I giu­di­ci: «Ya­ra uc­ci­sa con vio­len­za inau­di­ta»

Ri­fiu­tò le avan­ce di Bos­set­ti. «Un mal­va­gio»

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

BER­GA­MO - È «la pre­sen­za del pro­fi­lo ge­ne­ti­co» di Mas­si­mo Bos­set­ti e «la sua col­lo­ca­zio­ne a pro­va­re che egli è l'au­to­re dell'omi­ci­dio». Que­sto è un da­to «pri­vo di qual­sia­si am­bi­gui­tà e in­su­scet­ti­bi­le di let­tu­ra al­ter­na­ti­va, né è smen­ti­to, né po­sto in dub­bio da ac­qui­si­zio­ni pro­ba­to­rie di se­gno op­po­sto e, an­zi, è di­ret­ta­men­te con­fer­ma­to da ele­men­ti ul­te­rio­ri, di va­lo­re me­ra­men­te in­di­zian­te, com­pa­ti­bi­li con ta­le da­to e tra di lo­ro». È que­sta l'ar­chi­tra­ve del­le mo­ti­va­zio­ni del­la sentenza che il pri­mo lu­glio scor­so ha con­dan­na­to Bos­set­ti, car­pen­tie­re e mu­ra­to­re di 45 an­ni, spo­sa­to e pa­dre di tre fi­gli an­co­ra mi­no­ren­ni, per l'omi­ci­dio di Ya­ra Gam­bi­ra­sio, scom­par­sa di ca­sa il 26 no­vem­bre del 2010 da Brem­ba­te di So­pra e tro­va­ta uc­ci­sa in un cam­po di Chi­gno­lo d'iso­la, a qual­che chi­lo­me­tro di di­stan­za do­po tre me­si in cui l'in­te­ro Pae­se era piom­ba­to nell'an­go­scia.

In 158 pa­gi­ne il pre­si­den­te del­la Cor­te d'as­si­se di Ber­ga­mo, An­to­nel­la Ber­to­ja, e il giudice a la­te­re Ilaria Sa­ne­si, de­fi­ni­sco­no il de­lit­to del­la gin­na­sta ado­le­scen­te un «omi­ci­dio di inau­di­ta gra­vi­tà», «ma­tu­ra­to in un con­te­sto di avan­ces a sfon­do ses­sua­le, ve­ro­si­mil­men­te re­spin­te dal­la ra­gaz­za, in gra­do di sca­te­na­re nell'im­pu­ta­to una rea­zio­ne di vio­len­za e sa­di­smo di cui non ave­va mai da­to pro­va ad al­lo­ra». Spie­ga­no che l'ag­gra­van­te del­le se­vi­zie e cru­del­tà «di­sve­la l'ani­mo mal­va­gio» dell'im­pu­ta­to.

«Le se­vi­zie in ter­mi­ni og­get­ti­vi e pre­va­len­te­men­te fi­si­ci scri­vo­no - la cru­del­tà in ter­mi­ni sog­get­ti­vi e mo­ra­li di ap­pa­ga­men­to dell'istin­to di ar­re­ca­re do­lo­re e di as­sen­za di sen­ti­men­ti di com­pas­sio­ne e pie­tà».

Il Dna di Igno­to 1, fi­glio il­le­git­ti­mo dell'au­ti­sta di au­to­bus Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni, mor­to nel '99, che poi sa­rà iden­ti­fi­ca­to con Bos­set­ti è «as­so­lu­ta­men­te af­fi­da­bi­le», co­sì com'è «ca­rat­te­riz­za­to per un ele­va­to nu­me­ro di mar­ca­to­ri Str e ve­ri­fi­ca­to me­dian­te una plu­ra­li­tà di ana­li­si ese­gui­te nel ri­spet­to dei pa­ra­me­tri ela­bo­ra­ti dal­la co­mu­ni­tà scien­ti­fi­ca internazionale».

È una sentenza «to­tal­men­te ap­piat­ti­ta sul­le te­si dell'ac­cu­sa», rea­gi­sce uno dei le­ga­li del mu­ra­to­re, Clau­dio Sal­va­gni, che a pro­po­si­to del mo­ven­te di na­tu­ra ses­sua­le ipo­tiz­za­to dai giu­di­ci par­la di «film non sup­por­ta­to da ele­men­ti pro­ba­to­ri».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.