In­tri­go internazionale sui qua­dri di Ca­stel­vec­chio

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità - Mas­si­mo Ros­si­gna­ti

Set­te­cen­to fir­me rac­col­te in due gior­ni per ri­por­ta­re a Ve­ro­na i 17 ca­po­la­vo­ri di Tin­to­ret­to, Ru­bens, Man­te­gna e Pi­sa­nel­lo, ru­ba­ti al mu­seo sca­li­ge­ro di Ca­stel­vec­chio il 19 no­vem­bre 2015, ri­tro­va­ti tra l'ucrai­na e la Mol­do­va dal­la Po­li­zia di fron­tie­ra ucrai­na il 6 mag­gio scor­so e an­co­ra og­gi pe­rò nel­la ma­ni del­le au­to­ri­tà ucrai­ne.

È il “Ma­ni­fe­sto dei cit­ta­di­ni ve­ro­ne­si per il rien­tro im­me­dia­to dei qua­dri di Ca­stel­vec­chio”, lan­cia­to dall'ex di­ret­to­re ge­ne­ra­le del­la Rai, Al­fre­do Meoc­ci, e su­bi­to spo­sa­to dal­la So­cie­tà del­le Bel­le Ar­ti di Ve­ro­na e dal suo pre­si­den­te Gian­ni Lol­lis, pre­sen­ta­to ie­ri a Ve­ro­na. Nel frat­tem­po, con in­cre­di­bi­le tem­pi­smo, il pre­si­den­te del Con­si­glio Mat­teo Ren­zi, in­con­tran­do il lea­der ucrai­no Po­ro­shen­ko ai fu­ne­ra­li di Shi­mon Pe­res in Israe­le, ha an­nun­cia­to: «I qua­dri li ri­por­te­rò a Ve­ro­na per no­vem­bre, co­me d'ac­cor­do con il pre­si­den­te ucrai­no». So­lo che, do­po tan­te pro­mes­se (i qua­dri do­ve­va­no già ar­ri­va­re a lu­glio...) a Ve­ro­na si fi­da­no po­co e han­no lan­cia­to que­sta sot­to­scri­zio­ne tra per­so­nag­gi del­la cul­tu­ra, co­me Vittorio Sgar­bi che ha già da­to il suo so­ste­gno all'ini­zia­ti­va, ma an­che sem­pli­ci cit­ta­di­ni, che ver­rà poi in­via­ta al Mi­ni­stro dei Be­ni Cul­tu­ra­li, Da­rio Fran­ce­schi­ni, all'am­ba­scia­to­re ita­lia­no in Ucrai­na ed all'am­ba­scia­to­re ucrai­no in Ita­lia. Ma an­che al sin­da­co di Ve­ro­na, Fla­vio To­si, ac­cu­sa­to di aver con­ces­so una for­se trop­po ve­lo­ce cit­ta­di­nan­za al lea­der ucrai­no, mo­ti­va­ta nel­la de­li­be­ra «dall’im­pe­gno di­mo­stra­to dal pre­si­den­te stes­so nell’ope­ra di ri­tro­va­men­to e nel­la re­sti­tu­zio­ne al­la cit­tà di Ve­ro­na del­le 17 ope­re d’ar­te tra­fu­ga­te». Ope­re che pe­rò a Ve­ro­na non sono an­co­ra tor­na­te.

«La per­ma­nen­za dei qua­dri in Ucrai­na - ha det­to Meoc­ci - vio­la il di­rit­to internazionale. L’ar­ti­co­lo 7 del­la con­ven­zio­ne di Parigi del 1970, sot­to­scrit­ta dall’une­sco, di­ce che uno Sta­to le cui au­to­ri­tà ri­tro­vi­no all’in­ter­no del ter­ri­to­rio na­zio­na­le dei be­ni cul­tu­ra­li pro­prie­tà di un al­tro Sta­to ne de­ve prov­ve­de­re all’im­me­dia­ta re­sti­tu­zio­ne al Pae­se le­git­ti­mo pro­prie­ta­rio».

Il “Ma­ni­fe­sto” pun­ta a smuo­ve­re quel­lo che si è tra­sfor­ma­to in un ve­ro in­tri­go di­plo­ma­ti­co internazionale, nel qua­le i qua­dri, va­lu­ta­ti 16 mi­lio­ni di eu­ro ma in real­tà ine­sti­ma­bi­le pa­tri­mo­nio del­la cit­tà di Ve­ro­na, sono di­ven­ta­ti de­gli ostag­gi nel­la bat­ta­glia tra Ucrai­na e Rus­sia, con la pri­ma che vuo­le es­se­re ri­co­no­sciu­ta e con­si­de­ra­ta e la se­con­da che in­ve­ce fa pe­sa­re il suo sto­ri­co ruo­lo di part­ner com­mer­cia­le, so­prat­tut­to nei con­fron­ti dell'ita­lia. Tan­to che pro­prio mar­te­dì scor­so, nel­la sua vi­si­ta a Ve­ro­na, il pre­si­den­te del con­si­glio, Mat­teo Ren­zi, ave­va det­to non a ca­so: «I qua­dri a Ve­ro­na li ri­por­te­rò io». Per evi­ta­re si­tua­zio­ni che po­treb­be­ro ap­pa­ri­re co­me le­git­ti­ma­zio­ni ec­ces­si­ve al pre­si­den­te ucrai­no. E’ su que­sto che da me­si stan­no la­vo­ran­do le di­plo­ma­zie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.