Ve­ne­to, bloc­ca­te 200 nuo­ve far­ma­cie

I vin­ci­to­ri: ver­go­gna uni­ca in Ita­lia, la no­stra vi­ta è pa­ra­liz­za­ta La re­pli­ca dell’as­ses­so­re: stia­mo la­vo­ran­do, a bre­ve il via li­be­ra

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - Raffaele Ro­sa

La sto­ria è co­me quel­la di «sior in­ten­to» e du­ra dal 2012 quan­do la Re­gio­ne Ve­ne­to ban­dì un con­cor­so straor­di­na­rio per l'aper­tu­ra di più di 200 nuo­ve far­ma­cie di­stri­bui­te su tut­to il ter­ri­to­rio. Nel 2015, va­lu­ta­ti i can­di­da­ti ed esa­mi­na­te le do­man­de, è sta­ta pub­bli­ca­ta la gra­dua­to­ria e in­di­vi­dua­ti i vin­ci­to­ri del con­cor­so. Ad og­gi, l’as­se­gna­zio­ne di cia­scu­na far­ma­cia me­dian­te in­ter­pel­lo, cioè in ba­se al­la di­spo­ni­bi­li­tà, non è sta­ta an­co­ra ef­fet­tua­ta. Ma, for­se, l'at­te­sa sta per fi­ni­re per­ché Luca Co­let­to, as­ses­so­re re­gio­na­le al­la sa­ni­tà, pur sin­te­ti­ca­men­te ha da­to una spe­ran­za. «Ci stia­mo la­vo­ran­do. A bre­ve fa­re­mo le as­se­gna­zio­ni» la sua pro­mes­sa.

Ma l’at­te­sa è sner­van­te per i mol­ti pro­fes­sio­ni­sti in­te­res­sa­ti. Si è sca­te­na­to un as­sal­to agli uf­fi­ci re­gio­na­li e non so­lo al­la ri­cer­ca di in­for­ma­zio­ni, di da­te, di cer­tez­ze. Se­con­do quan­to ri­fe­ri­sco­no gli stes­si can­di­da­ti e vin­ci­to­ri del ban­do, in al­tre re­gio­ni (co­me Val­le d'ao­sta, Pie­mon­te, Li­gu­ria, Emi­lia Ro­ma­gna, To­sca­na, Pu­glia e Mo­li­se) le far­ma­cie sono già aper­te, in La­zio e Lom­bar­dia l'in­ter­pel­lo è sta­to già fat­to e ora an­che il Friu­li Ve­ne­zia giu­lia a ini­zio ot­to­bre pro­ce­de­rà. «In tut­te le re­gio­ni ci sono ri­cor­si pen­den­ti al Tar o al Con­si­glio di Sta­to ma è pre­val­so l'in­te­res­se del be­ne co­mu­ne e si è pre­fe­ri­to apri­re le far­ma­cie lo stes­so. In Ve­ne­to an­co­ra no: non ab­bia­mo una da­ta. No­no­stan­te non ci sia­no so­spen­si­ve che im­pe­di­sca­no di an­da­re avan­ti è tut­to fer­mo. Sono pas­sa­ti qua­si due an­ni e an­co­ra non sap­pia­mo nien­te. La no­stra vi­ta è so­spe­sa».

«Sono qua­si due an­ni che po­sti­ci­pia­mo qual­sia­si de­ci­sio­ne in at­te­sa dell'in­ter­pel­lo spie­ga Ric­car­da Del­fi­no -. L'at­te­sa non ri­guar­da so­lo me e la mia fa­mi­glia, ma coin­vol­ge una mi­ria­de di al­tre per­so­ne. Non sia­mo so­lo noi: c'è un in­dot­to eco­no­mi­co fer­mo in at­te­sa, ci sono pro­prie­ta­ri di ne­go­zi nei pae­si pic­co­li che stan­no ri­nun­cian­do a con­trat­ti di af­fit­to in at­te­sa del­la far­ma­cia. Ci sono in­te­re fra­zio­ni di pae­se che at­ten­do­no fi­nal­men­te e con or­go­glio di ave­re una lo­ro far­ma­cia, ci sono col­le­ghi che si sono o sono sta­ti li­cen­zia­ti in at­te­sa dell'in­ter­pel­lo, al­tri che re­si­sto­no su­ben­do di tut­to»

«Sono una far­ma­ci­sta che do­po 35 an­ni di la­vo­ro co­me di­pen­den­te di far­ma­cia pri­va­ta fi­nal­men­te ,es­sen­do en­tra­ta in gra­dua­to­ria ai pri­mi po­sti del con­cor­so straor­di­na­rio per se­di far­ma­ceu­ti­che, sono da qua­si un an­no e mez­zo in at­te­sa di as­se­gna­zio­ne - è la sto­ria di Gian­pao­la Pa­scon -As­se­gna­zio­ne che da par­te del­la Re­gio­ne an­co­ra non è ar­ri­va­ta per­ché a mon­te in­te­res­si del­le so­li­te lob­by ven­go­no an­co­ra di­fe­si dal­la clas­se po­li­ti­ca. Vo­glia­mo so­lo giu­sti­zia os­sia quel­lo che ci spet­ta. Ba­sta pre­se in giro ad­du­cen­do da me­si scu­se che non reg­go­no».

AS­SES­SO­RE Luca Co­let­to chia­ma­to in cau­sa da­gli aspi­ran­ti

ti­to­la­ri di nuo­ve far­ma­cie

CON­COR­SO In Ve­ne­to at­te­se in­fi­ni­te per po­ter apri­re le nuo­ve far­ma­cie

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.