Sgra­vi, ma­xi-scon­to su­gli in­te­res­si

De­col­la in com­mis­sio­ne al Se­na­to il di­se­gno di leg­ge che di­mez­za la som­ma da re­sti­tui­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Mestremargheramarcon - Mar­co Do­ri

Un ul­ti­mo pas­sag­gio an­co­ra e poi lo scon­to sa­rà real­tà. Si sta per chiu­de­re l'an­no­sa que­stio­ne de­gli sgra­vi Inps che ha pe­na­liz­za­to mol­te azien­de, so­prat­tut­to a Ve­ne­zia e Chiog­gia. En­tro un me­se, il Se­na­to do­vreb­be ap­pro­va­re il di­se­gno di leg­ge già aval­la­to dal­la Ca­me­ra che pro­met­te un so­stan­zio­so scon­to su­gli in­te­res­si che le im­pre­se de­vo­no pa­ga­re all'inps. Si par­la di 30 mi­lio­ni in me­no, cir­ca la me­tà di quan­to chie­sto dal­lo Sta­to.

Si chiu­de­reb­be co­sì una vi­cen­da co­min­cia­ta a me­tà an­ni '90, quan­do l'ita­lia con­ces­se a di­ver­se azien­de la­gu­na­ri age­vo­la­zio­ni con­tri­bu­ti­ve le­ga­te al­le spe­ci­fi­ci­tà del ter­ri­to­rio, sgra­vi poi boc­cia­ti dall'europa e bol­la­ti co­me aiu­ti di Sta­to, con tan­to di mul­ta e ri­chie­sta di ri­sar­ci­men­to. Quel che è peg­gio è che al­le azien­de è ar­ri­va­ta, ol­tre al­la ri­chie­sta di ri­fon­de­re gli sgra­vi ri­ce­vu­ti, an­che l'in­ti­ma­zio­ne a pa­ga­re in­te­res­si "mon­stre", cal­co­la­ti sul 200% del­lo sgra­vio; il che vuol di­re che se le azien­de ave­va­no ri­ce­vu­to 1 do­ve­va­no, tra con­to ca­pi­ta­le e in­te­res­si, re­sti­tui­re 3. Un sa­las­so che ha fat­to gri­da­re al­lo scan­da­lo, e che ha mes­so in dif­fi­col­tà mol­te del­le at­ti­vi­tà coin­vol­te nei set­to­ri edi­le, ar­ti­gia­na­le e com­mer­cia­le.

Ora pe­rò lo sce­na­rio cam­bia. La com­mis­sio­ne La­vo­ro del Se­na­to ha de­ci­so di ac­co­glie­re in se­de de­li­be­ran­te il di­se­gno di leg­ge pre­sen­ta­to al­la Ca­me­ra. Que­sto vuol di­re nien­te pas­sag­gio con­sul­ti­vo in au­la al Se­na­to. Il che vuol di­re tem­pi bre­vi per l'ap­pro­va­zio­ne de­fi­ni­ti­va e nes­su­na pos­si­bi­li­tà di sgam­bet­ti po­li­ti­ci, o qua­si. «L'ap­pro­va­zio­ne - spie­ga il se­na­to­re Ma­rio Dal­la Tor (Ap) ga­ran­ti­rà con­ti­nui­tà azien­da­le a mol­te del­le im­pre­se coin­vol­te. Di­ver­sa­men­te il dan­no per im­pre­se e gli ef­fet­ti sull'oc­cu­pa­zio­ne sa­reb­be­ro dram­ma­ti­ci».

Con­fin­du­stria Ve­ne­zia e Rovigo, l'as­so­cia­zio­ne ve­ne­zia­na al­ber­ga­to­ri, An­ce Ve­ne­zia e Le­ga­coop Ve­ne­to si di­co­no sod­di­sfat­te, sot­to­li­nean­do il buon la­vo­ro di squa­dra tra as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria e po­li­ti­ca. Re­sta il fat­to che lo "scon­to", per quan­to ac­col­to a brac­cia aper­te, non to­glie l'ama­ro in boc­ca. Le im­pre­se, in­fat­ti, han­no già pa­ga­to 20 mi­lio­ni di con­to ca­pi­ta­le sui 30 ri­chie­sti. Se­gno che qual­cu­no, nel frat­tem­po, ha chiu­so i bat­ten­ti op­pu­re non è in gra­do di pa­ga­re quan­to do­vu­to. Poi ci sono gli in­te­res­si: do­ve­va­no es­se­re al­tri 60 mi­lio­ni, sa­ran­no in­ve­ce 30 o for­se me­no, vi­sto che se qual­cu­no non è sta­to in gra­do di pa­ga­re og­gi, pro­ba­bil­men­te non lo fa­rà nep­pu­re domani.

«Ven­di­ta di­ret­ta

dai pro­dut­to­ri»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.