Bal­la­rin (Skal Club): «No al nu­me­ro chiu­so Pun­ta­re sul tu­ri­smo più re­spon­sa­bi­le»

Il Gazzetino (Venezia) - - Venezia - Giu­sep­pe Bab­bo

«Non pos­sia­mo im­pe­di­re ai tu­ri­sti di ve­ni­re a Ve­ne­zia: que­sta cit­tà rap­pre­sen­ta un so­gno per tut­to il mon­do». Le pa­ro­le sono di Aman­do Bal­la­rin (in fo­to), pre­si­den­te del­lo Skal Club Ve­ne­zia che mar­te­dì scor­so, du­ran­te la Gior­na­ta mon­dia­le del tu­ri­smo, ha or­ga­niz­za­to un con­ve­gno a Ca’ Rez­zo­ni­co sul te­ma "Quan­to di­pen­de da noi il tu­ri­smo di qua­li­tà?".

Bal­la­rin, lei è sta­to di­ret­to­re del cam­peg­gio Union Li­do a Ca­val­li­no-tre­por­ti e fi­no a po­che set­ti­ma­ne fa pre­si­den­te di As­so­cam­ping) Ch­je ne pen­sa del "nu­me­ro chiu­so"?

«È im­pos­si­bi­le da at­tua­re. Il tu­ri­smo non si può fer­ma­re so­prat­tut­to a Ve­ne­zia che sta re­gi­stran­do una no­te­vo­le cre­sci­ta. Crea­re un mo­del­lo di tu­ri­smo so­ste­ni­bi­le non è uto­pia: ci sono re­go­le che van­no ap­pli­ca­te. Ser­ve so­lo la vo­lon­tà». È dav­ve­ro si­cu­ro che pos­sa ba­sta­re? «Oc­cor­re an­che una mag­gio­re in­for­ma­zio­ne su co­me ci si de­ve com­por­ta­re in cen­tro sto­ri­co. Ma l'in­for­ma­zio­ne a dir­la tut­ta è la ve­ra pec­ca: a Pun­ta Sab­bio­ni non c'è al­cun car­tel­lo in­for­ma­ti­vo su co­sa vi­sta­re a Ve­ne­zia, fi­gu­ria­mo­ci se ci sono dei ma­ni­fe­sti con il di­vie­to di fa­re il ba­gno nei ca­na­li. Poi suc­ce­do­no si­tua­zio­ni qua­si co­mi­che con tu­ri­sti che una vol­ta ar­ri­va­ti a Pun­ta Sab­bio­ni o a piaz­za­le Ro­ma chie­do­no in­for­ma­zio­ni sul "bus" di­ret­to a San Mar­co: è sur­rea­le». E per in­te­gra­re il tu­ri­smo con la cit­tà? «La po­li­ti­ca, e mi ri­fe­ri­sco an­che al­le isti­tu­zio­ni lo­ca­li, de­ve fa­re la pro­pria par­te in­cen­ti­van­do le at­ti­vi­tà sto­ri­che a ri­ma­ne­re aper­te, met­ten­do­le in re­te tra di lo­ro: è un van­tag­gio per i re­si­den­ti ma an­che per gli ospi­ti per­ché co­sì pos­so­no co­no­sce­re del­le for­me di tu­ri­smo di al­ta qua­li­tà. Van­no svi­lup­pa­ti poi iti­ne­ra­ri al­ter­na­ti­vi a quel­li clas­si­ci ma al­tret­tan­to sug­ge­sti­vi». In tut­to que­sto lo Skal co­me si po­ne? «Stia­mo pro­muo­ven­do pro­prio in­te­ra­ri al­ter­na­ti­vi a Ve­ne­zia e nel­la la­gu­na. Per esem­pio quel­lo svi­lup­pa­to dal tour ope­ra­tor Li­mo­sa che ha re­cen­te­men­te vin­to il pre­mio Tu­ri­smo re­spon­sa­bi­le ita­lia­no e tu­ri­smo cul­tu­ra Une­sco pro­muo­ven­do un tu­ri­smo re­spon­sa­bi­le nel­la la­gu­na di Ve­ne­zia: fa­re tu­ri­smo so­ste­ni­bi­le, an­che cul­tu­ral­men­te, è pos­si­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.