Ri­sto­ra­to­re am­maz­za­to a let­to le ma­ni le­ga­te die­tro la schie­na

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità - Mas­si­mo Ros­si­gna­ti

Le brac­cia bloc­ca­te die­tro la schie­na con due fa­scet­te di pla­sti­ca da elet­tri­ci­sta stret­te ai pol­si. Ste­so su­pi­no sul let­to con un'evi­den­te ema­to­ma al na­so, pro­ba­bil­men­te pro­vo­ca­to da un pu­gno. Lo han­no tro­va­to co­sì Lu­cia­no Ca­stel­la­ni, il ri­sto­ra­to­re 72en­ne del­la “Trat­to­ria Agnel­la” am­maz­za­to ie­ri not­te nel­la sua ca­sa a Val­ga­ta­ra di Ma­ra­no di Val­po­li­cel­la for­se per una ra­pi­na fi­ni­ta ma­le, an­che se gli in­ve­sti­ga­to­ri stan­no bat­ten­do tut­te le pi­ste: com­pre­sa quel­la del­la ven­det­ta. Po­chi me­si fa, in­fat­ti, l'uo­mo ave­va sco­per­to in ca­sa un la­drun­co­lo e l'ave­va af­fron­ta­to, fa­cen­do­lo scap­pa­re.

L'al­lar­me, ie­ri not­te in­tor­no all'una, l'ha da­to ai ca­ra­bi­nie­ri del Nu­cleo ope­ra­ti­vo di Ve­ro­na il vi­ci­no di ca­sa del­la vit­ti­ma, che abi­ta nell'ap­par­ta­men­to a fian­co, af­fit­ta­to­gli pro­prio da Ca­stel­la­ni. Ha sen­ti­to un ton­fo e, pen­san­do ma­ga­ri che l'an­zia­no fos­se ca­du­to da so­lo, l'ha chia­ma­to e non ri­ce­ven­do ri­spo­sta, ha te­le­fo­na­to ai ca­ra­bi­nie­ri, che po­chi mi­nu­ti do­po era­no sul po­sto as­sie­me agli uo­mi­ni del 118 di Ve­ro­na. Gli ope­ra­to­ri sa­ni­ta­ri han­no cer­ca­to di ria­ni­ma­re il ri­sto­ra­to­re che pe­rò era esa­mi­ne. Già ie­ri, il ma­gi­stra­to che si oc­cu­pa del ca­so, il so­sti­tu­to pro­cu­ra­to­re Eli­sa­bet­ta La­ba­te, ha di­spo­sto l'au­top­sia sul ca­da­ve­re con la spe­ran­za che l'esa­me fac­cia chia­rez­za sul­le cau­se del­la morte: ad una pri­ma ana­li­si vi­si­va, in­fat­ti, si ri­scon­tra so­lo quell'ema­to­ma all'al­tez­za del na­so. Po­treb­be an­che es­se­re che Ca­stel­la­ni, col­pi­to dal pu­gno e im­mo­bi­liz­za­to in quel mo­do, sia poi mor­to a cau­sa di un in­far­to.

Il re­sto del­le in­da­gi­ni è tut­to con­cen­tra­to, in­ve­ce, sul­la ri­co­stru­zio­ne di quel­le pri­me ore del­la not­te, par­ten­do pe­rò dal­la se­ra­ta che ave­va vi­sto il ri­sto­ra­to­re te­ne­re aper­to il lo­ca­le al­me­no fi­no al­le 23.30, con gli av­ven­to­ri che si era­no fer­ma­ti a ve­de­re in tv la par­ti­ta di Cham­pions del­la Ju­ven­tus. Poi, fi­ni­ta la ga­ra e be­vu­ti gli ul­ti­mi bic­chie­ri, la com­pa­gnia avreb­be la­scia­to so­lo Ca­stel­la­ni che, ras­set­ta­to il lo­ca­le, sa­reb­be sa­li­to nel­la sua abi­ta­zio­ne che è so­pra il ri­sto­ran­te.

E lì, se­con­do quan­to ri­co­strui­to dai ca­ra­bi­nie­ri gui­da­ti dal mag­gio­re Raffaele Federico, ad at­ten­der­lo do­ve­va già es­ser­ci qual­cu­no. Pro­ba­bil­men­te al­me­no due per­so­ne, ma­ga­ri in­tru­fo­la­ti­si nell'abi­ta­zio­ne pro­prio du­ran­te la par­ti­ta. In­fat­ti, i ca­ra­bi­nie­ri ie­ri han­no cer­ca­to di sen­ti­re tut­te le per­so­ne che l'al­tra se­ra era­no in trat­to­ria. A far­lo pen­sa­re, è an­che il fat­to che gli uo­mi­ni dell'ar­ma han­no tro­va­to tut­te le fi­ne­stre e le por­te chiu­se quan­do sono ar­ri­va­ti per soc­cor­re­re Ca­stel­la­ni. E non c'era­no se­gni di ef­fra­zio­ne al­le im­po­ste. Una co­sa an­che con­ti­nua a non tor­na­re agli in­qui­ren­ti: al­la fi­ne dal­la ca­sa non sa­reb­be spa­ri­to nul­la. Nem­me­no i sol­di, cir­ca 3 mi­la eu­ro, che l'uo­mo te­ne­va sem­pre nell'abi­ta­zio­ne

Il ri­sto­ra­to­re, che in pae­se era co­no­sciu­to da tut­ti per la sua sto­ri­ca at­ti­vi­tà, pri­ma bar e ge­ne­ri ali­men­ta­ri, poi trat­to­ria-bar, vi­ve­va da so­lo. Un fra­tel­lo, an­che lui non spo­sa­to, era scom­par­so al­cu­ni an­ni fa. L'al­tro, spo­sa­to, abi­ta di fron­te al­la trat­to­ria ma da an­ni si oc­cu­pa di al­tro. L'uo­mo, un po' bur­be­ro era co­mun­que un per­so­nag­gio co­me la sua trat­to­ria, do­ve fa­ce­va­no bel­la vi­sta sui bal­co­ni le bot­ti­glie con l'ef­fi­ge del Du­ce, ma an­che quel­le con il Che.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.