M5S, bu­fe­ra sul­la mul­ta Sca­ra­bel dà le di­mis­sio­ni

Tra­vol­to dal­le po­le­mi­che ha la­scia­to l’in­ca­ri­co di ca­po­grup­po in con­si­glio re­gio­na­le Il mo­vi­men­to ave­va sol­le­ci­ta­to il "pas­so in­die­tro" do­po il pa­ga­men­to del­la san­zio­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Nordest -

Il ruo­lo af­fi­da­to nuo­va­men­te a Ja­co­po Ber­ti Man­ca so­lo il sì del­lo "staff"

grup­po con­si­lia­re del M5s in Re­gio­ne Ve­ne­to chie­den­do l’an­nul­la­men­to del ver­ba­le in ba­se al­la leg­ge 241/90. Poi, sem­pre su car­ta in­te­sta­ta, man­da una lettera di 5 pa­gi­ne, ar­ti­co­la­ta in 34 pun­ti, ai Co­mu­ni di Co­de­vi­go e Ar­zer­gran­de (che svol­go­no in con­ven­zio­ne il ser­vi­zio di po­li­zia lo­ca­le) chie­den­do una va­lan­ga di da­ti e do­cu­men­ti, ro­ba da met­te­re all’ope­ra i due mu­ni­ci­pi per gior­ni e gior­ni. La te­si che Sca­ra­bel vuo­le di­mo­stra­re, co­me spie­ga su Fa­ce­book, è che gli au­to­ve­lox sono una truf­fa e un mo­do per i Co­mu­ni di fa­re cas­sa. In più, con un av­vo­ca­to, fa ri­cor­so al giudice di pa­ce con­te­stan­do la mul­ta. Su Fa­ce­book, pe­rò, omet­te di par­la­re del­le let­te­re su car­ta in­te­sta­ta man­da­te ai sin­da­ci. E sic­co­me già cir­co­la­va­no vo­ci sul­la vi­cen­da, scri­ve che è tut­to «fan­go».

L’in­do­ma­ni, Il Gaz­zet­ti­no pub­bli­ca la lettera su car­ta in­te­sta­ta per l’ac­ces­so agli at­ti man­da­ta ai Co­mu­ni. Il sin­da­co di Co­de­vi­go conferma di aver ri­ce­vu­to la ri­chie­sta di an­nul­la­men­to del ver­ba­le su car­ta con il lo­go del M5s in Re­gio­ne. Il po­po­lo gril­li­no, che il gior­no pri­ma si era sca­te­na­to in di­fe­sa di Sca­ra­bel, pas­sa ad at­tac­car­lo. Sca­ra­bel, che fi­no a po­co pri­ma ave­va det­to che la mul­ta non an­da­va pa­ga­ta per po­ter fa­re ri­cor­so, im­prov­vi­sa­men­te an­nun­cia: ho pa­ga­to la mul­ta. E mer­co­le­dì, su Fa­ce­book, an­nun­cia che fa­rà chia­rez­za e che si ri­ser­va «di pro­ce­de­re per vie le­ga­li». Le rea­zio­ni dei gril­li­ni su Fb sono tutt’al­tro che com­pren­si­ve: c’è chi gli di­ce di ver­go­gnar­si, chi di di­met­ter­si, men­tre sono mo­sche bian­che quel­li che lo com­pren­do­no.

Ie­ri le di­mis­sio­ni.

GRIL­LI­NI A si­ni­stra, Si­mo­ne Sca­ra­bel. So­pra, Ja­co­po Ber­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.