Il Pd dà i vo­ti a Bru­gna­ro «Pro­gram­ma fer­mo al 10%»

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestre - Me­lo­dy Fu­sa­ro

A 15 me­si dal­le ele­zio­ni il Pd co­mu­na­le ri­pro­po­ne il suo bi­lan­cio. E si ar­ma di ta­bel­le per da­re il vo­to al­la giun­ta Bru­gna­ro. Un'ana­li­si che con­tie­ne tut­te le azio­ni (in tut­to 99) con­te­nu­te nel pro­gram­ma del sin­da­co, in­se­ri­te una per una nel­le ca­te­go­rie "ese­gui­ta", "av­via­ta" e via co­sì fi­no a "non è sta­ta av­via­ta" o ad­di­rit­tu­ra "sono sta­te as­sun­te ini­zia­ti­ve con­tra­rie". «Do­po 15 me­si que­sta nuo­va giun­ta re­gi­stra un 90% di non fat­to - il con­si­glie­re Pd An­drea Fer­raz­zi - E noi ci ri­tro­via­mo con una cit­tà inon­da­ta di pa­ro­le da un sin­da­co par­ti­co­lar­men­te lo­qua­ce, che spa­ra su gen­der e bar­co­ni, e dal pi­glio pre­sen­zia­li­sta che in real­tà gli ser­ve per na­scon­de­re le sue ve­de in­ten­zio­ni: crea­re un pa­laz­zo pro­tet­to e chiu­so a chia­ve».

Le uni­che due "x" che il Pd in­se­ri­sce tra le azio­ni ese­gui­te ri­guar­da­no la can­cel­la­zio­ne del pro­get­to del par­co La­gu­na Nord e l'ope­ra­zio­ne tra­spa­ren­za sul qua­le pe­rò si pre­ci­sa che «è un ob­bli­go di leg­ge già pra­ti­ca­to». Tra le azio­ni con­tra­rie al­le pro­mes­se in­se­ri­sco­no il pia­no ur­ba­ni­sti­co per lo svi­lup­po ver­ti­ca­le del­la ter­ra­fer­ma con il re­cu­pe­ro del­le pe­ri­fe­rie («non è sta­to fir­ma­to l'ac­cor­do di pro­gram­ma per la sta­zio­ne - se­gna­la­no -, ex sca­lo mer­ci di via Tren­to e via Gaz­ze­ra Al­ta»), la cabina di re­gia uni­ca per la pro­mo­zio­ne del­le ec­cel­len­ze («la de­li­be­ra sul­la Be­vi­lac­qua la Ma­sa va in sen­so op­po­sto»), il re­cu­pe­ro de­gli spa­zi ver­di e aree at­trez­za­te per i bam­bi­ni e i pro­get­ti stra­te­gi­ci per ot­te­ne­re fon­di Eu­ro­pei, su cui fan­no pe­sa­re l'ex Um­ber­to I, i pro­get­ti per la sta­zio­ne e via Ul­loa. «Sul­le Ztl è au­men­ta­to so­lo il caos e le mul­te - ag­giun­ge Fer­raz­zi - tut­to il re­sto è al pa­lo. Dal­la sta­zio­ne, all'ae­ro­ter­mi­nal T2, con il pro­to­col­lo che se non vie­ne por­ta­to in Con­si­glio di­ven­te­rà nul­lo. Per non par­la­re del Mar­ze­ne­go, del­la ge­stio­ne dei flus­si tu­ri­sti­ci, del mo­to on­do­so».

«La pri­ma esta­te è pas­sa­ta co­me ro­dag­gio - ag­giun­ge la con­si­glie­ra Pd Mo­ni­ca Sam­bo ma que­sta era la se­con­da e non si ac­cet­ta­no più scu­se. Il pro­ble­ma più gra­ve è che gli as­ses­so­ri non esi­sto­no: do­ve sono le lo­ro pro­po­ste per il com­mer­cio, per af­fron­ta­re i flus­si tu­ri­sti­ci, per ri­po­po­la­re Ve­ne­zia?» Se­con­do il se­gre­ta­rio co­mu­na­le del Pd Ma­ria Te­re­sa Me­not­to man­ca un di­se­gno per la cit­tà: «An­che il te­ma del la­vo­ro, pun­to di for­za in cam­pa­gna elet­to­ra­le, è spa­ri­to dai pro­get­ti». Nel­la com­pa­ra­zio­ne pro­po­sta dal Pd do­mi­na il pun­to C, os­sia le azio­ni "non av­via­te o av­via­te da pas­sa­te am­mi­ni­stra­zio­ni". «Ciò che è sta­to fat­to è ere­di­tà del­le precedenti am­mi­ni­stra­zio­ni. Pen­so al­la ri­ge­ne­ra­zio­ne ur­ba­na di Me­stre. Con i la­vo­ri ul­ti­ma­ti ciò che do­vreb­be fa­re que­sta giun­ta è ri­por­ta­re la gen­te in cit­tà. In­ve­ce i com­mer­cian­ti sono di­spe­ra­ti. Ser­vo­no ini­zia­ti­ve po­li­ti­che rea­li, non pro­gram­mi ri­di­co­li co­me Le cit­tà in fe­sta, sol­di but­ta­ti al ven­to».

BI­LAN­CIO Da si­ni­stra il se­gre­ta­rio co­mu­na­le Me­not­to e i con­si­glie­ri Fer­raz­zi e

Pel­li­ca­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.