La li­bre­ria fran­ce­se chiu­de­rà «Un fu­tu­ro da ri­sto­ran­te»

Il fon­do è sta­to ac­qui­sta­to da un piz­za­io­lo. Il ti­to­la­re: «Ho an­co­ra 4 an­ni di af­fit­to, ma la­sce­rò pri­ma»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - Tul­lio Car­do­na

Ad­dio an­che al­la Li­brai­rie Fra­nçai­se, in Bar­ba­ria de le To­le, a Ca­stel­lo 6358. Il fon­do, ov­ve­ro i mu­ri, sono sta­ti ven­du­ti dal pro­prie­ta­rio ve­ne­zia­no ad un piz­za­io­lo che la­vo­ra in un lo­ca­le nel­la zo­na di San­ta Ma­ria For­mo­sa. Co­sì rac­con­ta il ge­sto­re Do­mi­ni­que Pin­ki, pro­fon­da­men­te ama­reg­gia­to che la sua at­ti­vi­tà, in vi­ta da 39 an­ni, deb­ba fi­ni­re per dar luo­go all'en­ne­si­mo lo­ca­le di ri­sto­ra­zio­ne.

«Non cre­do pro­prio che al nuo­vo pro­prie­ta­rio, pe­ral­tro già sa­pen­do di qua­le set­to­re si oc­cu­pa, in­te­res­si man­te­ne­re qui una li­bre­ria - di­ce Do­mi­ni­que Per con­trat­to ho an­co­ra quat­tro an­ni di af­fit­to, se non vo­glio chiu­de­re pri­ma, co­sa al­la qua­le sto se­ria­men­te pen­san­do. Tan­to non c'è fu­tu­ro».

La Li­brai­rie Fra­nçai­se è as­sai no­ta, spe­cia­liz­za­ta per il 90 per cen­to in li­bri fran­ce­si di fi­lo­so­fia e di ar­te, ol­tre a ti­to­li di let­te­ra­tu­ra e di viag­gio, ca­rat­te­riz­za­ta da un'at­mo­sfe­ra ac­co­glien­te. Do­mi­ni­que è sta­to per qua­rant'an­ni in gra­do di of­fri­re al clien­te gli stru­men­ti per una det­ta­glia­ta ri­cer­ca edi­to­ria­le, an­che col­la­bo­ran­do con le bi­blio­te­che na­zio­na­li, quel­le ci­vi­che cit­ta­di­ne e gli ate­nei ve­ne­zia­ni. Pre­sto an­che la sua at­ti­vi­tà avrà fi­ne, co­me ac­ca­du­to a mol­te li­bre­rie del­la cit­tà e a quel "ne­go­zio di vi­ci­na­to" che or­mai a Ve­ne­zia è qua­si di­ven­ta­to una chi­me­ra.

La mo­ria del­le li­bre­rie si era av­ver­ti­ta in ma­nie­ra con­si­sten­te al­cu­ni an­ni fa, con chiu­su­re ed in­vo­ca­zio­ni di aiu­to pro­ve­nien­ti da quel­le in dif­fi­col­tà, so­prat­tut­to per la lie­vi­ta­zio­ne de­gli af­fit­ti, tan­to che il sin­da­co dell'epo­ca, Gior­gio Or­so­ni, ave­va ipo­tiz­za­to di con­ce­de­re ai li­brai lo­ca­li del pub­bli­co pa­tri­mo­nio e per que­sto ave­va chie­sto l'au­si­lio an­che del­le Ipab. Non so­lo, 139 au­to­ri si ri­tro­va­ro­no al­la Mar­cia­na, ti­to­lan­do il lo­ro in­con­tro "Ve­ne­zia cit­tà di let­to­ri".

«Ve­ne­zia ri­schia di di­ven­ta­re la ca­pi­ta­le eu­ro­pea dell'anal­fa­be­ti­smo», ave­va­no am­mo­ni­to, scio­ri­nan­do la sto­ria del­le li­bre­rie lo­ca­li che ave­va­no ces­sa­to l'at­ti­vi­tà. Una se­rie di cro­ci al­le qua­li pre­sto si ag­giun­ge­rà quel­la del­la Li­brai­rie Fran­cai­se. «Il pro­ble­ma è du­pli­ce - spie­ga Gio­van­ni Pellizzato, pre­si­den­te nel Ve­ne­to dell'as­so­cia­zio­ne li­brai ita­lia­ni - da una par­te ci pe­na­liz­za­no gli ac­qui­sti on­li­ne, dall'al­tra Ve­ne­zia, con la sua cul­tu­ra, sto­ria ed ar­te sa­reb­be una cit­tà be­ne­det­ta, in­ve­ce pro­gres­si­va­men­te vie­ne vi­si­ta­ta da tu­ri­sti di bas­sa qua­li­tà, ai qua­li il li­bro ben po­co in­te­res­sa. Dal­le pro­po­ste na­te con "Ve­ne­zia cit­tà di let­to­ri", non è poi sor­to nul­la, sia a li­vel­lo na­zio­na­le che so­prat­tut­to lo­ca­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.