Via Pia­ve, il ri­sve­glio del de­gra­do

Ogni mat­ti­na da­van­ti al­la chie­sa di S.ma­ria di Lour­des se­gni ine­qui­vo­ca­bi­li del­le not­ti de­gli sban­da­ti

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Alvise Spe­ran­dio

Spor­ci­zia e de­gra­do do­vun­que, da pren­de­re pau­ra. Ogni mat­ti­na il ri­sve­glio di chi abi­ta a ri­dos­so del­la chie­sa di San­ta Ma­ria di Lour­des in via Pia­ve, è un du­ro con­fron­to con i se­gni ine­qui­vo­ca­bi­li di quel­lo che suc­ce­de la not­te. La zo­na è ter­ra di nes­su­no, in ma­no a sban­da­ti che usa­no il por­ti­co per bi­vac­ca­re e di spac­cia­to­ri che sen­za nes­sun ri­spet­to per il luo­go van­no lì per fa­re i lo­ro «af­fa­ri». E c'è per­si­no di peg­gio: per­ché di la­to, da­van­ti all'en­tra­ta del pa­tro­na­to, una pro­sti­tu­ta con­su­ma rap­por­ti a pa­ga­men­to di­ret­ta­men­te in stra­da su un gia­ci­glio di for­tu­na, ri­ca­va­to con de­gli strac­ci e dei car­to­ni, in­tor­no ai qua­li re­sta poi una sel­va di pro­fi­lat­ti­ci usa­ti. Un qua­dro de­so­lan­te, ri­spet­to al qua­le a nul­la è val­sa la de­nun­cia che an­co­ra all'ini­zio di lu­glio ave­va lan­cia­to il par­ro­co don Mirco Pasini, con tan­to di fo­to­gra­fie e let­te­re re­ca­pi­ta­te al­le au­to­ri­tà. A di­stan­za di qua­si tre me­si, an­zi, la si­tua­zio­ne è vi­si­bil­men­te peg­gio­ra­ta. Di buon'ora non c'è gior­no che all'en­tra­ta del­la chie­sa non si tro­vi­no qua e là bot­ti­glie di vi­no e bir­ra vuo­te, len­zuo­la e co­per­te, faz­zo­let­ti e car­ta igie­ni­ca usa­ti e ab­ban­do­na­ti do­ve ca­pi­ta. Le fio­rie­re sul sa­gra­to sono di­ven­ta­te panchine im­prov­vi­sa­te di chi non si reg­ge in pie­di e so­prat­tut­to il ri­fu­gio do­ve na­scon­de­re la dro­ga sot­ter­ra­ta in do­si tra le pian­te. Il mu­ro pe­ri­me­tra­le del­la chie­sa, a pie­tra vi­sta, è sta­to tra­sfor­ma­to in una la­tri­na do­ve chiun­que la­scia i suoi bi­so­gni fi­sio­lo­gi­ci. Ba­sta far­ci un giro per ren­der­si con­to di per­so­na del li­vel­lo di de­gra­do esi­sten­te. «I vi­gli ur­ba­ni? Non so nean­che che mac­chi­na ab­bia­no», di­ce sar­ca­sti­co il sa­cer­do­te, 48 an­ni, da quat­tro al­la gui­da di San­ta Ma­ria di Lour­des, uno che è abi­tua­to a sta­re in mez­zo al­la sua gen­te, a gi­ra­re per la be­ne­di­zio­ne del­le ca­se, in­som­ma che la real­tà di via Pia­ve la co­no­sce be­ne. «Non so più da che par­te gi­rar­mi. Pro­ve­rò a iso­la­re tut­ta la zo­na a mez­za­not­te con del na­stro bian­co e rosso sul qua­le ap­pen­de­rò dei car­tel­li con scrit­to "At­ten­zio­ne, pe­ri­co­lo di crol­lo per le ma­le­di­zio­ni del par­ro­co" e ve­dre­mo co­sa suc­ce­de­rà», pro­vo­ca don Mirco che la­men­ta la scar­si­tà di con­trol­li e si di­ce pre­oc­cu­pa­to per un'esca­la­tion che sem­bra non co­no­sce­re li­mi­ti: «Non so co­me si fac­cia ad an­da­re avan­ti con que­sta in­ci­vil­tà. I fe­de­li han­no pau­ra, ades­so an­dia­mo ver­so l'in­ver­no, le gior­na­te sa­ran­no pre­sto più cor­te e il buio, si sa, fa­ci­li­ta i mo­vi­men­ti so­spet­ti e il pro­li­fe­ra­re del­la de­lin­quen­za. L'esta­te è sta­to un pe­rio­do mol­to cri­ti­co. Ri­lan­cio a no­me del­la co­mu­ni­tà un ap­pel­lo ac­co­ra­to al­le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti per­ché ven­ga­no a ve­de­re che co­sa suc­ce­de qui tut­ti i gior­ni e si dia­no da fa­re pri­ma che sia trop­po. O for­se lo è già».

AP­PEL­LO

«Ve­ni­te a ve­de­re co­sa suc­ce­de qui»

LO "SPET­TA­CO­LO"

MAT­TU­TI­NO Co­sì si pre­sen­ta­va an­che ie­ri mat­ti­na l’area an­ti­stan­te

la chie­sa

PRE­OC­CU­PA­TO Don Mirco Pasini

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.