«Bim­bi co­stret­ti a muo­ver­si tra pro­sti­tu­te e spac­cia­to­ri»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre -

Don Pasini, pre­te dal 1999, pri­ma di ar­ri­va­re a San­ta Ma­ria di Lour­des è sta­to cap­pel­la­no al quar­tie­re Per­ti­ni e tra i re­spon­sa­bi­li del­la col­la­bo­ra­zio­ne pa­sto­ra­le di Caorle: è un uo­mo gran­de e gros­so che non le man­da a di­re quan­do si trat­ta di di­fen­de­re i suoi par­roc­chia­ni.

Co­sa sta suc­ce­den­do in via Pia­ve?

«La si­tua­zio­ne è sot­to gli oc­chi di tut­ti. La zo­na in­tor­no al­la chie­sa è in ma­no a que­sti per­so­nag­gi che spa­dro­neg­gia­no. Di­cia­mo ba­sta! Non se ne può più».

Già a lu­glio, dal­le co­lon­ne di que­sto gior­na­le, ave­va de­nun­cia­to un de­gra­do sem­pre più pe­san­te.

«Ades­so va an­che peg­gio. A po­ca di­stan­za è sta­ta oc­cu­pa­ta una ca­sa po­po­la­re che è di­ven­ta­ta ri­cet­ta­co­lo di spac­cia­to­ri e di chi non fa nul­la dal­la mat­ti­na al­la se­ra vi­ven­do di espe­dien­ti sul­le spal­le del­la bra­va gen­te».

Ep­pu­re c'è chi so­stie­ne che la vi­vi­bi­li­tà del­la zo­na stia mi­glio­ran­do.

«For­se vi­ci­no al­la sta­zio­ne fer­ro­via­ria, ma non cer­to qui. Lì ci sono i mi­li­ta­ri dell'eser­ci­to che si oc­cu­pa­no di an­ti­ter­ro­ri­smo, al­tra co­sa sono i con­trol­li an­ti­dro­ga e con­tro la pro­sti­tu­zio­ne che sta tor­nan­do in ma­nie­ra si­gni­fi­ca­ti­va».

Al mat­ti­no, le sce­ne che si pre­sen­ta­no sul sa­gra­to sono elo­quen­ti.

«È una co­stan­te. Il mio sa­cre­sta­no, con tan­ta buo­na vo­lon­tà, non man­ca mai di pu­li­re. Ma ades­so gli ho det­to di la­sciar per­de­re, chis­sà che chi di do­ve­re pri­ma o poi si ren­da con­to di co­sa dob­bia­mo sop­por­ta­re».

Ha pro­va­to a par­la­re con le au­to­ri­tà e le for­ze dell'or­di­ne?

«An­co­ra tre me­si fa ho in­via­to una lettera a chi di com­pe­ten­za ma sen­za ri­ce­ve­re al­cu­na ri­spo­sta. I po­li­ziot­ti qual­che vol­ta si ve­do­no di pas­sag­gio, ma ci han­no con­fi­da­to che con le leg­gi esi­sten­ti han­no le ma­ni le­ga­te e non pos­so­no fa­re nien­te». Co­me pen­sa di muo­ver­si? «Cre­do che mi ri­vol­ge­rò al­la Ma­gi­stra­tu­ra. Co­sì non si può più an­da­re avan­ti: ci sono enor­mi pro­ble­mi per l'igie­ne pub­bli­ca, que­sti sog­get­ti do­vreb­be­ro an­da­re a fa­re i lo­ro bi­so­gni sul­le mu­ra del Mu­ni­ci­pio». I fe­de­li che co­sa di­co­no? «Ov­via­men­te sono pre­oc­cu­pa­ti. I bam­bi­ni, ad esem­pio, non pos­so­no cer­to ve­ni­re a ca­te­chi­smo ri­schian­do di in­con­tra­re pu­sher, spac­cia­to­ri, tos­si­co­di­pen­den­ti o pro­sti­tu­te. Le mam­me sono an­che trop­po bra­ve a con­ti­nua­re a man­dar­li». (a.spe.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.