Cre­sta su­gli af­fit­ti da 340mi­la eu­ro

Una par­te dei ver­sa­men­ti e del­le ca­par­re fi­ni­va nel lo­ro con­to cor­ren­te e non in quel­lo dell’agen­zia

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro - Raffaele Ro­sa

CON­COR­DIA - Ap­pro­pria­zio­ne in­de­bi­ta in con­cor­so con l'ag­gra­van­te di aver com­mes­so il fat­to con l'abu­so di pre­sta­zio­ne d'ope­ra. Que­sto il rea­to di cui do­vran­no ri­spon­de­re da­van­ti al tri­bu­na­le di Trie­ste Ire­ne Pa­pais, una 37en­ne di Con­cor­dia Sa­git­ta­ria e il suo fi­dan­za­to Da­nie­le Za­dro, 32en­ne di Fossalta di Por­to­grua­ro do­po es­ser sta­ti rin­via­ti a giu­di­zio dal gup di Trie­ste. La gio­va­ne, im­pie­ga­ta di un'agen­zia im­mo­bi­lia­re spe­cia­liz­za­ta ne­gli af­fit­ti di ap­par­ta­men­ti per le va­can­ze nel­le lo­ca­li­tà del li­to­ra­le ve­ne­zia­no, ave­va ar­chi­tet­ta­to un si­ste­ma truf­fal­di­no con la com­pli­ci­tà del fi­dan­za­to per fa­re la «cre­sta» sul­le som­me che ve­ni­va­no ver­sa­te per gli af­fit­ti de­gli ap­par­ta­men­ti ma an­che sul­le ca­par­re. Il tut­to gra­zie a del­le mo­di­fi­che che lei stes­sa ef­fet­tua­va sul soft­ware de­di­ca­to al­la re­gi­stra­zio­ne dei con­trat­ti di lo­ca­zio­ne. Un rag­gi­ro che il Nu­cleo di Po­li­zia Tri­bu­ta­ria del­la Guar­dia di Finanza di Ve­ne­zia che ha con­dot­to le in­da­gi­ni, ha cal­co­la­to am­mon­ta­re in 340mi­la eu­ro cir­ca. Co­me fun­zio­na­va la truf­fa. La 37en­ne ve­ne­zia­na ot­te­ne­va dai clien­ti la con­se­gna del­le som­me di de­na­ro a va­rio ti­to­lo do­vu­te per i ser­vi­zi re­si all'agen­zia di af­fit­tan­za (ca­par­ra, lo­ca­zio­ne, po­sti bar­ca, po­sti au­to, om­brel­lo­ne) chie­den­do il pa­ga­men­to in con­tan­ti o in as­se­gno in bian­co. Poi, pe­rò, omet­te­va di re­gi­stra­re i con­trat­ti e re­di­ge­va le fat­tu­re op­pu­re can­cel­la­va o mo­di­fi­ca­va le re­gi­stra­zio­ni dei clien­ti ef­fet­tua­te sul pro­gram­ma di ge­stio­ne uti­liz­za­to dall'agen­zia in mo­do da non far ri­sul­ta­re ver­sa­ta la ca­par­ra o la lo­ca­zio­ne di un im­mo­bi­le o non fa­re ri­sul­ta­re lo­ca­to un im­mo­bi­le o far­lo ri­sul­ta­re af­fit­ta­to per un pe­rio­do in­fe­rio­re a quel­lo ef­fet­ti­vo. Tut­to que­sto per in­ta­sca­re le som­me con­se­gna­te dai clien­ti e ver­sar­le su un suo con­to cor­ren­te aper­to as­sie­me al fi­dan­za­to. Per quan­to ri­guar­da­va gli as­se­gni in bian­co che fir­ma­va­no i clien­ti li in­te­sta­va a suo no­me e li in­cas­sa­va a suo fa­vo­re sem­pre sul­lo stes­so con­to cor­ren­te.

Il si­ste­ma, pe­rò, un gior­no è crol­la­to per­ché c'è sta­ta una vi­si­ta inat­te­sa da par­te dei pro­prie­ta­ri di un ap­par­ta­men­to di Caorle che apren­do la ca­sa di lo­ro pro­prie­tà che in quel pe­rio­do ri­sul­ta­va sfit­ta han­no, in­ve­ce, tro­va­to all'in­ter­no de­gli in­qui­li­ni di cui non ri­sul­ta­va la pre­sen­za. Le scu­se del­la 37en­ne non sono sta­te cre­di­bi­li e suf­fi­cien­ti e le in­da­gi­ni del­la Guar­dia di Finanza han­no fat­to il re­sto ri­co­struen­do l'in­te­ra truf­fa che ha por­ta­to al­la de­nun­cia e quin­di al rin­vio a giu­di­zio del­la don­na di Con­cor­dia e del suo fi­dan­za­to. A coor­di­na­re l'in­da­gi­ne è sta­ta la pro­cu­ra di Por­de­no­ne in un pri­mo mo­men­to e quin­di suc­ces­si­va­men­te quel­la di Trie­ste, a cui com­pe­to­no i rea­ti di na­tu­ra te­le­ma­ti­ca.

A GIU­DI­ZIO

Cop­pia ac­cu­sa­ta di ap­pro­pria­zio­ne

in­de­bi­ta in con­cor­so con l'ag­gra­van­te di

aver com­mes­so il fat­to con l'abu­so di pre­sta­zio­ne

d'ope­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.