IL CA­SO

La de­ci­sio­ne uf­fi­cia­liz­za­ta nel­le pros­si­me ore

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest - Al­da Van­zan

Pri­ma gli han­no det­to: Si­mo­ne, è me­glio che tu pa­ghi la mul­ta e chiu­di que­sta vi­cen­da sen­za tan­te al­tre pa­ro­le. E Si­mo­ne, che fi­no al gior­no pri­ma ave­va di­fe­so la scel­ta di fa­re ri­cor­so con­tro la san­zio­ne pre­sa sul­la Ro­mea per ec­ces­so di ve­lo­ci­tà, man­dan­do pu­re due ri­chie­ste su car­ta in­te­sta­ta del grup­po con­si­lia­re ai sin­da­ci per far­si an­nul­la­re il ver­ba­le e ac­ce­de­re agli at­ti, ha an­nun­cia­to: ho pa­ga­to la mul­ta. Poi gli han­no det­to: sa­reb­be me­glio che tu fa­ces­si un pas­so in­die­tro. E Si­mo­ne si è di­mes­so.

Da ie­ri il tre­vi­gia­no Sca­ra­bel non è più ca­po­grup­po del Mo­vi­men­to 5 Stel­le in con­si­glio re­gio­na­le del Ve­ne­to. Re­sta con­si­glie­re, ma non svol­ge più l’in­ca­ri­co di pre­si­den­te del grup­po con­si­lia­re che pe­ral­tro ave­va avu­to all’ini­zio dell’esta­te, per­ché tra i pen­ta­stel­la­ti vi­ge la re­go­la del­la ro­ta­zio­ne: un an­no me, un an­no te. Ave­va co­min­cia­to l’ex can­di­da­to go­ver­na­to­re Ja­co­po Ber­ti. Poi il ruo­lo era pas­sa­to a Sca­ra­bel. Ie­ri la ca­ri­ca di pre­si­den­te è ri­tor­na­ta a Ber­ti, an­che se la de­ci­sio­ne pre­sa dal grup­po non è sta­ta an­co­ra uf­fi­cia­liz­za­ta dai ver­ti­ci mi­la­ne­si del M5s, il co­sid­det­to "staff".

Si chiu­de co­sì, per ora, una vi­cen­da che ri­sa­le a giu­gno ma che è sta­ta re­sa no­ta so­lo po­chi gior­ni fa. Mar­te­dì Il Gaz­zet­ti­no scri­ve che Sca­ra­bel ha pre­so un mul­ta sul­la Ro­mea, nel trat­to pa­do­va­no tra Co­de­vi­go e Ro­sa­ra: il li­mi­te è di 90, Sca­ra­bel cor­re­va a 113. Il gril­li­no, an­zi­ché pa­ga­re la mul­ta co­me fa­reb­be qual­sia­si nor­ma­le cit­ta­di­no, la con­te­sta. Ma da "po­li­ti­co". Man­da una lettera al sin­da­co di Co­de­vi­go su car­ta in­te­sta­ta del

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.