Tail­leur-mu­tan­da e gon­fio­ri sul­le brac­cia il nuo­vo "bel­lo" de­gli sti­li­sti più ge­nia­li

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

Che il ter­mi­ne ele­gan­za pos­sa ri­sul­ta­re ob­so­le­to è un pen­sie­ro so­spe­so: ob­so­le­ti, è ve­ro, sono i co­di­ci che fi­no a ie­ri ri­te­ne­va­mo col­le­ga­ti al ter­mi­ne che na­sce lon­ta­no per rac­con­ta­re l'ar­mo­nia, qual­co­sa che con­sen­te un re­lax vi­si­vo, un look (se re­stia­mo nel ter­ri­to­rio del­la mo­da) che ri­spet­ti il mo­do più cor­ri­spon­den­te all'este­ti­ca che ci sug­ge­ri­sce il gra­di­men­to per un cer­to ti­po di in­for­ma­zio­ne vi­si­va o il pol­li­ce ver­so per qual­co­sa che pos­sa crea­re ir­ri­ta­zio­ne.

La mo­da di ie­ri, quin­di l'ele­gan­za di ie­ri, non ha nul­la da spar­ti­re con quel­la di og­gi che co­mun­que esi­ste, di­ver­sa, ma c'è. Di­ver­si sono i co­di­ci di let­tu­ra del bel­lo e del brut­to che si di­reb­be­ro in­ver­ti­ti vi­sto che il “brut­to” è di­ven­ta­to bel­lo e vi­ce­ver­sa. Co­sì co­me il “vol­ga­re sta cer­can­do di di­ven­ta­re “so­fi­sti­ca­to”! Quan­do Miuc­cia Pra­da, pre­sen­tan­do l'ul­ti­ma pia­ce­vo­lis­si­ma col­le­zio­ne, ha de­cre­ta­to “vec­chia” la pa­ro­la ele­gan­za vo­le­va ri­fe­rir­si a que­sto, vi­sto che l' ele­gan­za - cam­bian­do ov­via­men­te i fat­to­ri – esi­ste­rà sem­pre. Lo ve­dia­mo in que­sti gior­ni con le pro­po­ste che pre­sen­ta­no in pas­se­rel­la so­lu­zio­ni sti­li­sti­che che un tem­po avreb­be­ro fat­to inor­ri­di­re ma che og­gi ci ap­pa­io­no non so­lo ac­cet­ta­bi­li ma spes­so di nuo­va bel­lez­za.

E' un mo­do, dif­fi­ci­le ma pos­si­bi­le, quel­lo che ser­ve og­gi per ag­gior­na­re “gli oc­chi, il gu­sto, il look”, per cer­ca­re di ca­pi­re i per­chè di al­cu­ni cam­bia­men­ti dei co­di­ci di “ele­gan­za” che de­vo­no far­ci ac­cet­ta­re co­me por­ta­bi­lis­si­mo, an­zi bel­lo, il tail­leur-mu­tan­da, an­zi pe­ri­zo­ma, di An­to­nio Mar­ras, lo sti­li­sta col­to che ha sca­va­to nel­la cul­tu­ra afri­ca­na più pro­fon­da cer­can­do le ra­di­ci per una “in­te­gra­zio­ne an­che este­ti­ca” al­la qua­le cre­de. I suoi ca­pi pren­do­no spunto dai co­stu­mi del Ma­li oc­ci­den­ta­liz­za­ti al pun­to di di­ven­ta­re pron­ti per il guar­da­ro­ba di una si­gno­ra “ben ve­sti­ta” di Parigi, di Mi­la­no o di New­york. Qual­che ef­fet­to? Il ma­cro­check “per­chè il qua­dra­to è se­gno di dua­li­smo”: gior­no e not­te, lu­ce e buio, istin­to e ra­gio­ne; jac­quard, li­ni lac­ca­ti, li­ni mal­tin­ti.

Vi­chy di co­to­ne e fil cou­pè sfran­gia­to. Bel­la e pos­si­bi­le co­me re­ci­ta una can­zo­ne di Gian­na Nan­ni­ni - la nuo­va mo­da fir­ma­ta Pra­da, im­ma­gi­na­ta con il co­rag­gio del­la ve­ri­tà: “sem­pli­ce con qual­che com­ples­si­tà”, co­me ha te­nu­to a pre­ci­sa­re la sti­li­sta.

Gio­co dif­fi­ci­le per­fet­ta­men­te riu­sci­to a uno sti­li­sta di raz­za co­me Er­man­no Scer­vi­no, la cui col­le­zio­ne fon­de il bel­lo di ie­ri crean­do un look di su­per­ba at­tua­li­tà. Abi­ti dai vo­lu­mi gon­fi sul­le brac­cia, sui pol­si, nel fon­do. “Ro­sa ba­by” per il ve­sti­to ca­sta­men­te se­xy, tuf­fi scan­zo­na­ti nell'im­pe­ro asbur­gi­co con de­co­ri co­me gli ala­ma­ri (in piz­zo o an­che in pel­lic­cia bian­co su bian­co) nel­le giub­be che ri­cor­da­no la di­vi­sa de­gli uf­fi­cia­li us­sa­ri, so­pra mi­nia­bi­ti o gon­ne al gi­noc­chio. Il se­gre­to? Sa­per in­ver­ti­re, sov­ver­ti­re, so­vrap­por­re, can­cel­la­re. Il ta­len­to.

Lun­go tour in Si­li­con Val­ley per il

pre­si­den­te dell'os­ser­va­to­rio per­ma­nen­te giovani - edi­to­ri An­drea Cec­che­ri­ni, che ha in­con­tra­to una

se­rie di lea­der dei co­los­si mul­ti­na­zio­na­li dell'hi-tech e del mon­do di­gi­ta­le, tra cui il ceo di Ap­ple Tim Cook (nel­la fo­to). Sul tap­pe­to lo stu­dio del­le espe­rien­ze di mag­gio­re

avan­guar­dia pro­dot­te dal gior­na­li­smo sul­le piat­ta­for­me di­gi­ta­li.

Espe­rien­ze che po­tran­no es­se­re fon­te di ispi­ra­zio­ne per l'evo­lu­zio­ne

dei pro­get­ti stra­te­gi­ci dell'or­ga­niz­za­zio­ne, im­pe­gna­ta nel­la

ri­cer­ca di un "for­mat" che pos­sa svi­lup­pa­re lo spi­ri­to cri­ti­co dei più giovani, al­le­nan­do­li a di­stin­gue­re le

fon­ti dell'in­for­ma­zio­ne di qua­li­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.