­ti­tà - ri­flet­tia­mo co­me in uno spec­chio i no­stri com­por­ta­men­ti che fan­no scat­ta­re rea­zio­ni più o me­no edi­fi­can­ti a se­con­da del con­te­sto che ri­tro­via­mo. In po­chi fla­sh ca­pia­mo su­bi­to se il po­sto do­ve sia­mo ar­ri­va­ti è ge­sti­to, ama­to e cu­sto­di­to con cu­ra dall’am­mi­ni­stra­zio­ne e da chi ci vi­ve e ci abi­ta. Co­me stra­nie­ri o tu­ri­sti per­ce­pia­mo su­bi­to se quel luo­go ha dei cu­sto­di at­ten­ti e buo­ni rap­pre­sen­tan­ti al suo ser­vi­zio . La tra­scu­ra­ta e di­sa­bi­ta­ta Ve­ne­zia può ri­ce­ve­re e pre­ten­de­re que­sto ri­spet­to? Il tu­ri­smo sia­mo noi ma pu­re i luo­ghi sia­mo noi. Se non li amia­mo e ri­spet­tia­mo ren­den­do­li bel­li, ac­co­glien­ti, or­ga­niz­za­ti, cu­sto­di­ti co­sa pos­sia­mo pre­ten­de­re? Di­pen­de da noi . Il tu­ri­smo sia­mo noi, non è un’at­tra­zio­ne so­lo da ge­sti­re spal­ma­re e stu­dia­re nei con­gres­si. Con­si­de­ra­re “tut­to” il cen­tro sto­ri­co (crean­do le con­di­zio­ni che ora non ci sono ) “piz­zo e mer­let­to di bel­lez­za in sé”, ri­ge­ne­ran­do­lo di at­ti­vi­tà ar­ti­sti­che, crea­ti­ve, lo­ca­li e in­ter­na­zio­na­li co­me ter­re­mo fer­ti­le di pro­du­zio­ne, di tu­ri­smo bel­lo co­me il luo­go, con qual­che ce­sti­no dei ri­fiu­ti in più, bal­co­ni fio­ri­ti, panchine, san­gue, vi­ta, pro­fu­ma­ti pan­ni ste­si. Ma que­sta non è so­lo la mia vec­chia idea. *Pre­si­den­te As­so­cia­zio­ne Com­pa­gnia L’ar­te

dei Ma­sca­re­ri

«A cer­ti tu­ri­sti or­mai il li­bro non in­te­res­sa»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.