Ce­re­ser: «Leo, bul­li­smo me­dia­ti­co»

Il Gazzetino (Venezia) - - Sandonàdipiave -

SAN DO­NÀ - «Se vuoi pren­di­te­la con me, non con un con­si­glie­re di mi­no­ran­za». Ce­re­ser non ci sta e stri­glia Leo.

Va giù du­ris­si­mo il sin­da­co do­po la po­le­mi­ca in­ne­sca­ta da Oli­vie­ro Leo ("Sce­gli ci­vi­ca") che ave­va at­tac­ca­to il con­si­glie­re Al­bi­no Zan­gran­do (li­sta con Zaccariotto) ad­du­cen­do «il le­ga­me af­fet­ti­vo con Fran­ce­sca Zot­tis, con­si­glie­ra re­gio­na­le del Pd» a mo­ti­vo del­la sua per­ma­nen­za in au­la nel Con­si­glio co­mu­na­le di lu­ne­dì, ga­ran­ten­do co­sì il nu­me­ro le­ga­le no­no­stan­te l'ab­ban­do­no del re­sto dell'op­po­si­zio­ne.

An­drea Ce­re­ser si ri­vol­ge di­ret­ta­men­te a Leo: «Sono ama­reg­gia­to dal­lo squal­lo­re rag­giun­to dal­la po­li­ti­ca san­do­na­te­se in que­sti gior­ni, an­che a cau­sa di un tuo intervento che è bul­li­smo me­dia­ti­co. Ag­gre­di­sci Zan­gran­do su­gli af­fet­ti, spor­can­do una co­sa bel­la, qua­le è una sto­ria d'amo­re, con schiz­zi di fan­go po­li­ti­co. Sono scon­cer­ta­to che un uo­mo di espe­rien­za pos­sa ri­dur­si a que­sto at­teg­gia­men­to. Nei no­stri scon­tri po­li­ti­ci, du­ri e de­fi­ni­ti­vi, non han­no mai ri­guar­da­to fa­mi­glie e que­stio­ni per­so­na­li. È fuor­vian­te che te la pren­di con un con­si­glie­re di mi­no­ran­za quan­do il ve­ro obiet­ti­vo sono io».

E il sin­da­co af­fon­da la la­ma con­tro Oli­vie­ro Leo: «In fat­to di li­nea­ri­tà non puoi da­re le­zio­ni, vi­sto il tuo per­cor­so, fat­to di ri­po­si­zio­na­men­ti e li­ti­gi. No­no­stan­te la tua li­sta sia all'op­po­si­zio­ne ri­por­ta an­co­ra la di­ci­tu­ra "con An­drea Ce­re­ser sin­da­co". Po­tre­sti di­re ai tuoi di to­glier­la per coe­ren­za. In fu­tu­ro ri­vol­gi­ti a me, non ad al­tri e non met­te­re in mez­zo que­stio­ni per­so­na­li. Non fai una bel­la fi­gu­ra e non la fa la po­li­ti­ca san­do­na­te­se».

«In­fa­man­ti le pa­ro­le di Leo che di­men­ti­ca che l'uni­ca li­sta che sal­ta i ban­chi è la sua re­pli­ca Zan­gran­do -. Leo e la Bab­bo non han­no nes­su­na de­le­ga per de­ci­de­re per l'in­te­ra mi­no­ran­za. Il fat­to che Leo non ab­bia ar­go­men­ta­zio­ni è evi­den­te da­gli at­tac­chi per­so­na­li, si at­ten­ga ai fat­ti po­li­ti­ci e si pre­oc­cu­pi del­la pre­sen­za e de­gli in­ter­ven­ti del­la sua li­sta».

D.d.bor.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.